Supersport: intervista a Lorenzo Zanetti, pilota Pata Honda

Supersport: intervista a Lorenzo Zanetti, pilota Pata Honda

All’assalto del titolo con la Honda del team Ten Kate

Commenta per primo!

Tra gli attesi protagonisti del Mondiale Supersport 2013, con legittime e comprensibili ambizioni di vittoria finale, c’è un pilota italiano. Lorenzo Zanetti, trascorsi convincenti in Superbike, Superstock 1000 e 125 GP, è il nuovo portacolori del pluri-decorato team Ten Kate Honda oggi “Pata Honda World Supersport Team”. Una’opportunità che il forte pilota bresciano, dopo un produttivo 2012 in Superbike con una Ducati 1198 del team Pata/DFX, non si è lasciato scappare, deciso a rientrare sin dalla prima gara tra i grandi protagonisti del Mondiale Supersport. Cosa ti ha spinto a lasciare la Superbike per correre in Supersport?Nella mia cariera soltanto nel 2011 nella Superstock 1000 ho avuto il meglio per competere con i migliori.. e ho combattuto per il titolo sino alla fine! Questo ha realizzato in me ancor più la consapevolezza che, se non hai il meglio per competere nella categoria di cui fai parte, è meglio che cerchi di fare altro. Oltre a questo, in quanti sarebbero in grado di rifiutare un contratto diretto con Honda? In tanti pensano che questa posizione me la sia guadagnata grazie allo sponsor che mi supporta (Pata, ndr) ed in parte è vero, ma nessuno sa che Carlo Fiorani (Responsabile delle attività sportive di Honda Motor Europe, ndr) in occasione della gara del Nurburgring ipotizzò addirittura per me una Superbike anche quando lo sponsor veniva dato ormai certo ad una casa concorrente“. Ritieni la Supersport come una concreta possibilità per tornare al più presto in Superbike, o hai altri progetti per il futuro?Sono assolutamente certo che questa è la migliore chance che mi potesse capitare ed ovviamente ho i miei progetti, ma al tempo stesso sono consapevole che al giorno d’oggi non è possibile programmare nulla. Penserò a fare del mio meglio e se i risultati ci saranno le cose andranno al loro posto“. Negli ultimi anni hai corso con diverse tipologie di moto, ritieni che la 600cc sia una classe adatta al tuo stile di guida?Ne sono certo! lo dimostra la velocità che ebbi sin da subito quando nel 2010 approdai nell’Italiano Superstock 600, ma ora dopo che per quasi tre anni ho dovuto “violentarmi” per perdere quel tipo di guida a favore delle 1000 che richiedono uno stile spigoloso, mi aspetta un duro lavoro di riadattamento“. Hai già avuto modo di provare la Honda CBR 600RR ad Aragon e Jerez, quali sono state le prime sensazioni?Come detto ho riscontrato subito delle difficoltà in quanto non vi è un solo riferimento che della Superbike possa utilizzare nella Supersport. Tuttavia, già dal secondo test di Jerez, la mia guida iniziava ad essere piu fluida e spontanea. Sono ansioso di salire nuovamente in sella certo che per la prima gara la confidenza con la mia moto sarà almeno al 90 %. Per quel che riguardala moto invece sono rimasto impressionato dalla potenza che il motore di questa Honda 600 esprime in certe aree d’utilizzo… veramente una grande moto“. Prossimi test?Sabato 19 Gennaio verrà presentato al gran completo il team al Motor Bike Expo di Verona, poi le moto partiranno nuovamente per Jerez dove proveremo il 22 e 23, poi andremo a Phillip Island per i test privati del 14-15 febbraio ai quali seguiranno i test ufficiali del 18-19.. e poi gara“. L’obiettivo per il 2013 è…?Non ho grandi possibilità di scelta…devo vincere delle gare e giocarmi il titolo!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy