Liveblog Mondiale Endurance 12 ore Portimao Yamaha GMT94 in volata!

Liveblog Mondiale Endurance 12 ore Portimao Yamaha GMT94 in volata!

Suzuki Sert battuta per appena 81 millesimi! Al secondo tentativo Niccolò Canepa festeggia il primo successo Mondiale con David Checa e Lucas Mahias

Ore 22:35: Va a punti anche la Kawasaki Bolliger, 14° posto, grazie al decisivo contributo di Gianluca Vizziello.

Ore 22:32 L’ultimo assalto di Suzuki Sert non va a segno, Yamaha GMT vince la 12 Ore di Portimao per appena 81 millesimi di secondo, un distacco mai visto nel Mondiale Endurance, sul terzo gradino del podio Honda Endurance Racing, poi quarto posto per Yamaha Yart. Grandissima gioia per Niccolò Canepa che al secondo tentativo battezza il primo successo iridato, dividendo la gioia con David Checa e Lucas Mahias. Grande Nick!

Ore 22:26 E’ un finale incredibile, Yamaha GMT e Suzuki Sert se la stanno giocando in volata! Al terzo posto Honda Endurance Racing con Freddy Foray staccati di quattro giri.

Ore 22:17 Yamaha GMT94 corona l’inseguimento, Davide Checa si avventa su Etienne Masson e strappa la testa della corsa a Suzuki Sert. Mancano solo tredici minuti al traguardo!

Ore 22:00 Yamaha GMT94 trascinata da un David Checa scatanato è ormai vicinissimo a Suzuki Sert: la 12 ore prepara un finale pirotecnico

Ore 21:44 Cade Miguel Oliveira, che stava guidando con tempi record, e finisce il sogno di Yamaha Parkalgar.

Ore 21:00: Continua il duello ravvicinato tra la SERT e il GMT94. Con un rifornimento appena effettuato per il team Suzuki, Vincent Philippe e Lucas Mahias sono gli incaricati in questo momento per i equipaggi di testa, seguiti dalla Honda ufficiale con alla guida Julien Da Costa. Prima delle Superstock la Kawasaki del team Tati Racing con Enjorlas Julien ai semimanubri in quarta piazza seguita da Gregg Black con la Suzuki del team April Motor Events. Italiani, oltre al nostro Niccolò Canepa (che combatte per la leadership della gara con la Yamaha GMT94) Gianluca Vizziello ha aiutato il team Bolliger Kawasaki a risalire fino alla quattordicesima piazza dopo alcune difficoltà. In risalita anche la FCC TSR Honda, dodicesima al momento.

Ore 18:30 Allo scoccare dell’ottava ora di gara Yamaha GMT conquista il punto in palio e veleggia solitaria verso la fase finale della maratona. Intanto è ufficiale il ritiro di Kawasaki SRC, per la rottura del motore: la squadra trionfatrice alla 24 Ore di Le Mans resta quindi ferma a quota 60 punti e comunque finirà il round portoghese porterà un bello scossone in classifica.

Ore 17:26 INCREDIBILE! Kawasaki SRC di nuovo ferma a bordo pista in prossimità di una sosta ai box! Gregory Leblanc chiede l’aiuto dei mezzi di soccorso dei commissari per rientrare in pit lane

Ore 17:25 F.C.C TSR Honda torna in pista dopo 20 minuti di interventi ai box: persi 11 giri ritrovandosi 21° assoluti per un problema alla frizione.

Ore 17:06 COLPO DI SCENA! F.C.C. TSR Honda, saldamente 3° ed all’attacco della seconda posizione, accusa problemi tecnici e rientra ai box. Sosta interminabile, si va verso il ritiro…

Ore 16:38 PROBLEMI per la Kawasaki #8 del Team Bolliger: dopo il ritiro (sul più bello) a Le Mans, che disdetta per il nostro Gianluca Vizziello…

Ore 16:30 META’ GARA, 6° di 12 ore di gara. Yamaha GMT94 (David Checa in sella) comanda con 44″ esatti di vantaggio rispetto a Suzuki S.E.R.T. (Anthony Delhalle), quasi ‘braccata’ dalla F.C.C. TSR Honda che insegue a 10″9 con uno scatenato PJ Jacobsen alla guida. Nella top-5 spazio per YART Yamaha (Marvin Fritz) e Honda Racing (Freddy Foray) con la Kawasaki del Tati Team che comanda la classe Superstock. Prosegue nel frattempo la rimonta del Team Kawasaki SRC, provvisoriamente 11° con la top-10 nel mirino (potenzialmente 7°-8° posto finale), seguita dalla R1 Parkalgar condotta da un fenomenale Miguel Oliveira: tempi costantemente sull’1’46” alto, di gran lunga il pilota più veloce in pista…

Ore 16:23 Terminato il prolungato stint (13 giri in più: un’enormità a Portimao), Suzuki S.E.R.T. dopo il pit-stop è rientrata in pista con Anthony Delhalle scontando 42″ di svantaggio rispetto ai leader di Yamaha GMT94, ora con David Checa alla guida.

Ore 16:20 Stint quasi INFINITO per la Suzuki S.E.R.T.: ben 13 (!) giri in più rispetto a GMT94 Yamaha, rientrata al 177° giro mentre la GSX-R 1000 #1 alla 190esima tornata effettuata. Chiara la strategia di Dominique Meliand, ‘condottiero’ del team 14 volte Campione del Mondo: risparmiare 1 pit stop, ma come potenziale velocistico in prospettiva GMT94 Yamaha dovrebbe conservare la leadership…

Ore 15:55 Rientra ai box per il sesto pit-stop Yamaha GMT94, al comando della classifica con 23″ di margine su Suzuki S.E.R.T., a sostanzialmente 50″ F.C.C. TSR Honda

Ore 15:40 Riepilogo dei tempi complessivi impiegati nei primi 5 Pit-Stop: anche qui, testa-a-testa tra Suzuki S.E.R.T. (3 minuti e 55 secondi) e Yamaha GMT94 (3’57”), sopra i 4 minuti F.C.C. TSR Honda (4’05”), YART Yamaha (4’26”) e Honda Racing (4’14”). Da segnalare il prolungato stint di Matthieu Lagrive, ben 55 minuti in sella nel tentativo di recuperare terreno dopo il contrattempo occorso al suo compagno di squadra Gregory Leblanc, alle 14:28 rimasto fermo a bordo pista senza benzina.

Ore 15:25 Concluso anche il valzer dei 5° Pit-Stop in programma proprio in prossimità dello scoccare della 5° ora. Yamaha GMT94, ora con nuovamente Lucas Mahias in sella, resiste al comando con un tesoretto di 23 secondi da amministrare nei confronti della Suzuki S.E.R.T. (con una strategia votata al risparmio di carburante e stint prolungati di 2/3 giri), a seguire conserva una preziosissima terza posizione ai fini-campionato la Fireblade #5 di F.C.C. TSR Honda. Per il quarto posto lotta aperta tra Honda Endurance Racing #111 e Yamaha YART #7, la classe Superstock premia la Kawasaki #4 del Tati Team mentre i capoclassifica di campionato del Team Kawasaki SRC, grazie ad un proverbiale stint da parte di Matthieu Lagrive, sono risaliti fino alla quattordicesima posizione riuscendo a sorpassare la Yamaha R1 Parkalgar. Da segnalare l’ennesimo contrattempo del Team R2CL nell’arco di poco più di 1 ora di gara.

Confronto per la leadership tra Yamaha GMT94 e Suzuki SERT
Confronto per la leadership tra Yamaha GMT94 e Suzuki SERT

Ore 14:38 Grazie all’aiuto dei mezzi di soccorso dei commissari (sono 4 lungo il tracciato di Portimao), la Ninja ZX-10R #11 del Team Kawasaki SRC è rientrata ai box. Effettuato il rifornimento, Matthieu Lagrive ha ripreso il via della pista, ma attualmente è 16° a 4 giri dai leader di Yamaha GMT94 con Suzuki S.E.R.T. (a 23″) e F.C.C. TSR Honda (a 42″) rispettivamente in seconda e terza posizione.

Ore 14:31 COLPO DI SCENA! La Ninja ZX-10R #11 del Team Kawasaki SRC è ferma a bordo pista senza benzina! Gregory Leblanc sta cercando di riportarla ai box: sarebbe un duro colpo per la classifica di campionato, considerando il bottino di punti totalizzati a Le Mans (vittoria e 20 punti addizionali).

Ore 14:30 Scoccare della 4° di 12 ore di gara. Concluso il valzer del 4° pit-stop in programma, Yamaha GMT94 resiste al comando ora con proprio il nostro Niccolò Canepa alla guida. Il pilota genovese può vantare un consistente margine di 25 secondi sulla Suzuki S.E.R.T. (ma che consuma meno rispetto alla R1 #94…), in terza piazza resiste F.C.C. TSR Honda (Kazuma Watanabe ora in sella) con, a seguire, YART Yamaha, Honda Racing e la Yamaha Maco Racing. Se la classe Superstock premia attualmente la Kawasaki #4 del Tati Team Beaujolais, niente da fare per il nostro Emiliano Bellucci: motore KO della Kawasaki #46 del Flembbo Leader Team e gara conclusa anzitempo…

Ore 14:20 Prolungata sosta ai box per il Team Motors Events (Suzuki #50) per la sostituzione del serbatoio. A Le Mans avevano concluso in 2° posizione assoluta e Gregg Black oggi, nelle prime fasi di gara, si era ritrovato a tratti in testa.

Ore 13:53 Cadute in simultanea di Nicolas Pouhair (Team R2CL Suzuki) e di Eddy Dupuy (Team Sport Moteur Actif). Problemi, nostro malgrado. al motore della Kawasaki #46 del Flembbo Leader Team con Emiliano Bellucci alla guida: ai box si tenta di riprendere quanto prima il via della pista.

Ore 13:50 Là davanti David Checa (Yamaha GMT94) consolida a 20″ il margine di vantaggio su Anthony Delhalle (Suzuki S.E.R.T.), ma altri sono i protagonisti in questo frangente di gara: PJ Jacobsen (F.C.C. TSR Honda) è 3° e ha ridotto a 39″ lo svantaggio dalla vetta, a sua volta l’idolo di casa Miguel Oliveira (Parkalgar Yamaha) viaggia costantemente sotto il muro dell’1’47” e la rimonta viene premiata con l’attuale 17° posizione provvisoria.

Ore 13:30 Concluso il valzer dei (terzi) pit-stop in programma, al comando si conferma Yamaha GMT94 ora con David Checa in sella, segue a 16″ la Suzuki S.E.R.T. #1 (Anthony Delhalle alla guida), a 40″ F.C.C. TSR Honda (nuovamente con il velocissimo PJ Jacobsen alla guida), quarta posizione per il Team Kawasaki SRC che già sconta 1 minuto e 19 dalla vetta.

Ore 13:20 Pioggia di Stop And Go di 30″ comminati dalla direzione gara: al team Louit Moto (Campioni del Mondo Superstock in carica) per interventi alla moto in fase di rifornimento, al Team Kawasaki Bolliger #8 (dove corre il nostro Gianluca Vizziello) per aver toccato la linea bianca in uscita dalla pit-lane con Michael Savary in sella. Costrette al ritiro nel frattempo due squadre della classe Superstock: il Team Sapeurs Pompiers (Kawasaki #18) e la Yamaha Viltais Experience #333 (problema al cambio).

Ore 13:00 Continua la sfida a breve distanza tra GMT94, ancora in testa con Lucas Mahias alla guida, e la Suzuki SERT, con il pluricampione di categoria Vincent Philippe lanciato alla rincorsa del team di Guyot.  Distacchi importanti per il team FCC TSR, terzo assoluto con Damian Cudlin ma staccato di 48 secondi dalla testa. Subito dietro il team giapponese troviamo la SRC Kawasaki, lo YART e l’Honda Endurance Racing. In sella alla Kawasaki del team Bolliger troviamo Gianluca Vizziello, decimo con due giri di distacco dalla testa mentre il team Flembbo (dove corre Bellucci) si trova in ventesima piazza.

Niccolò Canepa trascina al comando Yamaha GMT94
Niccolò Canepa trascina al comando Yamaha GMT94

Ore 11:50 Dopo il primo pist stop è la Yamaha GMT94 a comandare la corsa, trascinata da uno spettacolare Niccolò Canepa che alla sosta ha preso il posto dello spagnolo David Checa. Dopo 1h50′ di gara sono stati compiuti 42 passaggi del circuito di Portimao. Il pilota genovese ha due secondi di margine nei confronti della Suzuki SERT al momento affidata al francese Etienne Masson. Dopo una travolgente rimonta dell’americano Patrick PJ Jacobsen è risalita al terzo posto la Honda FCC TSR: il secondo turno di guida è per il giapponese Kazuma Watanabe. L’equipaggio ufficiale Honda precede la Kawasaki SRC scattata dalla pole e per alcuni passaggi al comando della corsa, ma poi risucchiata: adess è in sella Matthieu Lagrive, vedremo quale sarà la strategia adottata dal team dominatore della 24 ore di La Mans. Al momento ritmo altissimo, sembra quasi più una gara sprint del Mondiale Superbike piuttosto che una maratona che terminerà alle 22:30 italiane!

 

Ore 10:45

Kawasaki SRC al comando della 12H
Kawasaki SRC al comando della 12H

Partiti! Ottimo start per il team Kawasaki SRC che si porta subito in testa alla gara, seguito alla ruota da Suzuki April Moto Events e dai campioni in carica di Suzuki Sert. Subito colpi di scena:  non parte la R1 del team Yamaha YART, che con Broc Parkes  si ritrova a rincorrere nelle retrovie in compagnia del team FCC TSR Honda, con PJ Jacobsen incastrato nel gruppo.

Dopo i primi tre giri Kawasaki SRC guida la gara davanti alla Suzuki del Team April Moto Events e alla Yamaha del Maco Racing Team. La Suzuki SERT  quarta davanti al team GMT94 Yamaha e al Parkalgar Racing team che schiera anche il gioiellino Miguel Oliveira, vice iridato Moto3 al debutto con la Yamaha R1 con la quale è stato velocissimo in prova. 13° posizione per la Kawasaki Bolliger (Vizziello), 29° Flembbo Kawasaki (Bellucci).

_____

Alle 10.30 italiane scatta la 12 ore di Portimao, secondo round del Mondiale Endurance. Questo è il nostro liveblog per gli aggiornamenti  nel corso della giornata: notizie, classifica  e i video dei momenti salienti.

Tantissimi i motivi tecnici d’interesse: chi avrà la meglio tra Kawasaki, Yamaha e Honda FCC TSR, tutte formazioni ufficiali?

Da seguire anche l’avventura dei tre piloti italiani presenti: Nicolò Canepa, che parte puntando al podio con Yamaha GMT94, Gianluca Vizziello (Kawasaki Bolliger) ed Emiliano Bellucci (Flembbo Kawasaki)

In pole c’è la Kawasaki SRC dominatrice della 24 Ore di Le Mans apertura del Mondiale

Eurosport offre la diretta TV con questi orari

 

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy