MXGP Diario di Antonio Cairoli “Senza quelle due partenze…”

MXGP Diario di Antonio Cairoli “Senza quelle due partenze…”

ESCLUSIVO: Il diario MXGP di Antonio Cairoli “Senza quelle due partenze”…

Commenta per primo!

Antonio Cairoli, otto volte Mondiale di Motocross, fa il bilancio della trasferta in Argentina in esclusiva lettori di www.corsedimoto.com e www.gazzetta.it  Il nostro fuoriclasse è andato fortissimo, e senza quelle due sfortunate partenze con relative scivolate e fantastiche rimonte (9° e 5° nelle due manche) il vincitore Tim Gajser non avrebbe avuto vita facile. La prossima sfida il 2 aprile a Leon, in Messico.

BILANCIOIn primis il fatto di aver dimostrato comunque di essere piuttosto veloce e lo testimonia il fatto che in gara due abbia fatto segnare il giro più veloce della corsa, nonostante fossi impegnato in doppiaggi e sorpassi, per recuperare posizioni. E poi il fatto che, comunque vada, portiamo a casa la pellaccia sana e salva e siamo sempre lì, in lotta per il titolo. Certo, in questo momento la classifica non è una priorità, mancano ancora ben 16 GP alla fine, il che vuol dire 32 manche più altre 16 di qualifica, per un totale di 48 gare da disputare, quindi meglio concentrarsi sul lavoro e capire, piuttosto, che cosa non abbia funzionato al via delle gare. Si, perché di solito sono uno che con le partenze se la cava piuttosto bene, da anni vinco la classifica di miglior partente della MXGP e da sempre è uno dei miei punti di forza. Però, questo fine settimana non ne è venuta fuori nemmeno una buona e questo, anche se non ci preoccupa, ci fa pensare che dobbiamo analizzare bene immagini e dati, per cercare una soluzione in vista del prossimo GP in Messico.

ARRIBA MEXICO!Mi piace molto correre in America Latina, qui come in Brasile, dove i tifosi sono super caldi e sempre pronti ad incitarmi. Ieri in pista, mentre rimontavo, cercando di recuperare più posizioni possibili, il pubblico gridava il mio nome cosi forte che potevo sentirlo dal mio casco, mentre affrontavo la sessione di waves di fronte alla pit lane. Anche qui in aeroporto devo interrompermi di continuo per fare foto e firmare autografi con tutta la gente che viene a salutarmi, sono davvero persone appassionate e speciali, speriamo davvero di poter tornare qui per ancora tanti anni a correre su questa pista meravigliosa. Ora vi saluto che stanno chiamando l’imbarco del nostro volo, a presto!

Antonio Cairoli TC222

Foto: TC222 Media

MXGP GP Patagonia Cronaca e Classifiche

Sintesi TV del GP Patagonia MXGP e MX2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy