Aprilia a Jerez: due scivolate non fermano Laverty e Guintoli

Aprilia a Jerez: due scivolate non fermano Laverty e Guintoli

Veloci in sella alle due Aprilia RSV4 Factory

Commenta per primo!

Ci sono due titoli mondiali (piloti e costruttori) conquistati lo scorso anno da difendere, ma senza l’artefice della “doppia-doppietta” del 2010 e 2012 e di ben 18 delle 20 vittorie conseguite dalla RSV4 in un quadriennio di successi nel Mondiale Superbike. Il team ufficiale Aprilia a Jerez de la Frontera ha affrontato la seconda sessione di test invernali senza Max Biaggi, ma con legittime ambizioni di ripetere l’esaltante 2012 con la rinnovata coppia formata dal riconfermatissimo Eugene Laverty (al secondo anno in Aprilia, vincitore lo scorso anno a Portimao) e dal neo-acquisto Sylvain Guintoli. Il passaggio alla nuova “era post-Corsaro” ha prodotto risultati apprezzabili (Giugliano compreso sono ben 3 le RSV4 ai primi 7 posti della classifica), ma anche qualche battuta d’arresto: tanto Laverty quanto Guintoli sono incappati in due distinte scivolate fortunatamente senza conseguenze. “La scivolata è stata dovuta ad una perdita di aderenza quando ho provato a spingere oltre il limite di grip della pista“, ha spiegato Eugene Laverty, autore di un miglior riferimento cronometrico (4° assoluto) in 1’41″043. “Nonostante le condizioni non ottimali della pista siamo riusciti a portare a termine un buon lavoro. I progressi rispetto ai test di novembre, su questo stesso circuito, confermano le mie sensazioni“. Soddisfatto, deciso e determinato “Norge”, fiducioso Sylvain Guintoli, soltanto al secondo test con la Aprilia RSV4 Factory riuscendo a staccare un crono di 1’41″683. “Sono stati due giorni molto interessanti. Ieri abbiamo avuto l’occasione di girare con pista bagnata, raccogliendo informazioni importanti e verificando il mio feeling con la RSV4 anche in queste condizioni. Oggi, con la pista che andava asciugandosi, ho ritrovato giro dopo giro il buon ritmo degli scorsi test. Forse questo mi ha spinto ad osare un po’ troppo, fino alla caduta, fortunatamente me la sono cavata con qualche graffio! Prima di partire per l’Australia definiremo le scelte tecniche definitive, penso comunque che le prospettive siano buone“. Oltre ai due piloti del team “interno”, Aprilia quest’anno potrà contare sull’apporto di Davide Giugliano (Althea Racing) e Michel Fabrizio (Red Devils Roma), entrambi protagonisti nelle ultime due uscite a Jerez tra novembre e gennaio. Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy