Superbike Assen Prove 4: conferma di Tom Sykes

Superbike Assen Prove 4: conferma di Tom Sykes

Davanti a tutti nella mezz’ora di prove pre Superpole

Commenta per primo!

Leader nelle FP3, il Campione del Mondo in carica Tom Sykes si è confermato in cima al monitor dei tempi anche nella conclusiva mezz’ora di prove libere pre-Superpole. Lavorando soprattutto in assetto da gara, “The Grinner” con la Kawasaki Ninja ZX-10R ufficiale KRT ha fermato i cronometri sull’1’35″441, sufficiente per distanziare di 2/10 Davide Giugliano e Sylvain Guintoli, rispettivamente secondo e terzo a precedere Jonathan Rea (4°) ed Eugene Laverty (5°).

Cinque differenti case costruttrici (Kawasaki, Ducati, Aprilia, Honda, Suzuki) rappresentate ai primi cinque posti della graduatoria e racchiuse in soli 353/1000, altri tre attesi protagonisti con un distacco inferiore al 1″ dalla vetta: questo il caso di Loris Baz (Kawasaki KRT, 6°), Alex Lowes (Crescent Suzuki, 7° e vincitore ad Assen lo scorso anno in Gara 1 del British Superbike) più Toni Elias, decisamente competitivo questo fine settimana con la Aprilia RSV4 Factory del team Red Devils Roma. Se Marco Melandri 13° è nuovamente fuori dalla top-10, tra le “EVO” miglior crono e 9° posto assoluto di Leon Camier con la BMW S1000RR di BMW Motorrad Italia ereditata dall’infortunato Sylvain Barrier mentre Niccolò Canepa, sensazionale 7° nelle FP3 (e qualificatosi direttamente per la Superpole 2) è 11° con la Ducati 1199 Panigale R dell’Althea Racing.

Per quanto concerne gli altri nostri portabandiera, Claudio Corti è 16° con la MV Agusta F4 RR tra le Bimota BB3 Alstare di Christian Iddon (15°) ed Ayrton Badovini (17°), in 21° posizione figura Michel Fabrizio con la Kawasaki Grillini davanti alle Ninja ZX-10R del Team Pedercini Racing condotte da Alessandro Andreozzi (22°) e Luca Scassa (24°). Alle 15:00 la Superpole.

Classifica Superbike Assen Prove Libere 4

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy