Superbike Donington Superpole: Giugliano in pole con la 1199

Superbike Donington Superpole: Giugliano in pole con la 1199

Superpole bagnata, Giugliano in pole, 3° Melandri

Commenta per primo!

Sotto la pioggia è andata in scena la Superpole del quinto appuntamento stagionale del World Superbike 2014 che ha riportato in pole position Davide Giugliano e la Ducati. Nonostante una fuori pista all’ultimo tentativo in pieno “Melbourne Hairpin”, il pilota ufficiale del Ducati Superbike Team si è districato bene nelle condizioni di scarsa aderenza fermando i cronometri sull’1’44″903 sufficiente per far sua la seconda pole position in carriera dopo l’exploit dello scorso anno al Moscow Raceway su Aprilia Althea, la terza per la Ducati 1199 Panigale R, già in pole nel 2013 a Phillip Island (con Carlos Checa) e Nurburgring (con Ayrton Badovini). Prestazione da incorniciare per il Campione 2011 della Superstock 1000 FIM Cup, grande protagonista in una decisiva “SP2” ricca di colpi di scena.

Con Giugliano bravo a sfruttare le peculiarità della bicilindrica di Borgo Panigale, in prima fila, esenti da errori, prenderanno il via nelle due gare in programma domani un “ritrovato” Leon Haslam (2° con la Honda CBR 1000RR SP del Pata Honda World Superbike Team) e Marco Melandri, ottimo terzo in una delle sue migliori Superpole da pilota ufficiale Aprilia Racing. Il ravennate, a Donington vincitore in Superbike nel 2011 (con Yamaha) e 2012 (primo successo per BMW), punta a due gare da protagonista con le mutevoli condizioni climatiche dell’East Midlands che potrebbero favorire nella corsa alla vittoria anche il Campione BSB in carica Alex Lowes, quarto assoluto e a tratti in pole provvisoria con la prima Suzuki GSX-R 1000 del team Crescent rifilando un distacco abissale nell’ordine di 2″7 al più quotato compagno di squadra (e vice-Campione del Mondo in carica) Eugene Laverty, 10° e tra i protagonisti “mancati” della Superpole insieme a Chaz Davies (11°) più Sylvain Guintoli, quinto dopo una scivolata nei primi minuti alla “Esses Fogarty”.

Incappato in una caduta al “Melbourne Hairpin” invece il capoclassifica di campionato Jonathan Rea, costretto a prender il via dall’ottava casella affiancato in terza fila da Tom Sykes (7°) e Toni Elias (9° ed il più veloce in 1’49″026 nella “SP1”), preceduti da un positivo Loris Baz che porta la prima Kawasaki Ninja ZX-10R ufficiale KRT in sesta posizione. Sfortunatissimo uno dei pretendenti alla pole quale Ayrton Badovini, qualificatosi grazie al 2° crono nel corso della “SP1”, ma suo malgrado volato a terra nei pressi dello “Starkey’s Bridge”. Impossibilitato a salire in sella alla propria Bimota BB3 nella “SP2”, Speedy Ayrton si è così qualificato in dodicesima posizione seppur in qualità di “poleman” della classe “EVO”.

Oltre al pilota biellese sono caduti nel corso della “SP1” Niccolò Canepa (al “Melbourne Hairpin”, 16° in griglia) e, alle “Craner”, Leon Camier (18°) e Jeremy Guarnoni (20°). Non prenderà il via delle due gare in programma domani alle 12:00 e 15:00 locali (le 13:00 e 16:00 italiane) Bryan Staring, ingaggiato dal team Grillini in sostituzione di Michel Fabrizio, suo malgrado costretto alla resa per l’infortunio al gomito destro subìto due settimane or sono.

eni FIM Superbike World Championship 2014
Donington Park Circuit, Classifica Tissot-Superpole (SP2)

01- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – 1’44.903
02- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 0.106
03- Marco Melandri – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.208
04- Alex Lowes – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.355
05- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.936
06- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1.155
07- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1.338
08- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP – + 1.403
09- Toni Elias – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 1.423
10- Eugene Laverty – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.060
11- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R – + 5.196
12- Ayrton Badovini – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 – senza tempo (EVO)

La Griglia di Partenza

01- Davide Giugliano – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R
02- Leon Haslam – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP
03- Marco Melandri – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory
04- Alex Lowes – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000
05- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory
06- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
07- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
08- Jonathan Rea – Pata Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR SP
09- Toni Elias – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory
10- Eugene Laverty – Voltcom Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000
11- Chaz Davies – Ducati Superbike Team – Ducati 1199 Panigale R
12- Ayrton Badovini – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 (EVO)
13- Christian Iddon – Team Bimota Alstare – Bimota BB3 (EVO)
14- Claudio Corti – MV Agusta Reparto Corse Yakhnich Motorsport – MV Agusta F4 RR
15- Alessandro Andreozzi – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R (EVO)
16- Niccolò Canepa – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale R (EVO)
17- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R (EVO)
18- Leon Camier – BMW Motorrad Italia Superbike Team – BMW S1000RR (EVO)
19- Fabien Foret – MAHI Racing Team India – Kawasaki ZX-10R (EVO)
20- Jeremy Guarnoni – MRS Kawasaki – Kawasaki ZX-10R (EVO)
21- Romain Lanusse – Team Pedercini Racing – Kawasaki ZX-10R (EVO)
22- Sheridan Morais – IRON BRAIN Grillini Kawasaki – Kawasaki ZX-10R (EVO
23- Imre Toth – BMW Team Toth – BMW S1000RR
24- Aaron Yates – Team Hero EBR – EBR 1190RX
25- Geoff May – Team Hero EBR – EBR 1190RX
26- Peter Sebestyen – BMW Team Toth – BMW S1000RR (EVO)

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy