Misano Classic Weekend “Strepitoso successo. E non ci fermiamo qui”

Misano Classic Weekend “Strepitoso successo. E non ci fermiamo qui”

Andrea Albani managing director di Misano World Circuit fa il bilancio dell’evento Vintage che ha animato per tre giorni l’area della MotorLand

Commenta per primo!

Il Misano World Circuit ha ospitato il Classic Weekend, la rumorosa kermesse delle regine della velocità del passato. Il paddock è stato lettermalmente invaso da moto vintage che  si sono lanciate in pista per sfide tra  tutte le epoche e cilindrate. C’è stata perfino una 4 Ore Endurance con suggestiva partenza al tramonto. Divertimento, passione e amore per le stelle del passato sono il comune denominatore di un evento che sta crescendo di anno in anno. E che pare destinato a ritagliarsi un posto sempre più prestigioso tra gli appuntamenti Classic di tutto il Continente. Ne parliamo con Andrea Albani, managing director del MWC organizzatore del Misano Classic Weekend.

Come e quando è nata l’idea?

L’idea è nata quattro anni fa, anche per una mia personale passione e percorso professionale nel settore moto d’epoca con tanti anni dedicati all’organizzazione del Motogiro d’Italia con il Moto Club Terni e la Ducati Motor Holding. Venendo al Classic abbiamo studiato una formula, in collaborazione con due partner importanti come FMI e Museo Ducati, che potesse comprendere l’anima racing della pista con le atmosfere del paddock come una sorta di rievocazione di moto vintage, ma con un taglio moderno e attuale. Ne è nata una manifestazione di cui siamo molto orgogliosi.

Può offrire qualche cifra sull’edizione 2016: iscritti, case rappresentate, spettatori ?

I dati esatti li sapremo nei prossimi giorni, ma posso già dire che abbiamo contato oltre 400 piloti iscritti provenienti anche dall’estero, sono presenti tanti marchi italiani e contiamo di raggiungere le 8000 persone nel week end. Comunque, l’edizione ogni anno cresce in maniera esponenziale. Lo scorso anno ad esempio erano 280, questo significa che c’è un bacino di appassionati di moto che va ulteriormente coltivato.

Vi siete ispirati a manifestazioni analoghe per moto da corsa storiche?

Sicuramente eventi come Goodwood e Moto Legend sono dei punti di riferimento nel settore vintage sia per i contenuti che per il numero di pubblico. Ritengo però che il patrimonio della Motor Valley, di cui noi siamo uno degli attori protagonisti, sia altrettanto maturo per realizzare un evento che possa diventare un punto di riferimento nel panorama internazionale.

Che ricadute ci sono sull’economia del territorio?

Per poter comunicare delle stime esatte dovremmo avere delle analisi puntuali che al momento non abbiamo. Comunque, possiamo dire che un evento come il Classic, che ospita oltre 2000 persone, al netto del pubblico, per tre giorni tra piloti, meccanici, espositori, giornalisti e accompagnatori, sia di grande interesse per la ricaduta territoriale soprattutto perché è calendarizzato in un periodo cosi detto di “bassa stagione”. Riscontriamo, infatti, un ottimo gradimento da parte degli operatori.

MotoGP, SBK e Classic: a Misano la passione ha tanti volti. Perchè?

Tutto è legato alla passione per questo sport. Non è un caso che la nostra Regione sia identificata come la Motor Valley e non è un caso che molti piloti siano originari di queste zone. Alla passione si accompagna comunque un importante lavoro di organizzazione e di coinvolgimento delle istituzioni e di altre eccellenze del territorio, come la casa di Borgo Panigale.

L’edizione 2017 sarà ancora ad ottobre?

Ormai si è creata una tradizione sulla data di ottobre e quindi, in attesa di completare i calendario sportivo 2017, direi che a breve confermeremo il week end.

Ci saranno variazioni nella formula dell’evento?

Ogni edizione cerchiamo di offrire qualcosa in più.  Quest’anno ad esempio il Contest di Cafè Racer ha coinvolto una quindicina di garagisti che si sono presentati con il loro “ferro” e il vincitore avrà diritto a uno stand gratuito al Motor Bike Expo di Verona in gennaio. Per la prossima edizione vorremmo implementare ulteriormente i contenuti e già dalle prossime settimane ci metteremo al lavoro.

Che connessione c’è tra Classic weekend e Motorland?

Il Misano Classic è la vetrina ideale per veicolare il brand Motor Valley. Tutti i suoi attori, le Case Costruttrici, Musei, Collezionisti e Club, si danno appuntamento durante l’evento per confrontarsi sull’immenso mondo motoristico del territorio ed eventi come il Classic sono l’esempio virtuoso di come poter fare turismo celebrando il nostro patrimonio.

Come sono coinvolte le istituzioni locali?

La consolidata partnership con le istituzioni ci accompagna sostanzialmente per tutti gli eventi importanti che abbiamo a calendario ma, per il Misano Classic, i comuni delegano i tantissimi moto club locali a rappresentare e festeggiare la grande tradizione romagnola con i suoi uomini, piloti, ingegneri, meccanici e organizzatori che da anni riempiono i paddock di tutto il mondo.
 
Rossi su una Yamaha 500GP degli anni 70-’80 sarebbe un bel vedere….

Si, sarebbe veramente un bel vedere! Magari, su una griglia completa con altri campioni come Capirossi, Uncini e Luchinelli su motogp degli anni ‘70 che casualmente è il periodo di nascita del nostro circuito…. noi ci siamo! 

Guarda la Fotogallery

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy