Superstock 1000: le novità della stagione 2015

Superstock 1000: le novità della stagione 2015

Limite d’età, calendario, omologazioni delle moto

Commenta per primo!

La diciassettesima stagione della Superstock 1000 internazionale, l’undicesima consecutiva riconosciuta in qualità di ‘FIM Cup’ da parte della Fédération Internationale de Motocyclisme, presenta diverse novità per quanto concerne l’ordinamento tecnico e sportivo. Innalzato il limite d’età, rivisti i criteri d’omologazione delle moto al via, di seguito le principali modifiche apportate da FIM e dal promoter Dorna WSBK per la stagione 2015.

Limite d’età. Alla stagione 2015 della Superstock 1000 FIM Cup potranno prender parte i piloti nati nel periodo compreso dal 1 gennaio 1987 al 29 marzo 1999. Il limite d’età sarà pertanto innalzato da 26 a 28 anni.

Calendario. Riconfermate sostanzialmente le date del 2014, dopo un’assenza di un paio di stagioni la STK1000 tornerà ad affiancare la Superbike e Supersport a Donington Park (Regno Unito) nel fine settimana del 24 maggio. Restano due invece le tappe italiane del calendario: all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola il 10 maggio, al Misano World Circuit Marco Simoncelli il 21 giugno.

12/04: MotorLand Aragón (Spagna)
19/04: Assen (Olanda)
10/05: Imola (Italia)
24/05: Donington Park (Regno Unito)
07/06: Portimão (Portogallo)
21/06: Misano Adriatico (Italia)
20/09: Jerez (Spagna)
04/10: Magny-Cours (Francia)

Omologazioni delle moto. Come nel Mondiale Superbike, anche nella Superstock 1000 FIM Cup è stata rivista la procedura d’omologazione delle moto ammesse al via. Ciascun costruttore dovrà produrre 125 esemplari di moto entro la prima ispezione da parte dei delegati FIM, 250 entro il 31 dicembre dell’anno in corso, 1000 entro il 31 dicembre della stagione successiva. Il prezzo di listino delle moto di serie non dovrà inoltre superare i 33.000 euro (40.000 euro il ‘price cap’ per quanto concerne il World Superbike).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy