Superbike: Crescent Suzuki in gran spolvero a Donington

Superbike: Crescent Suzuki in gran spolvero a Donington

Leon Camier conquista un buon 4° posto in Gara 2

Commenta per primo!

Con il proprio pilota di punta (John Hopkins) in infermeria, il team Crescent Suzuki si è presentato lo stesso a Donington Park con legittime ambizioni su di un tracciato storicamente favorevole alle GSX-R 1000 preparate dalla formazione di Donington Park, ripensando al 2° posto da wild card di Tom Sykes in Gara 1 nel 2008 e alle vittorie conseguite lo scorso anno nel BSB proprio da Hopkins. Se il pilota californiano dovrebbe rientrare per l’appuntamento al Miller Motorsports Park, sul tracciato dell’East Midlands ha difeso egregiamente i colori FIXI Crescent Suzuki Leon Camier, capace di portare la “Gixxer” equipaggiata dai propulsori made in Yoshimura in 4° posizione nella seconda manche, a soli 4″ dalla vittoria. “Penso che il podio poteva essere alla nostra portata“, ha ammesso l’ex campione britannico Superbike, Supersport e 125 GP. “In Gara 1 abbiamo incontrato problemi ai freni (non la prima volta quest’anno, ndr), mentre nella seconda ho perso tempo nel duello con Laverty e Guintoli. Non siamo arrivati poi così distanti dalla 1° posizione, un buon segno ripensando ai problemi di inizio stagione. Paul Denning, boss di Crescent Motorcycles, ha confermato questa tesi. “Leon ha disputato una gran gara, peccato soltanto per l’assenza di Hopper. A Donington è sempre andato bene, poteva giocarsi il podio nelle due gare.” Hopkins è stato sostituito nel week-end dal 25enne Peter Hickman, tra i migliori piloti privati del British Superbike, che per questa partecipazione al Mondiale ha perso il posto in squadra al team MSS Bathams Kawasaki nel BSB: un “azzardo” ripagato dal 9° posto di Gara 2…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy