Superbike Imola Qualifiche 2: Rea, Sykes, Giugliano in 0″077

Superbike Imola Qualifiche 2: Rea, Sykes, Giugliano in 0″077

Il più veloce per 13 millesimi su Sykes, 77 su Giugliano

di Redazione Corsedimoto

Splende il sole all’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” di Imola, una buona notizia per i protagonisti del Mondiale Superbike scesi in pista per il secondo turno di qualifiche ufficiali decisivo per decretare i 15 ammessi alla Superpole in programma questo pomeriggio a partire dalle 15:00. Non un problema per Jonathan Rea, vincitore di Gara 1 al Santerno nel 2011, con la Honda CBR 1000RR Fireblade preparata da Ten Kate autore del miglior riferimento cronometrico in 1’47″205 in un avvincente finale che ha visto tre piloti racchiusi nello spazio di 77/1000: a 0″013 insegue infatti Tom Sykes, a 0″077 il nostro Davide Giugliano, terzo con la Aprilia Althea.

Premesse per una Superpole combattuta come non mai con i nostri portabandiera attesi protagonisti: detto di Giugliano, a 4/10 dalla vetta ed in quarta posizione assoluta figura la Aprilia RSV4 Factory del team Red Devils Roma condotta da Michel Fabrizio, poco staccati anche Marco Melandri (5°) ed Ayrton Badovini, sesto confermandosi ad alti livelli con la 1199 Panigale R del Team Ducati Alstare da questo weekend priva degli air-restrictor imposti dal regolamento FIM.

Spicca il tricolore nella top-10 mentre il capoclassifica di campionato Sylvain Guintoli ha concluso in settima piazza a precedere il compagno di squadra Eugene Laverty, risale invece fino alla decima piazza Chaz Davies, l’ultimo dei piloti con un distacco inferiore al 1″: Carlos Checa, undicesimo, sconta infatti 1″044 con la seconda Panigale del Team Ducati Alstare. Tra i 15 piloti ammessi alla Superpole c’è anche spazio per Leon Haslam (12°), Jules Cluzel (13°), Loris Baz (14°) e Max Neukirchner (15°), non per i nostri Federico Sandi e Vittorio Iannuzzo rispettivamente in 16esima e 17esima piazza a precedere il rientrante Noriyuki Haga, volato a terra alla variante del “Tamburello” dopo un’escursione fuori pista.

Al via per l’occasione con una BMW S1000RR preparata da Feel Racing ed iscritta dal team Grillini, “Nitronori” partirà dal fondo dello schieramento insieme ad Alexander Lundh, sfortunato protagonista di un pauroso volo alla variante “Villeneuve” con la propria Kawasaki Pedercini demolita.

eni FIM Superbike World Championship 2013
Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” Imola, Classifica Combinata Qualifiche

01- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – 1’47.205
02- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 0.013
03- Davide Giugliano – Althea Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 0.077
04- Michel Fabrizio – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 0.414
05- Marco Melandri – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 0.453
06- Ayrton Badovini – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 0.469
07- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.673
08- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.753
09- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.942
10- Chaz Davies – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 0.992
11- Carlos Checa – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 1.044
12- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 1.280
13- Jules Cluzel – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.415
14- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1.463
15- Max Neukirchner – MR Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 1.658
16- Federico Sandi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 2.782
17- Vittorio Iannuzzo – Grillini Dentalmatic SBK – BMW S1000RR – + 3.582
18- Noriyuki Haga – Grillini Dentalmatic SBK – BMW S1000RR – + 4.475
19- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 5.027

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy