Superbike: due parole con Marco Melandri prima di Monza

Superbike: due parole con Marco Melandri prima di Monza

Il pilota Yamaha si aspetta un fine settimana difficile

Commenta per primo!

Marco Melandri è pronto per una difficile sfida, quella che lo aspetta questo fine settimana sulla pista di Monza per il quarto round della stagione 2011 Superbike. Il pilota ufficiale Yamaha, dopo il round difficile di Assen, si ritrova così a dover dare il massimo su un tracciato che è unico nel panorama motociclistico mondiale, e decisamente atipico quanto a forma rispetto agli altri. Nonostante questo, l’ex pilota MotoGP è pronto a dare il massimo davanti al pubblico di casa. BIKEracing.it lo ha contattato telefonicamente, rilevando le sue impressioni a pochi giorni dall’inizio di questo importante evento. Cosa pensi della sfida che ti attende a Monza, un circuito nuovo per te? “Sarà sicuramente una gara per noi di sicuro non facile, per diversi motivi. Dovrò imparare una pista anomala rispetto alle altre, e poi dalle gare precedenti ho potuto constatare che la moto si guida molto bene, ma fatica quanto a velocità di punta. Speriamo quindi di essere abbastanza competitivi.” Sei pronto quindi a recuperare il passo delle prime gare, dopo il week-end sfortunato di Assen “Ad Assen avevamo un buon passo, potevamo fare dei risultati decisamente migliori, caduta a parte. La mia preoccupazione, come in tutte le domeniche, è che Ducati riesca ad utilizzare delle gomme morbide, a differenza degli altri. Checa, nelle gare che non ha vinto, ha utilizzato le stesse scelte di mescola degli altri. Quando quindi lui riesce a utilizzare gli pneumatici morbidi, diventa impossibile per tutti competere con lui.” Il circuito di Monza non è però notoriamente favorevole alle Ducati “Nello scorso week-end del CIV ho visto le Ducati parecchio veloci, hanno fatto 328 km/h di velocità di punta, quindi non credo saranno indietro su questo.” Servizio Fotografico Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy