FIM EWC: la classe Superstock più competitiva di sempre

FIM EWC: la classe Superstock più competitiva di sempre

La classe Superstock del Mondiale Endurance FIM EWC alza l’asticella: mai così tante squadre e piloti di livello all’assalto della FIM Endurance World Cup.

di Alessio Piana, @alessiopiana130
Si innalza il livello della classe Superstock del FIM EWC

Cresce sotto tutti gli aspetti il Mondiale Endurance FIM EWC e, di pari passo, la classe Superstock sta vivendo un momento di crescita esponenziale. Per numero e livello dei partenti, per lo spettacolo offerto, garanzia di poter offrire un avvincente confronto in ciascun evento del calendario iridato dopo il travolgente epilogo della stagione 2016/2017 con le prime tre squadre (Yamaha Viltais Experience, Moto Ain, Tati Team) separate da 1 solo punto nella classifica finale di campionato.

CHE LIVELLO NELLA CLASSE SUPERSTOCK! – Scorgendo la lista delle squadre che hanno confermato l’impegno per i restanti eventi della FIM Endurance World Cup (o per la sola 24 ore di Le Mans), non ci sono dubbi: si tratta della classe Superstock più competitiva di sempre in ambito Endurance. Yamaha Viltais Experience punterà a riconquistare il titolo di categoria passando da Michelin a Dunlop, rinnovando l’equipaggio titolare ora formato da Axel Maurin, Florian Alt e Vincent Lonbois. Cambia anche Moto Ain con l’innesto del nostro Roberto Rolfo accanto al rientrante in squadra Alexis Masbou e Christoffer Bergman, mentre Tati Team conferma la partnership tecnica con Kawasaki (e con i propulsori preparati da Akira…) e farà affidamento sul trio in trionfo al Bol d’Or composto da Julien Enjolras, Kevin Denis e Julien Pilot.

TANTE SQUADRE PUNTANO AL TITOLO – Nella lotta per il titolo vuole inserirsi anche Kawasaki Louit Moto, già Campione del recente passato, con il nostro Kevin Manfredi ingaggiato per offrire il proprio contributo alla causa insieme al giovanissimo Corentin Perolari e Chris Leesch. Che dire poi dello Junior Team LMS Suzuki: in base al piazzamento alla 24 ore di Le Mans del 21-22 aprile prossimi deciderà se prender parte alle successive 8 ore di Oschersleben e dello SlovakiaRing, ma annoverando in squadra piloti come Hugo Clère, Louis Rossi e Alex Sarrabayrouse ci sono tutti i presupposti per puntare alla vittoria della Coppa del Mondo.

GRAND’ITALIA – L’innalzamento del livello qualitativo e quantitativo della classe Superstock è merito anche delle rinnovate ambizioni di squadre tricolori. Il No Limits Motor Team, di fatto da quasi 20 anni presenza fissa della specialità, fortificato dal podio alla 8 ore dello SlovakiaRing (il primo per la nuova Suzuki GSX-R 1000) ha rinnovato il proprio equipaggio titolare con il riconfermato Michael Mazzina ora affiancato da Luca Scassa e Christian Gamarino. Ci sarà nuovamente al via di tutta la stagione il team AvioBike di/e con Giovanni Baggi accanto ai fratelli Christian e Federico Napoli, compagine emersa all’esordio tra le note positive del Bol d’Or. Aspettando l’ufficialità dei programmi del Team Trasimeno, alla 24 ore di Le Mans ci sarà inoltre lo Special Team Ducati by Z Racing con una 1199 Panigale R preparata secondo le specifiche della classe Superstock con Manuel Poggiali, Fabio Massei, Lionel Ancelin e Jacopo Zizza in equipaggio…

Photo Courtesy FIM EWC

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy