Superbike Misano Prove 3: Giugliano davanti a Melandri

Superbike Misano Prove 3: Giugliano davanti a Melandri

Allo scadere Giugliano si ripropone davanti a tutti

Commenta per primo!

Prosegue il duello tutto italiano nel Mondiale Superbike al ‘Misano World Circuit Marco Simoncelli’. La terza sessione di prove libere, decisiva per determinare i 10 piloti ammessi di diritto alla “Superpole 2” (ed i restanti 10, classificatisi dall’11° alla 20° posizione nella graduatoria dei tempi dei tre turni di libere, per la “Superpole 1”), ha riproposto in cima al monitor dei tempi Davide Giugliano seppur con soli 86 millesimi di vantaggio rispetto a Marco Melandri. A lungo al comando della graduatoria con la Aprilia RSV4 Factory vestita con i trionfali colori della 250cc condotta alla vittoria proprio a Misano nel 1987 da Loris Reggiani, il ravennate allo scadere si è visto “soffiare” il miglior riferimento cronometrico dal portacolori del Ducati Superbike Team, autore di un rimarchevole 1’36″125 sufficiente per confermare quanto di buono espresso ieri nel corso delle FP2.

Il doppio-binomio Giugliano-Ducati e Melandri-Aprilia in evidenza all’ex Circuito Santamonica, ma nel corso della terza sessione di prove libere tanti protagonisti si sono giocati un posto nella top-10, separati da una manciata di centesimi. Con Tom Sykes, concentratosi sul passo-gara, sestto preceduto dai transalpini Sylvain Guintoli (Aprilia Racing) e dal proprio compagno di squadra Loris Baz (quarto) più Chaz Davies (quinto con la seconda Ducati 1199 Panigale R ufficiale), si sono qualificati direttamente alla “Superpole 2” gli alfieri del team Crescent Suzuki Alex Lowes (8°) ed Eugene Laverty (10°) più la coppia Pata Honda formata da Leon Haslam (risalito fino alla settima piazza) e Jonathan Rea, nono complice un problema tecnico accusato alla propria Honda CBR 1000RR Fireblade SP a fine sessione.

Sfuma questo traguardo per Toni Elias, costretto a passare per la “tagliola” della SP1 in compagnia di tutti i migliori interpreti della classe “EVO”: davanti a tutti figura nuovamente la Ducati 1199 Panigale R dell’Althea Racing affidata a Niccolò Canepa seguito dal rientrante Sylvain Barrier (gran giro con la S1000RR di BMW Motorrad Italia) e dal bi-Campione italiano Superbike Matteo Baiocco, wild card con la Ducati Panigale del Team Grandi Corse, incappato in una scivolata alla “Variante del Parco”, ma in grado di staccare un buon 14° crono davanti a Fabien Foret (a sua volta scivolato alla curva del “Rio”), Sheridan Morais, la Bimota di Ayrton Badovini, la MV Agusta di Claudio Corti, David Salom (leader di classe in campionato) e Ivan Goi.

Il capoclassifica del CIV Superbike con la Ducati 1199 Panigale R del Barni Racing Team si è qualificato per la “Superpole 1” a scapito dei due alfieri del Team Pedercini, Riccardo Russo (23° all’esordio in Superbike da sostituto dell’infortunato Luca Scassa )e Alessandro Andreozzi, in fondo al gruppo le EBR 1190RX ufficiali con Geoff May incappato in una scivolata alla curva del “Tramonto”.

eni FIM Superbike World Championship 2014
Misano World Circuit Marco Simoncelli, Classifica Combinata FP1-FP2-FP3

01- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – 1’36.125
02- Marco Melandri – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.086
03- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.216
04- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 0.284
05- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 0.284
06- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 0.372
07- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 0.464
08- Alex Lowes – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.573
09- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 0.750
10- Eugene Laverty – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.817
11- Toni Elias – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 0.946
12- Niccolò Canepa – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 1.308 (EVO)
13- Sylvain Barrier – BMW Motorrad Italia Superbike Team – BMW S1000RR – + 1.454 (EVO)
14- Matteo Baiocco – Grandi Corse by A.P. Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 1.766 (EVO)
15- Fabien Foret – MAHI Racing Team India – Kawasaki ZX-10R – + 1.767 (EVO)
16- Sheridan Morais – IRON BRAIN Grillini Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1.813 (EVO)
17- Ayrton Badovini – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – + 1.878 (EVO)
18- Claudio Corti – MV Agusta Reparto Corse – MV Agusta F4 RR – + 1.942
19- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1.997 (EVO)
20- Ivan Goi – Barni Racing Team – Ducati 1199 Panigale R – + 2.034 (EVO)
21- Christian Iddon – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – + 2.045 (EVO)
22- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 2.183 (EVO)
23- Riccardo Russo – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 2.277 (EVO)
24- Alessandro Andreozzi – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R – + 2.725 (EVO)
25- Bryan Staring – IRON BRAIN Grillini Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 3.287 (EVO)
26- Imre Toth – BMW Team Toth – BMW S1000RR – + 4.114
27- Aaron Yates – Team Hero EBR – EBR 1190RX – + 4.299
28- Peter Sebestyen – BMW Team Toth – BMW S1000RR – + 4.869 (EVO)
29- Geoff May – Team Hero EBR – EBR 1190RX – + 5.051
30- Michael Savary – Dream Team Company – MV Agusta F4 RR – + 7.062

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy