Supersport Portimao Gara: Chaz Davies nuovamente vincitore

Supersport Portimao Gara: Chaz Davies nuovamente vincitore

Salom ed Ellison a podio, Luca Scassa è 4°

Commenta per primo!

Titolo o non titolo in palio, Chaz Davies (Yamaha ParkinGO) ha continuato a fare ciò che ha sempre fatto in questa stagione anche sul tracciato di Portimao, ovvero vincere. Il pilota di Knighton ha condotto una gara al vertice senza eccessive difficoltà e prendendosela anche troppo con calma negli ultimi due passaggi, visto il riavvicinamento nel finale degli accorrenti David Salom e James Ellison, rispettivamente secondo e terzo al traguardo.

I due piloti appena citati hanno elettrizzato una corsa senza grandi colpi di scena, battagliando per la seconda posizione fino alla bandiera a scacchi. Quarto al termine è invece Luca Scassa (Yamaha ParkinGO), che ha chiuso in solitaria davanti a Florian Marino, a Roberto Tamburini ed a Massimo Roccoli. Il pilota del team Bike Service Racing Team è stato autore di un’ottima seconda parte di gara che gli ha permesso di recuperare più di tre secondi in poche tornate dal connazionale.

Ottavo è il pilota di casa Miguel Praia (Parkalgar Honda), a precedere il buon Vladimir Leonov (wild-card con il team Yachnich Motosport Yamaha), l’ungherese Balasz Nemeth (Honda Team Hungary Toth) ed il nostro Vittorio Iannuzzo (Kawasaki Lorenzini by Leoni). Ultimo degli italiani che hanno terminato la corsa è Luca Marconi (Yamaha Bike Service Racing), diciassettesimo al traguardo: Danilo Dell’Omo, alfiere del team Triumph Suriano Racing, è stato protagonista di una caduta nel finale della corsa, alla curva 13.

Corsa difficile perGino Rea (Honda Step Racing), protagonista di un numero “da circo” nelle prime fasi di gara, che ha coinvolto l’incolpevole Broc Parkes e lo ha costretto al ritiro. “Speedy-G” è invece riuscito a riprendere la via della pista, terminando in quattordicesima posizione. Caduta senza possibilità di recupero invece per Sam Lowes (Parkalgar Honda), scivolato durante il decimo giro alla curva cinque mentre tentava tutto il possibile per rimanere a ruota del leader Davies

Cronaca di Gara

Scatta meglio di tutti Chaz Davies, seguito da Gino Rea e Broc Parkes. Il pilota inglese è protagonista di uno spettacolare “quasi” high-side, salvato per miracolo ma non abbastanza per riuscire a rimanere in pista. Questo numero di Rea porta sulla ghiaia anche Broc Parkes. Davies per questo motivo guadagna un piccolo margine sul primo inseguitore, che risponde al nome di Sam Lowes. Terzo è invece David Salom, che viene sopravanzato da Florian Marino nel corso del secondo passaggio. Lungo di Fabien Foret alla prima staccata dello stesso giro, mentre Ellison ha la meglio su Roccoli e sale in quinta posizione.

Battaglia tra il pilota Lorenzini by Leoni ed il connazionale Luca Scassa per il sesto posto, mentre Parkes a causa dell’uscita di pista ad inizio corsa è costretto al ritiro. Battaglia per la terza posizione che coinvolge Marino, Salom ed Ellison. Il pilota di casa PTR Bogdanka prova ad avere la meglio, senza successo, sul rivale spagnolo alla prima staccata dopo il traguardo, ad inizio del quarto giro.

Entrambi i piloti hanno la meglio su Lowes al quinto passaggio, alla curva 8, con Ellison autore di un’ottima manovra all’esterno del connazionale. Scassa ha la meglio su Roccoli nello stesso giro, mentre poco prima il danese Robbin Harms rientra ai box e termina la sua corsa. Grazie ad un’ottima percorrenza dell’ultima curva, Ellison affianca sul rettilineo Salom e si impone in staccata sul rivale, ottenendo il momentaneo terzo posto.

Recupero di Scassa su Marino, concretizzato al settimo passaggio. Il secondo pilota Ten Kate, Fabien Foret è protagonista di un errore che permette a Iannuzzo, nono, di recuperare i tubi di scarico della CBR600RR olandese #99. In pista si vede una versione motociclistica de “Il gioco delle coppie”, con Davies in lotta per la testa della corsa con Lowes, Ellison e Salom per la terza posizione, Scassa e Marino per il quinto posto. Il pilota aretino riesce ad avere la meglio sul giovane francese al nono passaggio, conquistando da subito un margine importante ai danni del rivale.

Caduta di Lowes alla curva cinque, al decimo passaggio, che vanifica gli sforzi del pilota Parkalgar Honda di restare a contatto con il connazionale e leader della corsa Chaz Davies. Nel medesimo giro Salom torna davanti ad Ellison, ma l’inglese non sembra comunque voler mollare la presa. Un gruppetto di cinque piloti, composto in ordine da Fabien Foret, Vittorio Iannuzzo, Ronan Quarmby, Roberto Tamburini e Balasz Nemeth si contende la settima posizione. Continua la battaglia tra Ellison e Salom per il secondo posto, con quest’ultimo che ha la meglio dopo aver affiancato l’avversario sul rettilineo, alla curva numero uno, ad inizio del quattordicesimo passaggio, salvo poi farsi superare nuovamente nel corso della medesima tornata e farsi momentaneamente distanziare dal #77.

Tamburini intanto risale fino alla settima posizione, ma si ritrova con tre secondi ed un decimo da recuperare sul connazionale e conterraneo Roccoli. Grande prova della wild-card Vladimir Leonov, in grado di risalire fino alla nona posizione nel mezzo di un pacchetto di piloti composto da Foret, che lo precede, da Praia e da Iannuzzo. Proprio il pilota italiano si stacca dalla battaglia per l’ottavo posto, ritrovandosi dodicesimo.

Nonostante il gap prima citato, Tamburini riesce a tornare su Roccoli puntando a conquistare la sesta posizione. Davies vince la gara seguito da Salom ed Ellison: lo spagnolo vincitore di una dura battaglia in pista con il pilota inglese. Quarto al traguardo è Scassa davanti a Marino, Ramburini Roccoli, Praia e Leonov.

Supersport World Championship 2011
Portimao, Classifica Gara

01- Chaz Davies – Yamaha ParkinGO Team – Yamaha YZF R6 – 20 giri in 35’31.062
02- David Salom – Kawasaki Provec Motocard.com – Kawasaki ZX-6R – 1.253
03- James Ellison – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 1.415
04- Luca Scassa – Yamaha ParkinGO Team – Yamaha YZF R6 – + 5.522
05- Florian Marino – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – + 21.658
06- Roberto Tamburini – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 24.490
07- Massimo Roccoli – Lorenzini by Leoni – Kawasaki ZX-6R – + 25.506
08- Miguel Praia – Parkalgar Honda – Honda CBR 600RR – + 32.271
09- Vladimir Leonov – Yakhnich Motorsport – Yamaha YZF R6 – + 32.660
10- Balazs Nemeth – Team Hungary Toth – Honda CBR 600RR – + 32.680
11- Vittorio Iannuzzo – Lorenzini by Leoni – Kawasaki ZX-6R – + 34.732
12- Fabien Foret – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 600RR – + 35.109
13- Alexander Lundh – Cresto Guide Racing Team – Honda CBR 600RR – + 51.652
14- Gino Rea – Step Racing Team – Honda CBR 600RR – + 54.002
15- Pawel Szkopek – Bogdanka PTR Honda – Honda CBR 600RR – + 54.400
16- Bastien Chesaux – MACH Racing – Honda CBR 600RR – + 57.653
17- Luca Marconi – Bike Service Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 57.933
18- Marko Jerman – MD Team Jerman – Triumph Daytona 675 – + 58.900
19- Gunther Knobloch – GERIN SKM Racing Team – Yamaha YZF R6 – + 1’04.473
20- Gianluca Vizziello – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 1’14.703
21- David Linortner – Yamaha YZF R6 – + 1’15.618
22- Thomas Caiani – Kuja Racing – Honda CBR 600RR – + 1’38.076
23- Konstantin Pisarev – Step Racing Team – Honda CBR 600RR – + 1’51.837
24- Eduard Blokhin – RivaMoto – Yamaha YZF R6 – a 1 giro

Valerio Piccini

Servizio Fotografico Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy