Bol d’Or: i “Pre-Test” con BMW e Suzuki SERT protagoniste

Bol d’Or: i “Pre-Test” con BMW e Suzuki SERT protagoniste

Test collettivi a Magny Cours

di Redazione Corsedimoto

Il 23 e 24 agosto si sono disputati sul circuito di Magny Cours i due giorni di “Pre-Test” in previsione del Bol d’Or 2010 con la partecipazione di tutte, o quasi, le squadre di vertice dell’Endurance. Assente Yamaha GMT94 (ha provato a Magny Cours la settimana precedente), non hanno mancato all’appello i detentori del trofeo Suzuki S.E.R.T., il team Campione del Mondo Yamaha Austria, GSR Kawasaki (vittoriosa alla 24 ore di Le Mans), Michelin Power Research Team ed il debutto di BMP Elf 99 come squadra ufficiale BMW Motorrad France.

Proprio la compagine capeggiata da Michael Bartholemy è stata la più competitiva in termini assoluti nei due giorni di prove, viaggiando regolarmente sul passo dell’1’41” basso con la BMW S1000RR #99 gommata Michelin affidata a Matthieu Lagrive, Erwan Nigon, Sebastien Gimbert e l’australiano Damian Cudlin. A seguito del divorzio con il Daffix Racing e Witec Motorsports, BMW Michelin sembra aver trovato in BMP Elf 99 la squadra giusta per portare avanti lo sviluppo della S1000RR per le gare di durata, potendo contare su un equipaggio quasi senza eguali nell’Endurance.

Non ha bisogno di presentazioni il Suzuki Endurance Racing Team che ha “marcato” stretto la BMW, riuscendo a girare sempre sull’1’41”. La “novità” è il ritorno in sella di Guillaume Dietrich dopo il brutto infortunio della 24 ore di Le Mans: se non riuscisse a correre al Bol d’Or è già pronto Daisaku Sakai, già compagno di team di Vincent Philippe e Freddy Foray alla 8 ore (vinta) di Albacete.

Test comparativi in casa GSR Kawasaki, con a disposizione la Ninja ZX-10R 2009 (2° al Bol d’Or) e la versione 2010 vittoriosa a Le Mans. Squadra che vince, non si cambia: Julien Da Costa, Gregory Leblanc e Olivier Four titolari, Thomas Metro riserva. L’unico cambiamento sono le nuove specifiche di pneumatici introdotti dalla Pirelli, che hanno consentito di viaggiare sul passo con stint di 10 giri sempre sull’1’41” alto. Solito lavoro “di routine” per Yamaha Austria, con Gwen Giabbani il più veloce con la YZF R1 gommata Michelin, equipaggio temibile con l’innesto di Sheridan Morais come “riserva”. L’obiettivo è di vincere quel Bol d’Or mancato nel 2009 per riconquistare la leadership di campionato.

In questi “Pre-Test” la prima giornata è stata condizionata dal maltempo, rovinando così il lavoro delle squadre che non si faranno trovare impreparate per la 74esima edizione del Bol d’Or dell’11-12 settembre prossimi, con 65 equipaggi regolarmente iscritti, 57 ammessi al via.

Foto: Moto Revue

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy