Supersport: le novità al via dell’ottavo round 2012 a Brno

Supersport: le novità al via dell’ottavo round 2012 a Brno

Roccoli torna con Kuja, rientro di Marino, wild card

Commenta per primo!

Per l’ottavo appuntamento stagionale del World Supersport in programma questo fine settimana ci saranno diverse novità in griglia di partenza. Su tutte spicca il rientro del tri-campione italiano Massimo Roccoli, questa volta con la Honda CBR 600RR del Kuja Racing. Il pilota riminese, che aveva iniziato la stagione con Bike Service Racing Team prendendo parte al round di Misano (e del CIV al Mugello: doppietta nelle due gare in programma) da sostituto dell’infortunato Vladimir Leonov in Yakhnich Motorsport, si presenterà a Brno reduce dalla comparsata nel mondiale Moto2 al Mugello con la Bimota HB4 2012 del team SAG, nella speranza di trovar conferma per le restanti prove del calendario iridato.

A proposito di rientri, da segnalare il ritorno di Florian Marino, già vice-campione europeo Superstock 600 nel 2010 e vincitore a Brno nella Red Bull MotoGP Rookies Cup 2009, lo scorso anno portacolori del team Ten Kate Honda nel Mondiale Supersport. Conclusa una parentesi negativa nel British Superbike con la Aprilia RSV4 del Splitlath Redmond, “Marinex” porterà all’esordio la Ninja ZX-6R dell’esordiente MSD R-N Racing Team India Kawasaki di Andrew Stone, attuale capo tecnico di Fabien Foret al team Kawasaki Intermoto Step. Da Silverstone accanto a Marino correrà anche Dan Linfoot, altro eccellente “ex” del BSB, costretto alla resa a Brno per un recente infortunio alla mano sinistra.

Oltre a queste due “novità”, a Brno si segnala l’apporto di quattro wild card: il ceco Viktor Dusek (Yamaha del DRT Racing Team), l’austriaco Stefan Kerschbaumer (R6 del Team Kerschbaumer) e la coppia del Puccetti Racing Andrea Agnelli e Stefano Cruciani, quest’ultimo determinato a replicare l’exploit di Monza, 5° assoluto sul traguardo.

Servizio Fotografico: Diego De Col

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy