Supersport: il ritorno delle Yamaha ufficiali con il BE1 Racing

Supersport: il ritorno delle Yamaha ufficiali con il BE1 Racing

Tornano le YZF R6 iridate nel 2009 con la squadra italiana

Commenta per primo!

Gennaio è il mese dei cambiamenti per il BE1 Racing: lo scorso anno nella formazione piloti (Garry McCoy out, dentro Charpentier e DiSalvo), adesso per quanto concerne l’aspetto prettamente tecnico con il passaggio per certi versi clamoroso (ma preannunciato) da Triumph a Yamaha. Le R6 ufficiali iridate con Cal Crutchlow nel 2009, rimaste ferme in Germania per più di un anno, tornano in pista con il “Yamaha ParkinGO Team” e Luca Scassa e Chaz Davies piloti.

L’accordo, raggiunto settimana scorsa e ufficializzato nella giornata di ieri, prevede l’assistenza ufficiale di Yamaha Motor Europe con aggiornamenti tecnici nel corso della stagione 2011 a favore del BE1 Racing per dare l’assalto al titolo mondiale.

Per noi è stata una grande opportunità per riportare in pista le R6 ufficiali nel mondiale Supersport“, ha spiegato il responsabile racing di Yamaha Motor Europe Laurens Klein Koerkamp. “La R6 è una moto vincente: dopo la conquista del titolo mondiale 2009 ha continuato a raccogliere successi in diversi campionati nazionali e nella Superstock 600. Siamo convinti che sostenere un team sia la soluzione più giusta per correre al meglio nel mondiale Supersport.

Conosco da diversi anni Giuliano (Rovelli, titolare di ParkinGO e del team BE1 Racing), in passato non abbiamo trovato l’occasione giusta per lavorare insieme, ma questa volta in poco tempo siamo riusciti a trovare un accordo.

Per noi sarà una sfida puntare al titolo in ritardo nel programma dei test, ma la squadra ed i piloti avranno tutto il nostro supporto e la possibilità di accedere al nostro database per progredire nel corso della stagione. Il test di Portimao di questi giorni sarà poco più che uno “shakedown” per le moto e per i piloti all’esordio con le R6“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy