Superbike: copertura TV in HD e onboard camera nel 2011

Superbike: copertura TV in HD e onboard camera nel 2011

Cresce l’audience globale del World Superbike 2011

Commenta per primo!

Cresce l’audience, aumenta la copertura televisiva grazie all’impegno di Infront MotorSports, promoter del campionato. La Superbike per la stagione 2011 presenta diverse novità per la soddisfazione degli appassionati, che potranno seguire il campionato in TV con una maggiore copertura in HD (per le emittenti che trasmettono il segnale) ed il ritorno delle on-board camera, “sparite” da diverse stagioni a questa parte.

Un impegno di Infront MotorSports giustificato dai numeri in continua crescita: nel 2010 audience in salita del 33 % rispetto al 2009, raggiunti 498 milioni di telespettatori in 175 paesi grazie alla trasmissione su 94 differenti canali. Oltre a La7 per l’Italia, si segnalano tra i principali Eurosport (Europa), ESPN Star Sports (Asia), Supersport (Africa), Speed Channel (USA) e Al Jazeera (Medio Oriente) che hanno garantito un totale di 3.015 ore di trasmissione.

In media, ciascuno dei 13 appuntamenti della stagione 2010 ha generato 223 ore di copertura ed è stato visto da un pubblico complessivo di 40 milioni di persone.

La distribuzione televisiva in tutto il mondo e i dati di ascolto per il 2010 FIM Superbike World Championship dimostrano chiaramente il valore del campionato come una piattaforma di comunicazione per marchi affermati così come quelli nuovi“, ha spiegato Paolo Flammini, CEO Infront MotorSports. “La sua crescente fanbase e la divulgazione del campionato fornisce agli sponsor una efficace piattaforma per raggiungere un attraente target demografico nel nostro sport“.

Oltre alla crescita dei dati TV anche il sito web ufficiale del campionato, WorldSBK.com, ha garantito numeri da primato: 4 milioni di visitatori, 35 milioni di visite nel solo 2010, in rialzo del 30 %.

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy