Motocross: Sfortunata Kiara Fontanesi, ma 5° Mondiale sempre nel mirino

Motocross: Sfortunata Kiara Fontanesi, ma 5° Mondiale sempre nel mirino

Nel GP Repubblica Ceca a Loket la campionessa parmense finisce 4°: problemi alla marmitta in gara 1 e un contatto con Livia Lancelot nella rivincita

Commenta per primo!
Kiara Fontanesi affronta un salto

Sfortuna nera per Kiara Fontanesi nel 4° round del Mondiale Motocross Femminile a Loket, nella Repubblica Ceca. La quattro volte campionessa del Mondo ha concluso al quarto posto nella classifica del GP, tra mille peripezie, consegnando il primato in classifica alla neozelandese Courtney Duncan. Ma niente è perduto: Kiara ha solo tre punti di ritardo, sui 100 in palio nei due GP decisivi che si correranno a settembre ad Assen (Olanda) e a Villars sous Ecot, in Francia.

La neozelandese Courtney Duncan nuova leader del Mondiale
La neozelandese Courtney Duncan nuova leader del Mondiale

VOLATA – Kiara ha dominato la prima manche ma nel finale la sua Yamaha ha perso potenza per la rottura della marmitta, permettendo alla neozelandese Courtney Duncan di colmare lo svantaggio e di passare in testa proprio allo scadere dei 20 minuti più due giri. Nella rivincita, sul tracciato di Loket appensantito dalla pioggia,  la Fontanesi è partita male, solo decima alla prima curva.   Mentre stava rimontando sulle battistrada si è scontrata con la francese Livia Lancelot: entrambe sono finite a terra, Kiara è risalita in moto salvando almeno la sesta posizione. Gara 2 è stata vinta dalla belga Amandine Verstappen (KTM).

CLASSIFICA MONDIALE (dopo 4 GP su 6): 1 Duncan (NZ-Yamaha) punti 155; 2. Fontanesi (Ita-Yamaha) 152; 3. Lancelot (Fra-Kawasaki) 148; 4. van de Ven (Ola-Yamaha) 143; 5 Papenmeier (Ger-Suzuki 122; 6. Verstappen (Bel-KTM) 121.

PROSSIMA PROVA: 10 Settembre ad Assen (Olanda)

MXGP Repubblica Ceca Antonio Cairoli vince di forza la qualifica

VIDEO MXGP Repubblica Ceca La Sintesi TV della qualifica

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy