Superstock 1000 Imola Prove 1: due Ducati 1199 al top

Superstock 1000 Imola Prove 1: due Ducati 1199 al top

Savadori 1°, La Marra 3°, caduta per Barrier

di Redazione Corsedimoto

Meglio di così non poteva iniziare l’avventura della nuova Ducati 1199 Panigale nella Superstock 1000 FIM Cup. Nell’inaugurale sessione di prove libere di Imola Lorenzo Savadori ed Eddi La Marra (nella foto), portacolori del Team Italia della Federazione Motociclistica Italiana schierati dal Barni Racing, hanno spiccato rispettivamente il 1° ed il 3° riferimento cronometrico, ritrovandosi subito nella top-3 e sotto al muro dell’1’53”.

Tra di loro si è inserito il promettente tedesco Markus Reiterberger, alla seconda stagione nella FIM Cup, quest’anno schierato direttamente da alpha Technik (divisione ufficiale di BMW Motorrad Motorsport) sotto le insegne del “Team alpha Racing Team”. Nelle posizioni che contano figura anche Marco Bussolotti, quarto all’esordio con la Ducati 1098R del team slovacco SK Energy, uno dei pochi piloti a non aver preso parte il 16-17 marzo alla due giorni di test del Campionato Italiano Velocità.

Se per la Ducati con la nuova 1199 è stato un inizio di week-end da incorniciare, in casa BMW Motorrad Italia si è registrato il brutto volo di Sylvain Barrier, quinto in classifica davanti al suo nuovo compagno di squadra Lorenzo Baroni, rimediando dei piccoli tagli all’altezza delle coste: non a rischio la partecipazione alla gara in programma domenica alle 10:30.

Scorrendo la classifica, nella top-10 non mancano Jeremy Guarnoni (all’esordio con la Kawasaki Pedercini), Fabio Massei (alla “prima” con Honda Ten Kate Junior Team) e Matthieu Lussiana, passato da BMW a Kawasaki con il Team ASPI, lasciandosi alle spalle l’ex campione australiano Superbike Bryan Staring (10° in Gara 1 a Phillip Island nel Mondiale Superbike sempre con Kawasaki Pedercini) e Federico Sandi, iscritto all’ultimo momento utile dall’Althea Racing con una Ducati 1199 Panigale.

Per completare il bilancio dei piloti italiani Federico Dittadi, wild card con la Aprilia RSV4 del Team Riviera, è 15esimo, l’altra RSV4 APRC di Massimo Parziani (M.V. Racing) chiude il gruppo. Problemi tecnici non hanno invece consentito di girare a Loris Baz all’esordio con la Kawasaki Ninja ZX-10R del team di Adrien Morillas.

Superstock 1000 FIM Cup 2012
Imola, Classifica Prove Libere 1

01- Lorenzo Savadori – Barni Racing Team Italia – Ducati 1199 Panigale – 1’52.421
02- Markus Reiterberger – Team alpha Racing – BMW S1000RR – + 0.048
03- Eddi La Marra – Barni Racing Team Italia – Ducati 1199 Panigale – + 0.276
04- Marco Bussolotti – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 1.429
05- Sylvain Barrier – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 1.923
06- Lorenzo Baroni – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 1.931
07- Jeremy Guarnoni – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 2.160
08- Fabio Massei – EAB Ten Kate Junior Team – Honda CBR 1000RR – + 2.245
09- Matthieu Lussiana – Team ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 2.280
10- Bryan Staring – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 2.307
11- Federico Sandi – Althea Racing – Ducati 1199 Panigale – + 2.432
12- Kev Coghlan – DMC Racing – Ducati 1199 Panigale – + 2.487
13- Andrzej Chmielewski – Red Devils Roma – Ducati 1098R – + 3.039
14- Alen Gyorfi – MetalCom Adrenalin H-Moto Team – Honda CBR 1000RR – + 3.349
15- Federico Dittadi – Team Riviera – Aprilia RSV4 APRC – + 3.822
16- Heber Pedrosa – Team Brazil by ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 4.365
17- Randy Pagaud – Team OGP – Kawasaki ZX-10R – + 4.828
18- Tomas Svitok – SK Energy Racing Team – Ducati 1098R – + 5.410
19- Christoffer Bergman – BWG Racing Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 5.965
20- Tiago Dias – Team Dias – Kawasaki ZX-10R – + 6.049
21- Philippe Thiriet – Team Brazil by ASPI – Kawasaki ZX-10R – + 6.404
22- Alexey Ivanov – DMC Racing – Ducati 1199 Panigale – + 8.161
23- Bogdan Vrajitoru – CSM Bucharest – Kawasaki ZX-10R – + 8.715
24- Massimo Parziani – M.V. Racing Team – Aprilia RSV4 APRC – + 9.805

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy