Superstock 1000 Nurburgring Prove 2: Barrier leader

Superstock 1000 Nurburgring Prove 2: Barrier leader

Meglio delle prime qualifiche, a 23 millesimi Guaroni

Commenta per primo!

Aspettando il decisivo secondo turno di prove ufficiali in programma nel tardo pomeriggio, Sylvain Barrier al Nurburgring “prenota” la pole fermando i cronometri sull’1’59″605 nella conclusiva sessione di prove libere di sabato mattina. Il portacolori BMW Motorrad Italia, costretto ad inseguire in campionato a 31 punti dal capo-classifica Eddi La Marra, ha migliorato l’1’59″968 siglato ieri da Jeremy Guarnoni (2° stamane a soli 23 millesimi) valso la pole provvisoria per il terz’ultimo appuntamento stagionale, ma pur sempre distante 8/10 dal record siglato da Davide Giugliano lo scorso anno in 1’58″763.

Se Barrier si ritrova al comando, rientrano nell’ordine del 1″ di svantaggio Jeremy Guarnoni (2° con la Kawasaki del MRS Racing, alla ricerca della prima affermazione tra le STK1000), Bryan Staring, terzo con la Kawasaki del Team Pedercini, ed il capo-classifica della FIM Cup Eddi La Marra, quarto a completare il poker d’assi in corsa per la vittoria finale di campionato.

Più distanti invece i nostri Fabio Massei (Honda Ten Kate Junior Team) e Lorenzo Savadori (Ducati 1199 Panigale del Barni Racing Team Italia), a braccetto in 5° e 6° posizione, seguiti nell’ordine dal ceco Ondrej Jezek (Ducati 1098R SK Energy Racing Team), Kev Coghlan (Ducati 1199 Panigale DMC Racing), dal veterano della STK1000 Matthieu Lussiana (Kawasaki del proprio Team ASPI) e dall’idolo di casa Markus Reiterberger, inaspettamente in difficoltà sul tracciato dove prese parte lo scorso mese di giugno alla tappa dell’IDM Superbike con buon risultati sempre in sella alla BMW S1000RR Superstock di alpha Racing.

Completano il novero dei piloti italiani Marco Bussolotti, dodicesimo con la Ducati 1098R del SK Energy Racing Team, e Massimo Parziani, 21esimo su Aprilia del M.V. Racing Team. Problemi tecnici invece per la giovane motociclista tedesca Lucy Glockner, ferma in pit-lane con la BMW del Wilbers Racing con la quale corre da protagonista nell’IDM e ieri ha siglato un sorprendente 13° crono, mentre il brasiliano Philippe Thiriet è incappato in una scivolata senza conseguenze al termine dell’infinito nuovo tratto del Nurburgring dinanzi alla “Mercedes Arena”.

Superstock 1000 FIM Cup 2012
Nurburgring, Classifica Prove Libere 2

01- Sylvain Barrier – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – 1’59.605
02- Jeremy Guarnoni – MRS Racing – Kawasaki ZX-10R – + 0.023
03- Bryan Staring – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 0.122
04- Eddi La Marra – Barni Racing Team Italia – Ducati 1199 Panigale – + 0.962
05- Fabio Massei – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 1000RR – + 1.186
06- Lorenzo Savadori – Barni Racing Team Italia – Ducati 1199 Panigale – + 1.287
07- Ondrej Jezek – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 1.352
08- Kev Coghlan – DMC Racing – Ducati 1199 Panigale – + 1.435
09- Matthieu Lussiana – Team ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 1.456
10- Markus Reiterberger – Team alpha Racing – BMW S1000RR – + 1.487
11- Christoffer Bergman – BWG Racing Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1.672
12- Marco Bussolotti – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 1.881
13- Leandro Mercado – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 2.125
14- Tomas Svitok – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 2.772
15- Randy Pagaud – Team OGP – Kawasaki ZX-10R – + 3.385
16- Philippe Thiriet – Team Brazil by ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 3.624
17- Alen Gyorfi – MetalCom Adrenalin H-Moto – Honda CBR 1000RR – + 3.630
18- Eeki Kuparinen – Motomarket Racing – BMW S1000RR – + 3.972
19- Andrzej Chmielewski – Red Devils Roma – Ducati 1098R – + 4.315
20- Heber Pedrosa – Team Brazil by ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 4.409
21- Massimo Parziani – M.V. Racing Team – Aprilia RSV4 APRC – + 5.540
22- Bogdan Vrajitoru – CSM Bucharest – Kawasaki ZX-10R – + 7.765
23- Chris Von Roesgen – Dream Team Company – BMW S1000RR – + 8.218

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy