A tu per tu con il Campione: Raffaele De Rosa “E ora datemi una Superbike”

A tu per tu con il Campione: Raffaele De Rosa “E ora datemi una Superbike”

Il gigante BMW Motorrad e Althea Racing centrano la Superstock 1000 FIM Cup grazie al piccolo napoletano. Che adesso aspetta l’occasione per la top class

Commenta per primo!

Diego Armando De Rosa“, lo festeggiavano scherzosamente nel box Althea. Genesio Bevilacqua stravede per questo ragazzo, che riporta un titolo nel suo box dopo quello di Carlos Checa in SBK. Nato nel 1987, il napoletano Raffaele De Rosa  ha conquistato la Superstock FIM Cup  grazie a due vittorie, tre terzi posti e un campionato costante, aggiungendo a tutto questo un pizzico di fortuna. Adesso però si punta alla Superbike

Come ci si sente da campione Superstock 1000?

Sicuramente è una splendida sensazione, però cerchiamo di tenere i piedi per terra, non voglio montarmi la testa.

Hai vinto il titolo piloti ma il titolo delle case è andato a Ducati. Come mai?

“La strategia vincente per loro è stata avere due moto nel top team, oltre ad uno schieramento con molte Panigale. Non penso che alla S1000RR manchi nulla, ce ne vorrebbe solo qualcun’altra in pista.”

Qual è stata la tua gara preferita di quest’anno?

“Sicuramente Donington, sono stato competitivo da subito e nessuno è mai riuscito ad andare più veloce di me durante il weekend. Se devo scegliere una gara, sicuramente è stata quella.”

A Jerez partivi per vincere a tutti i costi, quanto è stata difficile una gara in difesa?

“Sicuramente più di una con il coltello tra i denti. Se stai spingendo al 100% un errore ci può stare, ma non avrei avuto alternative. Invece quando ho visto Mercado che aveva problemi con la moto ho capito che avrei dovuto ripensare completamente alla strategia di gara, cercando di fare il possibile per tenermi fuori dai guai. In pista siamo tanti, l’errore poteva essere mio come di qualcun altro. Fortunatamente è andato tutto bene.”

Il sorpasso su Russo era necessario?

“Sinceramente no, ma era chiaro che Riccardo avesse qualche problema a fine gara, e per me quello era un passo di sicurezza. Non ho dovuto forzare molto per passarlo, diciamo che è capitato.”

Il 2017?

“L’intenzione di passare in Superbike c’è, ora più che mai. Genesio sta lavorando durissimo per trovarmi la moto, ma ci sono tante cose da sistemare perché questo accada. Il budget che serve non è poco ma nel team mi stanno supportando con tutto l’impegno possibile. Vedremo a breve cosa farò l’anno prossimo.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy