Superbike: Jonathan Rea “A Miller possiamo fare bene”

Superbike: Jonathan Rea “A Miller possiamo fare bene”

Il britannico vuole risalire ulteriormente in classifica

Commenta per primo!

Jonathan Rea non ha ottenuto risultati di rilievo a Miller Motorsport Park nelle ultime due stagioni. Per trovare un score all’altezza del talento del nord-irlandese bisogna tornare alla stagione 2009, quando il pilota Honda World Superbike ottenne un terzo posto in gara 2 nel suo anno da “Rookie”. Come ammette lo stesso Rea, i problemi incontrati sulla pista americana nel passato recente hanno riguardato principalmente la stabilità della CBR 1000RR in ingresso di curva, un fattore cruciale sul tracciato dello Utah. In questa stagione 2012 il pilota di Ballymena non può permettersi passi falsi, in quanto la classifica gli sorride, essendo infatti al terzo posto con 20.5 di distacco dal leader Biaggi, frutto soprattutto della seconda vittoria stagionale conquistata nel rocambolesco finale di Donington Park gara 2.

“Uno dei problemi avuti lo scorso anno”, ammette Jonathan Rea, “riguardava la stabilità in ingresso di curva ma, dopo l’introduzione del ride-by-wire e alcune migliorie fatte dai ragazzi di recente, abbiamo compiuto un passo avanti in quell’area. Miller è un circuito che richiede molta fiducia all’ingresso di alcune curve e lavoreremo questo fine settimana con lo stesso approccio di Donington.

Non eravamo costantemente nella parte alta della classifica in ogni sessione ma si sa che che la vittoria si decide negli ultimi cinque giri, quindi seguiremo ancora questa via. Sarebbe bello che ci fossero delle temperature più alte sull’asfalto, questo ci permetterebbe di lavorare con gomme più morbide, ma si vedrà soltanto una volta lì quale sarà il tempo e giovedì faremo un piano d’azione. Non vedo l’ora che arrivi il fine settimana, mi piace molto la pista ed è sempre bello andare in America”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy