Superstock 600 Imola Gara: Riccardo Russo dominatore

Superstock 600 Imola Gara: Riccardo Russo dominatore

Prima vittoria in carriera, podio per Calero e VD Mark

di Redazione Corsedimoto

In campo internazionale è nata una nuova stella. Riccardo Russo, talento campano di scuola Yamaha R6 Cup, ha conquistato all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari la prima personale affermazione nell’Europeo Superstock 600, protagonista di una gara da assoluto dominatore. In fuga sin dallo spegnimento del semaforo costruendo in due giri un vantaggio di 2″ amministrato nelle battute finali della contesa, il portabandiera del Team Italia FMI inizia nel migliore dei modi la “campagna europea” 2012, dando seguito al trionfo di settimana scorsa nell’inaugurale prova del CIV 2012 al Mugello sempre e rigorosamente in sella ad una Yamaha YZF R6 preparata dal Team Trasimeno e vestita dei colori della Federazione Motociclistica Italiana.

Con Russo in fuga, la corsa non ha riservato particolari emozioni: lo spagnolo Nacho Calero Perez, ormai un “veterano” della serie continentale, ha concluso in seconda posizione all’esordio con il Team Trasimeno, lasciando all’attesissimo Michael van der Mark soltanto il gradino più basso del podio con la Honda del Ten Kate Junior Team. Vincitore di 4 gare lo scorso anno dove ha conteso fino all’ultimo il titolo a Jed Metcher, VD Mark ha duellato per tutto l’arco della contesa con l’altro alfiere del Team Italia FMI Luca Vitali, incappato in una scivolata a pochi metri dal traguardo nel tentativo di riprendersi la terza posizione, rimontato in sella alla propria R6 per concludere in 19esima piazza.

Medesima sventura anche per Francesco Cocco, a terra dopo aver dato vita ad una bella rimonta, ma il motociclismo tricolore oltre che con Russo può abbozzare un sorriso grazie a Nicola Morrentino, 4° da wild card con la Yamaha del team Elle2 Ciatti, seguito a distanza da Bastien Chesaux (Honda Ten Kate) e Stephane Egea (Yamaha TFC). Nella top-10 hanno concluso anche Franco Morbidelli (RCGM Team), Stefano Casalotti (Team Riviera) e la Kawasaki di Christian Gamarino (Team Go Eleven), fuori dalla zona punti invece Luca Salvadori (20°), Riccardo Cecchini (22°), Mercandelli (24°) e Viglieno (25°). Oltre a Cocco, costretti al ritir Filippo Benini e Gennaro Antonio Romano.

Cronaca di Gara

Grazie all’1’54″525 siglato nel secondo turno di qualifiche ufficiali Riccardo Russo, portabandiera del Team Italia FMI, scatta dalla pole con accanto in prima fila Michael van der Mark (Honda Ten Kate Junior Team), Nacho Calero (Team Trasimeno) e Nicola Morrentino, 4° a chiudere la prima fila con la Yamaha R6 di Elle2 Ciatti. Alle 18:01 in punto semaforo verde, prende il via la stagione 2012 dell’Europeo Superstock 600 con Russo protagonista di un bello spunto, conserva la pole alla staccata della “Variante del Tamburello” sul compagno di squadra Luca Vitali (partito 5°), Nacho Calero, van der Mark e Morrentino. Con il gruppo compatto si passa senza problemi la “Variante Villeneuve”, tutti verso la “Tosa” con Morrentino che azzarda il sorpasso su VD Mark, riesce nell’intento con ora l’olandese braccato alle spalle da Egea e dal compagno di squadra Chesaux, bravo a sua volta a sfilare Morbidelli del discesone delle “Acque Minerali”.

Senza sussulti termina il 1° giro con Russo già in fuga: 1″6 di margine sul compagno di squadra Luca Vitali, Calero e Morrentino, VD Mark, Chesaux e Stephane Egea. Con il talento campano di scuola Yamaha R6 Cup già imprendibile, iniziano le scorribande per la seconda posizione con Calero che rompe gli indugi su Vitali alle “Acque Minerali”, favorendo non soltanto la fuga in solitaria di Russo, ma anche il riaggancio in questo scatenato gruppetto delle Honda Ten Kate di van der Mark e Chesaux. Giunti al terzo giro, si registrano inevitabilmente le prime cadute della corsa: Mathieu Marchal sbatte il capo rovinosamente alla “Variante Bassa” per un highside (attualmente al centro medico per tutti gli esami del caso), stessa sventura per Tedy Basic incappato in un brutto volo all’uscita della seconda “Rivazza” con la Yamaha rosa del Bike e Motor Racing.

La contesa prosegue con Riccardo Russo davvero “Man on a mission”: suo il miglior tempo di 1’56″816, vola a +2″9 su Calero, Vitali, VD Mark e Morrentino in bagarre, alle loro spalle si evidenzia Francesco Cocco in rimonta passando in un sol colpo Casalotti e Morbidelli. Purtroppo per il portacolori del Team PATA by Martini la corsa termina poco più tardi, vittima di una scivolata alla “Variante Bassa” perdendo l’anteriore della propria R6.

Ben presto si arriva al “giro di boa” di questo primo round dell’EuroStock 600 2012 senza alcun cambiamento degno di nota in classifica, con Russo inavvicinabile nonostante una serie di giri veloci ad opera di Nacho Calero Perez, dietro Luca Vitali e Michael van der Mark si confrontano senza esclusione di colpi per la terza piazza, più staccati a 3″ Egea e Chesaux in bagarra per la sesta piazza preceduti da un sempre più convincente Nicola Morrentino. Questo doppio-duello entra nel vivo a 3 giri dal termine con VD Mark che riesce nell’intento di sopravanzare Vitali alla “Tosa”, ma ormai troppo tardi per abbozzare una rimonta su Russo: anzi, l’olandese dovrà sudare le proverbiali sette camicie per difendersi proprio da Vitali.

In una gara, secondo consuetudine per la Stock 600, “sprint”, in men che non si dica si arriva all’ultimo giro con Russo che arpiona una meritatissima prima affermazione in carriera, la seconda in 6 giorni ripensando al trionfo dello scorso week-end al Mugello nell’inaugurale prova del CIV 2012. Sul secondo gradino del podio, sempre con una Yamaha R6, termina Nacho Calero Perez, per il terzo posto colpo di scena finale: dopo un fenomenale attacco all’esterno nel discesone della “Rivazza”, Luca Vitali incappa in una scivolata tentando l’impossibile alla “Variante Bassa”. Terzo posto dunque a Michael van der Mark, Vitali ripartirà per chiudere soltanto in 19esima posizione lasciando il 4° posto a Nicola Morrentino, a seguire Egea, Chesaux, Morbidelli, Casalotti, Gamarino e Duwelz a completare la top-10, a punti anche Marvin Fritz (nuovo acquisto Racedays Kawasaki) ed il campione European Junior Cup in carica Matt Davies (13°). Prossimo appuntamento il 21 aprile al TT Circuit Van Drenthe di Assen.

Superstock 600 European Championship 2012
Imola, Classifica Gara

01- Riccardo Russo – Team Italia FMI – Yamaha YZF R6 – 11 giri in 21’04.967
02- Nacho Calero Perez – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 2.534
03- Michael van der Mark – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 600RR – + 2.534
04- Nicola Morrentino – Elle2 Ciatti – Yamaha YZF R6 – + 10.627
05- Stephane Egea – Team Falcone Competition – Yamaha YZF R6 – + 11.049
06- Bastien Chesaux – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 600RR – + 11.219
07- Franco Morbidelli – RCGM Team – Yamaha YZF R6 – + 19.334
08- Stefano Casalotti – Team Riviera – Yamaha YZF R6 – + 20.789
09- Christian Gamarino – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 24.901
10- Gauthier Duwelz – Team MTM Racing – Yamaha YZF R6 – + 25.069
11- Robin Mulhauser – RivaMoto Junior Team – Yamaha YZF R6 – + 25.922
12- Marvin Fritz – Racedays – Kawasaki ZX-6R – + 27.630
13- Matt Davies – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 27.791
14- Mircea Vrajitoru – CSM Bucharest – Yamaha YZF R6 – + 28.279
15- Tomas Krajci – TK Racing Slovakia – Yamaha YZF R6 – + 28.609
16- Tony Covena – Team Go Eleven – Kawasaki ZX-6R – + 29.166
17- Adrian Nestorovic – Team MTM Racing – Yamaha YZF R6 – + 29.320
18- Sebastien Suchet – Team B.S.R. – Honda CBR 600RR – + 32.133
19- Luca Vitali – Team Italia FMI – Yamaha YZF R6 – + 32.357
20- Luca Salvadori – Team PATA by Martini – Yamaha YZF R6 – + 32.385
21- Alex Schacht – Schacht Racing SBK ONE – Honda CBR 600RR – + 40.276
22- Riccardo Cecchini – FRT – Triumph Daytona 675 – + 40.399
23- Francesco Cavalli – G.A.S. Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 50.831
24- Roberto Mercandelli – RCGM Team – Yamaha YZF R6 – + 54.948
25- Emanuele Viglieno – Bike Service WTR Ten10 – Yamaha YZF R6 – + 55.679
26- Koen Zeelen – Benjan Racing – Honda CBR 600RR – + 57.831
27- Jonathan Willcox – Team Trasimeno – Yamaha YZF R6 – + 1’00.652
28- Tom Weeden – Trickbits FBM Performance – Triumph Daytona 675 – + 1’02.380
29- Corey Snowsill – MTM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1’11.598
30- Richard De Tournay – FP Racing – Kawasaki ZX-6R – + 1’20.080

Alessio Piana

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy