Supersport: Kyle Smith correrà con il Team Pata Honda

Supersport: Kyle Smith correrà con il Team Pata Honda

Ten Kate resta nel Mondiale Supersport con Smith

Commenta per primo!

In forse per tutto l’arco dell’inverno, alla fine Ten Kate e Honda Motor Europe sono riusciti a definire un ambizioso programma per la stagione 2015 del Mondiale Supersport. La squadra nove volte Campione del Mondo della categoria (2002, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2010, 2014) prenderà parte al WSS 2015 sempre con i colori del Pata Honda World Supersport Team con una Honda CBR 600RR affidata a Kyle Smith, già pilota Honda nel precedente biennio tra Europeo Superstock 600 e Superstock 1000 FIM Cup. Nonostante trattative con altri piloti, Pata Honda ha deciso di puntare sul 23enne pilota britannico, dai trascorsi apprezzabili nel CEV (Campione della Ninja Cup, vincitore di diverse gare nella Stock Extreme), una ‘mezza’ stagione in Moto2 nel 2013 prima di tornare alle derivate di serie: nel 2013 a Jerez vittoria con Racedays Honda nell’ultimo round dell’Europeo Superstock 600, un buon 2014 nella STK1000 sviluppando la CBR 1000RR Fireblade SP. “Questa rappresenta una fantastica opportunità per me“, ha ammesso Kyle Smith. “Ho la moto e la squadra giusta, il supporto di Honda, ho tutto per puntare in alto e dimostrare il mio valore. La CBR mi piace e con il lavoro del team possiamo far bene. Dovrò imparare diversi circuiti, ma per me è quasi sempre stato così, pertanto cercherò di iniziare al meglio questa stagione“. Oltre all’impegno in Superbike e Supersport, i colori Pata Honda saranno protagonisti anche nell’Europeo Superstock 600: sotto le insegne del Pata Honda Junior Team gestito da Evan Bros correranno Federico Caricasulo (giovane Campione CIV Supersport in carica) e Augusto Fernandez, laureatosi lo scorso anno Campione della European Junior Cup, monomarca su base Honda CBR500R che si disputa parallelamente al Mondiale Superbike.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy