Jonathan Rea rimette le cose a posto “La vittoria più bella di tutte”

Jonathan Rea rimette le cose a posto “La vittoria più bella di tutte”

Il nordirlandese torna a +47 punti e mancano appena sei gare. La dedica a Paolo Marchetti, l’elttronico-mago.

Commenta per primo!

Che aria tirasse in casa Rea l’ha fatto intendere Tatia, la compagna di Jonathan, che subito dopo la gara ha twittato un eloquente “Sognarlo, crederci, farlo”.
Già, perchè dopo vittorie in diciotto corse, il campione del Mondo era stato messo con le spalle al muro da due cedimenti meccanici, tra Laguna Seca e l’anticipo del Lausitzring. Con il rivale Tom Sykes tornato a soli 26 punti e la pioggia improvvisa immaginate che razza di pressione abbia pesato sulle spalle del nordirlandese.

Si, ci ho pensato: la pioggia proprio non ci voleva perchè nel warm up avevo girato forte ritrovando le buone sensazioni che avevo smarrito. L’unica cosa da fare era partire a testa bassa, dare tutto e vedere che succedeva.

Detto fatto: alla seconda curva Rea ha fatto un sorpasso di tale maestria che i fotografi a bordo pista, inzuppati fradici, sono rimasti di sasso.

cover rea dentroIn griglia avevamo fatto degli aggiustamenti veloci per adattare la Kawasaki al bagnato, poi il casino della partenza ritardata ha complicato ancora il quadro. Però mi sono trovato subito bene, andavo forte senza rischiare oltre il dovuto (!?) e vedevo che il vantaggio cresceva. Quando mi hanno segnalato che Tom era fuori ho spinto ancora più forte, perchè queste sono gare che possono cambiare la storia di un campionato.”

Infatti, l’ha cambiata…

Considero questa vittoria come la più importante della mia carriera, almeno finora. Avevo un bel vantaggio e l’ho visto andare quasi tutto un fumo non per colpa mia. Non è stata una bella sensazione e non avevo passato un sabato sera da mille e una notte. Ho fatto tardi nel box coi ragazzi della mia squadra, sono stati perfetti. Ecco questa vittoria la dedico a Pere (Riba, il capo tecnico) e Paolo (Marchetti, l’ elettronico) che stavolta hanno davvero compiuto una magia.”

Con la 9° vittoria 2016, la 38° in carriera, Rea è tornato a +47 punti su Sykes, chiudendo il week end tedesco a +1. Restano sei gare (150 punti) a Magny Cours, Jerez e Losail. Anno scorso Rea ha festeggiato il primo Mondiale proprio in Andalusia, e la storia potrebbe ripetersi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy