Superbike: Leon Haslam “Ho fiducia nella Honda per il 2014”

Superbike: Leon Haslam “Ho fiducia nella Honda per il 2014”

Punta al completo recupero e ad una stagione del riscatto

Commenta per primo!

Un ritorno in Honda condizionato dal brutto infortunio nel terzo round ad Assen con la frattura di tibia e perone della gamba sinistra. Di fatto in quel momento si è conclusa la stagione 2013 di Leon Haslam, costretto a stringere i denti nei restanti eventi del calendario, ma ora, grazie ad un nuovo intervento chirurgico, deciso a dar vita ad un gran 2014 sotto le insegne del Pata Honda World Superbike Team. Questo l’obiettivo del vice-Campione del Mondo 2010, ribadito in un’intervista autoprodotta dall’ufficio stampa del team Pata Honda.

La doppia frattura alla gamba destra, rimediata al terzo round, di fatto ha condizionato la tua stagione. Come hai trovato le motivazioni per tornare così presto in sella?

Dopo questo infortunio ero determinato a tornare in pista il più in fretta possibile, così come ho sempre fatto in questi anni. Tuttavia questo è stato senza dubbio il peggior infortunio di sempre: non tanto per la frattura in sé, bensì per il danno ai tessuti, questo non ha permesso un completo recupero perchè non riuscivo a far forza sulla gamba infortunata“.

Com’è stato dover recuperare da questo infortunio correndo praticamente ogni due settimane?

E’ stato davvero difficile correre ed al contempo recuperare da questo infortunio: sicuramente ha pregiudicato la possibilità di dare il massimo in sella e guidare al meglio la mia moto. Oltre a questo bisogna ricordare che era il mio primo anno con questa squadra e con la nuova moto, pertanto è stato tutto più difficile del previsto“.

A che punto sei adesso in termini di recupero dall’infortunio?

L’infortunio è in via di guarigione e recentemente mi sono sottoposto ad un nuovo intervento. Nello specifico sono state rimosse alcune viti che sostenevano la placca per risistemare la frattura. Adesso con il mio preparatore atletico Kirk Gibbons mi sto preparando per esser davvero al 100 % per Phillip Island“.

Parlando della Honda CBR, com’è cresciuta nell’arco della stagione?

La moto è simile a com’era in partenza, ma rispetto all’inizio del 2013 abbiamo raccolto tante informazioni importanti per sviluppare l’elettronica nei prossimi test invernali. Con questa stagione di sviluppo sono fiducioso che possiamo puntare in alto l’anno prossimo“.

Sei tornato quest’anno in Honda, quali sono adesso gli obiettivi per il 2014?

La mia priorità adesso è di ritrovare la piena forma fisica e lavorare nei prossimi test per disporre di un buon pacchetto per il 2014. Sono convitno che è nelle nostre potenzialità, lavoreremo per questo nei prossimi test“.

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy