Superbike: Michel Fabrizio “Soddisfatto a metà, buona Gara 1”

Superbike: Michel Fabrizio “Soddisfatto a metà, buona Gara 1”

Lotta per il podio in Australia nella prima manche

Commenta per primo!

Vedere il bilancio con il bicchiere mezzo pieno grazie ad una prima gara da protagonista, o mezzo vuoto per la mancata riconferma nella seconda manche conclusa soltanto in ottava posizione? Michel Fabrizio sceglie, giustamente, la prima opzione: a Phillip Island, all’esordio con Suzuki Alstare, ha lottato per il podio nella prima contesa, agganciando il gruppetto degli inseguitori lontani dai fuggitivi Checa e Biaggi. In rimonta dopo una problematica partenza (11° al primo giro), si è trovato ad un passo dall’assaporare lo champagne del podio; non è andata così nella seconda manche, ottavo complice qualche piccolo problema di “chattering”.

Su certi aspetti posso ritenermi soddisfatto, su altri no“, spiega Michel Fabrizio. “Sono felice perchè sono stato in grado di lottare con i piloti di testa nelle due gare e questa è una buona dose di fiducia. Non sapevo con esattezza cosa aspettarmi dalla mia prima gara con il team Suzuki Alstare ed è stato bello poter lottare per il podio nella prima gara. Forse se fossi riuscito a partir meglio avrei sicuramente concluso nella top-3, invece mi sono ritrovato 11° al termine del primo giro lottando nel gruppo degli inseguitori, non proprio semplice perchè ci sono diversi buoni piloti con moto competitive.

C’è voluto del tempo, ma verso metà gara ero 5° e ho iniziato a lottare con Laverty, Melandri e Haslam. E’ stato divertente, ero pronto a sferrare l’attacco decisivo, ma proprio in quel momento gli pneumatici hanno perso grip ed era difficile provare a sorpassare così ho concluso sesto.

Per gara 2 ho usato la stessa moto e pneumatici, modificando solo qualche aspetto della messa a punto. Purtroppo già dai primi giri ho iniziato ad avvertire chattering, questo non mi ha consentito di guidare al meglio: ho cercato di evitare rischi inutili, ma allo stesso tempo non ero in grado di concludere nuovamente nella top-6.

Non posso esser felice dell’ottavo posto, ma complessivamente penso possiamo ritenerci soddisfatti delle nostre performance oggi. Questa sarà una stagione molto dura, più degli scorsi anni, ed iniziarla con questi buoni risultati è il miglior modo“.

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy