Superstock 600: a Magny Cours confronto per il titolo europeo

Superstock 600: a Magny Cours confronto per il titolo europeo

Metcher in vantaggio su Day e Lanusse, italiani attesi

Commenta per primo!

Per i giovani talenti under-22 dell’Europeo Superstock 600 non c’è tempo per ripensare a quanto accaduto sabato scorso a Imola: è già il momento di preparare le valigie in vista del penultimo appuntamento stagionale in programma questo fine settimana sul tracciato di Nevers Magny Cours. Un round che può risultare decisivo per la corsa al titolo continentale, potenzialmente aperta ancora a sei piloti, ma soltanto tre dei quali con le giuste credenziali per riaprire i giochi. Chi si presenterà in una condizione di vantaggio è senza dubbio Jed Metcher, terzo a Imola, vincitore al Motorland Aragon, vantando un ruolino di marcia con soltanto due battute d’arresto (Monza e Brno), abbastanza per ritrovarsi con 15 punti di vantaggio nei confronti di Joshua Day, 16 su Romain Lanusse. L’australiano del MTM-Motorsports Team punterà a bissare il trionfo del 2010 quando, all’esordio nella categoria, conquistò una vittoria senza discussioni; in più conosce alla perfezione il tracciato francese dove ha avuto modo di disputare 12 mesi or sono il Bol d’Or. Se Metcher sulla carta è il favorito, negli ultimi round l’americano Joshua Day in sella alla Racedays Kawasaki si è rifatto sotto: vittoria a Silverstone e sabato scorso a Imola, pesa e molto l’errore del Nurburgring dove ha perso punti importanti per il traguardo finale. Già campione AMA SuperSport, certo di un futuro nella Superstock 1000 FIM Cup, il nativo di Orlando sarà costretto a vincere per riaprire i giochi, proposito condiviso da Romain Lanusse non al meglio della forma fisica e dal rendimento al di sotto le aspettative nelle ultime uscite stagionali. In pupillo di Adrien Morillas, in gara con la R6 del MRS Racing supportato da Yamaha Motor France, a Magny Cours avrà una concreta possibilità di ritornare ad una vittoria che manca ormai da Monza, favorito senza dubbio dal fattore campo che potrebbe aiutare Stephane Egea, talento transalpino del Team ASPI, supportato ufficialmente da “La Filiere” della Federazione Motociclistica Francese (FFM). Se potenzialmente Jed Metcher a Magny Cours può già conquistare, con un round d’anticipo, il titolo 2011, per gli italiani sembra quasi una missione impossibile riportarsi sotto in classifica. Il leader del CIV Dino Lombardi, 5° in classifica a -31, dalla vittoria di Brno non è più riuscito a tornare sul podio raggranellando soltanto 15 punti nelle ultime tre gare. In crescita invece le performance del portabandiera del Team Italia FMI Riccardo Russo, vicino alla vittoria a Imola, persa soltanto in volata a vantaggio di Joshua Day. Il talento campano del Team Trasimeno punterà a riconfermarsi a Magny Cours puntando nel mirino il quarto posto in campionato attualmente detenuto da Michael Van Der Mark, portacolori del Ten Kate Junior Team che esordì nella categoria proprio su questo tracciato nel 2010. Sempre a proposito dei piloti italiani sarà da seguire con interesse Daniele Beretta (Team Trasimeno), ma anche gli altri abituali protagonisti della serie come Francesco Cocco (Martini Corse), Christian Gamarino (Kawasaki GoEleven) e Riccardo Cecchini (Triumph FRT), tutti con l’obiettivo di riscattare un round di Imola non particolarmente felice sul piano dei risultato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy