LIVE Superbike Phillip Island Jonathan Rea vince, Marco Melandri cade

LIVE Superbike Phillip Island Jonathan Rea vince, Marco Melandri cade

A Phillip Island (Australia) si apre la 30° edizione del Mondiale Superbike. Info dalla pista sulle libere 3, Superpole e gara1

di Paolo Gozzi, @paologozzi1

ore 16:00 (06:00 italiana) REA 39° TRIONFO, RE DI PHILLIP ISLAND

cover parcoPer Jonathan Rea si tratta del 39° successo nel Mondiale il quarto a Phillip Island nelle ultime cinque gare disputate su questo tracciato. “E’ bello cominciare con 25 punti nel taschino” ha detto Jonathan Rea. “Adesso penso solo alla gara2 (domenica ore 5 italiane, ndr) spero di potermi ripetermi. Tutti temevamo il consumo di gomme, non voleva tirare nessuno per cui è stata una gara un pò strana. Vedremo la seconda come si metterà”. Il ducatista Chaz Davies guarda il bicchiere mezzo pieno, nonostante la sconfitta in volata per appena 42 millesimi. “Qui in passato ho perso tanto punti pregiudicando il campionato, il secondo posto va più che bene”.

ore 15:40 (05:40 italiana) CHE SHOW, VINCE REA, MELANDRI CADE

cover REAJonathan Rea vince la prima sfida del Mondiale Superbike 2017 a Phillip Island (Australia) in volata sulla Ducati di Chaz Davies, che veniva da una strisca vincente di sei corse di fila. Scivolata senza danni per Marco Melandri, per qualche giro in testa ma poi tradito da una manovra un pò rude del britannico Alex Lowes (Yamaha) quarto al traguardo. Il podio è stato completato da Tom Sykes, con la seconda Kawasaki. Fantastica quinta posizione per la MV Agusta con il britannico Leon Camier.

Arrivo gara 1 (22 giri, km. 97,790): 1. Rea (Kawasaki) in 33’52″290; 2. Davies (Ducati) +0.042; 3. Sykes (Kawasaki) +1.050; 4. Lowes A. (Yamaha) +1.082; 5. Camier (MV Agusta) +3.002; 6. Fores (Ducati) +3.320; 7. Torres (BMW) +8.725; 8. Laverty (Aprilia) +12.135; 9. van der Mark (Yamaha) +12.180; 10. Krummenacher (Kawasaki) +12.439; 11. Hayden (Honda) +19.344; 12. Reiterberger (BMW) +21.336; 13. Ramos (Kawasaki) +24.886; 14. De Angelis (Kawasaki) +24.902; 15. Bradl (Honda) +28.326; 16. Russo (Yamaha) +39.407; 17. Badovini (Kawasaki) +42.941; 18. Jezek (Kawasaki) +48.043; 19. Melandri (Ducati) DNF; 20. Savadori (Aprilia) DNF; 21. Brookes (Yamaha) DNF.

ore 14:55 (4:45 italiana) LA SCELTA DI GOMME PER GARA 1

cover grigliaSta per prendere il via la 30° edizione del Mondiale Superbike. Temperatura asfalto oltre 40°C, più che nelle prove del venerdi: un’incognità in più per la durata delle gomme. Tutto lo schieramento ha optato per la soluzione C al posteriore (sigla V0965) mentre le scelte anteriori sono variegate: Rea e Sykes hanno montato la C, Melandri la B, Davies la A. Ricordiamo che il range va dal soffice (A) al medio (C): chi avrà pescato l’asso? Scelta C/C anche per le Aprilia di Savadori e Laverty.

ore 13:40 (03:40 italiana) I TEMPI DELLA SUPERPOLE 2 E SCHIERAMENTO

cover superpole1.Rea (Kawasaki) 1’29″573; 2. Sykes (Kawasaki) +0.032; 3. Melandri (Ducati) +0.161; 4. Davies (Ducati) +0.274; 5. Lowes A (Yamaha) +0.443; 6. Savadori (Aprilia) +0.450; 7. Torres (BMW) +0.991; 8. Fores (Ducati) +1.155; 9. Camier (MV Agusta) +1.176; 10. van der Mark (Yamaha) +1.1.88; 11. Hayden (Honda) +1.312; 12. Reiterberger (BMW) +1.436. 13. Laverty (Aprilia); 14. Krummenacher (Kawasaki); 15. Bradl (Honda); 16. Brookes (Yamaha); 17. Ramos (Kawasaki) ; 18. Russo (Yamaha); 19. Jezek (Kawasaki); 20. De Angelis (Kawasaki); 21. Badovini (Kawasaki).

ore 13.30 (03:30 italiana) E ADESSO CHI LO BATTE QUESTO REA?

E’ dall’inizio dei test invernali della Superbike 2017 che Jonathan Rea è al comando del plotone. Miglior tempo ad Aragon, Jerez (perfino sull’acqua), Phillip Island. Un precampionato trionfale. Nel primo impegno ufficiale il campione del Mondo ha lasciato il segno conquistando la seconda pole su questo tracciato, dopo quella del 2015, quando vinse gara1 e fù secondo in volata nella seconda dietro l’Aprilia di Leon Haslam. Un anno fa, qui, Rea fece doppietta. Un obiettivo assai realistico anche questa volta. Jonathan ha strapazzato Sykes, una volta specialista del giro tutto-o-niente, e le Ducati di Melandri per la prima volta davanti (sul serio) al compagno Chaz Davies che è in striscia vincente da sei gare, il gran finale del campionato 2016, quando Rea era già quasi campione e del tutto appagato. La Yamaha rialza la testa con il quinto posto di Alex Lowes, a circa 4 decimi dalla pole, e applauso anche per Lorenzo Savadori che tiene a galla le speranze Aprilia con un eccellente sesto posto (seconda fila). L’altra, dell’atesissimo Eugene Laverty, scatterà in quarta. La MV Agusta comincia il Mondiale partendo dalla nona casella con Leon Camier. Il via di gara 1 alle 15 locali, le 5 in Italia.

ore 13:10 (03:10 italiana) JONATHAN REA AGGUANTA LA POLE, DOPPIETTA KAWASAKI

Jonathan Rea 9° pole (Ph. Diego De Col)
Jonathan Rea 9° pole (Ph. Diego De Col)

Il giro secco non è specialità della casa ma Jonathan Rea a Phillip Island non ha limiti. Il campione del Mondo ha agguantato la pole segnando il miglior giro Superbike di sempre a Phillip Island in 1’29″573. E’ la nona volta che Rea parte davanti a tutti in carriera. Precede il compagno Tom Sykes sulla prima fila completata da Marco Melandri che si è lasciato dietro l’altra Panigale di Chaz Davies.

Ore 12:55 (2:50 ora italiana) I TEMPI DI SUPERPOLE 1

1. Camier (MV Agusta) 1’31″011; 2. Van der Mark (Yamaha) +0.212; 3. Laverty (Aprilia) +0.361; 4. Krummenacher (Kawasaki) +0.613; 5. Bradl (Honda) +0.839; 6. Brookes (Yamaha) +0.848; 7. Ramos (Kawasaki) +0.948; 8. Russo (Yamaha) +0.985; 9. Jezek (Kawasaki) +1.059; 10. De Angelis (Kawasaki) +1.347; 11. Badovini (Kawasaki) +1.470).

ore 12;48 (2:48 italiane) MV AGUSTA CON CAMIER PASSA IN SUPERPOLE 2

Leon Camier (ph. Diego De Col)
Leon Camier (ph. Diego De Col)

Bel colpo della marca varesina che rimedia ai problemi tecnici del venerdi e proietta Leon Camier in Superpole 2. Il britannico ha girato in 1’31″011. Passa il turno anche la Yamaha dell’olandese Michael van der Mark con 1’31″223. Si arena invece l’Aprilia dell’attesissimo Eugene Laverty incappato in una scivolata mentre era secondo. Camier e van der Mark si giocheranno le prime quattro file coi migliori dieci delle qualifiche di venerdi.

ore 12:30 (02:30 italiane) PARTE LA QUALIFICA DI RIPESCAGGIO

Sta per prendere il via Superpole, la sessione di 15 minuti cui prendono parte i piloti qualificati dal 11° al 21° posto al termine di FP1 e FP2. Ci sono diversi pezzi grossi, tra cui Eugene Laverty punta dell’Aprilia che qui in Australia torna nel Mondiale in forma quasi ufficiale  dopo un anno di assenza.  I migliori due passano alla Superpole (10 qualificati di diritto più 2 ripescati) che definirà le prime quattro file dello schieramento.

Ore 11.20 (01:20 italiane) MARCO MELANDRI NON SCOPRE LE CARTE

Jonathan Rea 30 anni (Ph. Diego De Col)
Jonathan Rea 30 anni (Ph. Diego De Col)

Facciamo il punto: Jonathan Rea ha un ritmo che pare fuori portata per le Ducati. Diciamo “pare” perchè Marco Melandri non ha ancora scoperto del tutto le carte: anche stamane nella FP3 ha compiuto al massimo uscite da quattro giri (contro undici di Rea). Qual è il potenziale dell’ex iridato della 250GP? La situazione di Chaz Davies è più chiara: con la gomma fresca il gallese è velocissimo, al pari di Rea, ma dopo 5-6 giri il ritmo si alza drasticamente. Il dubbio: Rea sarà in grado di fuggire via o le Ducati, Melandri in particolare, riusciranno a stare attaccati fino allo scadere dei 22 giri in programma? Alle 02:30 italiane la Superpole: anche la posizione sullo schieramento avrà un ruolo importante sulla strategia di gara.

Ore 11:00 (01:00 italiane) I TEMPI DELLA FP3 

Marco Melandri (Ph. Diego De Col)
Marco Melandri (Ph. Diego De Col)

1.Rea (Kawasaki) 1’30″274; 2. Melandri (Ducati) +0.373; 3. Fores (Ducati) +0.566; 5. Davies (Ducati) +0.600; 5. Sykes (Kawasaki) +0.655; 6. Lowes A. (Yamaha) +0.788; 7. Hayden (Honda) +0.940; 8. Krummenacher (Kawasaki) +1.113; 9. Camier (MV Agusta) +1.120; 10. Laverty (Aprilia) +1.191; 11. Jezek (Kawasaki) +1.302; 12. Savadori (Aprilia) +1.404; 13. Torres (BMW) +1.405; 14. Van der Mark (Yamaha) +1.461; 15. Reiterberger (BMW) +1.545; 16. Ramos (Kawasaki) +1.793; 17. Bradl (Honda) +1.917; 18. Brookes (Yamaha) +1.932; 19. De Angelis (Kawasaki) +2.021; 20. Russo (Yamaha) +2.241; 21. Badovini (Kawasaki) +2.831.

Ore 10:48 (00:48 italiane) JONATHAN REA E’ DI UN ALTRO PIANETA

cover rea
Jonathan Rea (Ph. Diego De Col)

Il campione del Mondo sta facendo il bello e il cattivo tempo a Phillip Island. Sul finire delle libere 3 ha stampato un fantasmagorico 1’30″274 rispondendo a Marco Melandri che pochi attimi prima lo aveva punzecchiato con un ottimo 1’30″547. La Ducati va forte, ma la Kawasaki #1 sembra viaggiare su un altro pianeta. Nelle battute iniziali Rea ha fatto un altro mini run sulla distanza, compiendo undici giri consecutivi, il migliore in 1’30″6 e il “peggiore in 1’31″3, più o meno in linea con l’eccezionale simulazione compiuta venerdi in FP2, all’ora della gara. Terzo tempo per Fores, poi Davies, Sykes e Lowes. Alle 02:30 italiane la Superpole che definirà la griglia di partenza di gara 1 che scatta alle 5.

Ore 10:20 (00:20 italiane) FP3 PISTA FRESCA, NUOVI RECORD?

Eccoci al  primo giorno di gara del Mondiale 2017.  L’antipasto è la terza sessione di prove libere, non valido per la qualifica alla Superpole: da questa stagione il turno è allungato a 25 minuti, invece di 15. Quindi ci potrebbe essere spazio per eventuali simulazioni, anche se le condizioni della pista al mattino sono diverse rispetto all’ora della gara, le 15 locali. Al momento la temperatura esterna è 16°, asfalto 19°.  Di norma con questi valori la pista è velocissima: vedremo fin dove si spingeranno Rea e compagni.

Sul tracciato australiano di Phillip Island si apre la 30° edizione del Mondiale Superbike. Seguite in diretta tutto quello che succede in pista: risultati, analisi, previsioni, incidenti e curiosità.

Ecco il programma del giorno sabato 25 febbraio (ora italiana)

ore 00:20-00:45 Prove libere 3

ore 02:30-03:10 Superpole

ore 05:00 Gara 1 (22 giri).

Superbike Analisi simulazioni Rea vs Davies

Superbike Prove venerdi, la cronaca

Superbike Marco Melandri “Il podio? Lo sogno…”

Live Superbike Australia Le sessioni del venerdi

Perchè la Superbike 2017 emozionerà

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. giacomo.dalfoll_727 - 2 anni fa

    Bravo Rea…….Ma non è che la Ducati sia mezzora dietro se odiate la Ducati almeno cercate di nasconderlo un pò

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy