Superstock 600: Austin DeHaven con il team Trasimeno

Superstock 600: Austin DeHaven con il team Trasimeno

Il giovane americano correrà in Europa nel 2011

Una nuova avventura. Questo è ciò che attende Austin DeHaven, sedicenne di Los Angeles, il quale ha firmato un contratto biennale che lo legherà al team Yamaha Trasimeno, compagine di riferimento nel campionato europeo Superstock 600. Il giovane americano (unico statunitense nel circus Superbike quest’anno) è il campione nazionale in carica della classe Supersport AMA, avendo conquistato il titolo nella “finale” in prova unica sul circuito di Barber Motorsports Park nello scorso mese di settembre.

Grazie ad un proficuo test effettuato con la compagine umbra nello scorso mese di novembre sulla pista di Magione (ottenendo il nuovo record del circuito), DeHaven ha definitivamente conquistato l’interesse del team manager Moreno Bacchini e, dopo una serie di lunghe trattative, è arrivato finalmente alla sigla dell’accordo, che include un opzione per competere eventualmente in una classe superiore per la stagione 2012.

“Dopo il test di novembre mi sono sentito davvero a mio agio con la squadra. La loro moto era messa a punto egregiamente ed il team è davvero di altissimo livello, ma sapevo che il riuscire a spostarmi in Europa a corre sarebbe stato davvero duro. In qualche modo però, la mia famiglia e la squadra lo hanno reso possibile. Sono davvero entusiasta sia del team, sia del fatto di ritrovarmi all’interno del paddock Superbike.

E’ il campionato del mondo e tanti piloti sono passati da questo percorso al quale punto ora anche io. E’ successo tutto così velocemente che la mi gira ancora un po’ la testa, visto che abbiamo siglato il contratto solo poche settimane fa. Dobbiamo ad ogni modo assicurarci entro la fine dell’anno qualche altro sponsor, vendere la mia moto ed il trailer qui negli Stati Uniti, e prestare attenzione a qualche dettaglio, ma ora faccio le valigie e parto per Roma!”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy