8h Oschersleben Qualifiche 1: Yamaha YART in pole provvisoria

8h Oschersleben Qualifiche 1: Yamaha YART in pole provvisoria

Super giro di Reiterberger

Commenta per primo!

Archiviata la 38esima edizione della 8 ore di Suzuka con il successo (che mancava addirittura dal 1996…) della Yamaha ufficiale condotta da Pol Espargaro, Bradley Smith e Katsuyuki Nakasuga, il Mondiale Endurance targato FIM torna protagonista con la 8 ore di Oschersleben, tradizionale appuntamento ‘estivo’ del calendario nell’ambito della German Speedweek (contenitore del meglio che il motociclismo tedesco possa offrire), ritrovando nuovamente una R1 davanti a tutti. Questo il verdetto delle prime qualifiche ufficiali che hanno proiettato in pole position provvisoria la R1 #7 Pirelli di YART (acronimo di Yamaha Austria Racing Team) in virtù di una media sul giro di 1’26″989 frutto dei tempi di Ivan Silva (1’27″637, vincitore della 8 ore di Oschersleben nel 2008 con Kawasaki France), Sheridan Morais (1’26″642) e Broc Parkes (1’26″690), liberatosi dai concomitanti impegni nel British Superbike con Milwaukee Yamaha per concentrarsi appieno sul Mondiale Endurance con la compagine di Mandy Kainz. Maturato un doppio-zero per i ritiri alla 24 Heures Moto Le Mans ed alla 8 ore di Suzuka per problemi tecnici riscontrati lungo il cammino, la formazione Campione del Mondo Endurance 2009 e vittoriosa nello stesso anno proprio alla ‘Motorsport Arena’ si prende la soddisfazione di questa pole provvisoria con una media sul giro sotto al muro dell’1’27”, prima ed unica squadra a riuscirci già dalle qualifiche ufficiali del giovedì. Un obiettivo che sembra ampiamente alla portata dei più diretti inseguitori a cominciare da Kawasaki SRC, 2° in 1’27″330 grazie ai crono di Gregory Leblanc (1’27″293), Matthieu Lagrive (1’27″912) e Fabien Foret (1’26″787), meglio rispetto ai pluri-vincitori dell’evento e potenziali Campioni del Mondo 2015 già questo fine settimana (possibilità remota) di Suzuki S.E.R.T., in virtù dell’affermazione a Le Mans ed il 4° posto alla 8 ore di Suzuka decisi a giocarsi il primo ‘match point’ campionato. Un’occasione che offre la classifica con la necessità di lasciare Oschersleben con 60 punti di margine (attualmente sono 29) nei confronti di Yamaha GMT94, ma che si complica ancor di più per una serie di vicissitudini nei primi giorni di attività della 8 ore ‘Made in Deutschland’. Se il terzo tempo conferma l’ottimo momento di forma della compagine di Dominique Meliand già vittoriosa ad Oschersleben nel 2012 e 2013 (ed ancor prima nel triennio 2005-2007, all’epoca 24 ore), l’inizio non è stato dei migliori: mercoledì nelle prove pre-evento una rovinosa caduta di Etienne Masson, all’indomani nelle Qualifiche 1 una scivolata senza conseguenze ha visto protagonista Anthony Delhalle, già a terra lo scorso anno nelle fasi iniziali della contesa compromettendo un potenziale buon piazzamento per la S.E.R.T. La struttura 13 volte Campione del Mondo precede in ogni caso i diretti avversari nella corsa al titolo di Yamaha GMT94 con David Checa (1’27″881), Mathieu Gines (1’27″811) e Kenny Foray (1’27″488), seguiti da quello che è forse l’equipaggio più atteso: il #13 di BMW Penz13, in trionfo nel precedente biennio tra le Superstock ed in pole lo scorso anno nell’assoluta seppur con una S 1000 RR preparata secondo le specifiche della classe Stock. Passati all’EWC, la struttura di Rico Penzkofer parte con legittimi propositi ambiziosi per l’evento di casa staccando non soltanto il 5° tempo nelle Qualifiche 1, ma con il velocissimo Markus Reiterberger il best lap assoluto in 1’26″386, sfortunatamente non avvicinato dai teammates Bastien Mackels e Pedro Vallcaneras rimasti sopra l’1’28”. Un buon momento della casa dell’Elica ribadito dalla pole provvisoria di classe Superstock con la BMW S1000RR #48 del team Volpker NRT48 Schubert Motors che gode del supporto tecnico/logistico proprio di Penz13, 6° assoluti con Marco Nekvasil (Campione IDM Superstock in carica), Dominik Vincon e Stefan Kerschbauer, meglio dell’equipaggio di Honda Racing (da registrare una scivolata di Freddy Foray) e dei diretti concorrenti di categoria dello Junior Team Suzuki LMS. Completano la top-10 provvisoria il trio di Bolliger Team Switzerland ed un tocco di tricolore grazie a Gianluca Vizziello, in 1’28″301 il più veloce del terzetto Maco Racing Team con la Yamaha R1 #14 sul tracciato dove vinse nell’Europeo Superstock 1000 stagione 2004. Sempre in ‘Casa Italia’ da annotare il 16° crono di Giovanni Bussei (1’28″916) con la Suzuki GSX-R 1000 #68 dell’Atomic Moto Virus, a seguire 18° il Flembbo Leader Team con la Kawasaki #46 condotta anche da Emiliano Bellucci (1’30″877), sempre tra le Superstock è presente il No Limits Motor Team di Moreno Codelucci con la Suzuki #44 affidata a Niccolò Rosso (1’31″451), Cristiano Ascanio (1’32″758) e Marco Passerelli (1’35″514). Venerdì 21 agosto dalle 15:10 il secondo turno di qualifiche ufficiali che determinerà lo schieramento di partenza della 8 ore di Oschersleben che scatterà sabato 22 agosto alle 12:00 con la conclusione chiaramente prevista alle 20:00 in punto. FIM Endurance World Championship 2015 8 hours of Oschersleben, Classifica Qualifiche 1 01- Monster Energy Yamaha YART – Yamaha YZF R1 – Parkes/Silva/Morais – 1’26.989 (EWC) 02- Team Kawasaki SRC – Kawasaki ZX-10R – Leblanc/Lagrive/Foret – 1’27.330 (EWC) 03- Suzuki Endurance Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – Philippe/Delhalle/Masson – 1’27.664 (EWC) 04- GMT94 Yamaha – Yamaha YZF R1 – Checa/Foray/Gines – 1’27.726 (EWC) 05- BMW Motorrad Penz13.com – BMW S1000RR – Reiterberger/Mackels/Vallcaneras – 1’27.762 (EWC) 06- Volpker NRT48 Schubert – BMW S1000RR – Nekvasil/Vincon/Kerschbauer – 1’27.865 (SST) 07- Honda Racing – Honda CBR 1000RR SP – Da Costa/Gimbert/Foray – 1’27.970 (EWC) 08- Junior Team Suzuki LMS – Suzuki GSX-R 1000 – Guittet/Black/Maitre – 1’28.383 (SST) 09- Team Bolliger Switzerland – Kawasaki ZX-10R – Saiger/Stamm/Salchaud – 1’28.649 (EWC) 10- Maco Racing Team – Yamaha YZF R1 – Vizziello/Jerman/Dos Santos – 1’28.926 (EWC) 11- Tati Team Beaujolais Racing – Kawasaki ZX-10R – Enjolras/Tangre/Savary – 1’28.946 (SST) 12- Team April Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – Fastre/Cudlin/Casas – 1’28.996 (SST) 13- Team R2CL – Suzuki GSX-R 1000 – Giabbani/Storrar – 1’29.272 (EWC) 14- Team Traqueur Louit Moto 33 – Kawasaki ZX-10R – Pilot/Jonchiere/Berchet – 1’29.291 (SST) 15- Prime Factors Racing – BMW S1000RR – Mason/Burrell/Cappella – 1’29.363 (SST) 16- Atomic Moto Virus – Suzuki GSX-R 1000 – Egea/Gucciardi/Bussei – 1’29.428 (SST) 17- RS Speedbikes Racing – BMW S1000RR – Albrecht/Lowe/Kollan – 1’29.693 (Open) 18- Flembbo Leader Team – Kawasaki ZX-10R – Prosenik/Cudeville/Bellucci – 1’29.722 (EWC) 19- AM Moto Racing – Suzuki GSX-R 1000 – Loiseau/Ayer/Camus – 1’29.900 (SST) 20- Starteam PAM Racing – Suzuki GSX-R 1000 – Longearet/Hardt/Lucas – 1’29.927 (SST) 21- National Motos – Honda CBR 1000RR SP – Suchet/Junod/Bulle – 1’29.987 (EWC) 22- Yamaha Viltais Experience – Yamaha YZF R1 – Buisson/Maurin/Gerard – 1’30.034 (SST) 23- Jackson Racing – Honda CBR 1000RR SP – McGuinness/Cummins/Stewart – 1’31.294 (SST) 24- Bertl K. Racing – Yamaha YZF R1 – Kemmer/Kemmer/Grasmugg – 1’31.534 (EWC) 25- Aprilia Grebenstein – Aprilia RSV4 – Uhlig/Schwarz/Buhn – 1’31.588 (Open) 26- Ecurie Chrono Sport 1 – Kawasaki ZX-10R – Pagani/Saive/Perdriat – 1’31.610 (SST) 27- Motobox Kremer – Suzuki GSX-R 1000 – Scherrer/Paavilainen/Skach – 1’31.900 (EWC) 28- mds-steeldesign.de – BMW S1000RR – Bitter/Mester/Eickelmann – 1’32.250 (Open) 29- Ecurie Chrono Sport 2 – Kawasaki ZX-10R – Hugot/Herveux/Ferre – 1’33.149 (EWC) 30- No Limits Motor Team – Suzuki GSX-R 1000 – Rosso/Ascanio/Passerelli – 1’33.241 (SST) 31- Evers ZAB Endurance – MV Agusta F4 – Schnieders/Borgelt/Evers – 1’33.297 (Open) 32- Scuderia Wamps Ducati – Ducati 1199 Panigale R – Teissier/Royer/Geslin – 1’33.495 (EWC) 33- Team Endurance 67 – Kawasaki ZX-10R – Bonnet/Bosson/Bosson – 1’34.115 (SST) 34- BIPRO Legends – Suzuki GSX-R 1000 – Genscher/Lehmann/Lemmermann – 1’34.256 (Open) 35- Frostbeulen Racing – Ducati 1199 Panigale S – Backer/Mockenhaupt/Wilhelm – 1’36.598 (Open) Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130) Diretta TV esclusiva ed integrale della 8 ore di Oschersleben 2015 sabato 22 agosto a partire dalle 11:50 su Eurosport 2, Canale 211 Sky (disponibile per gli abbonati ai pacchetti Sky TV o Sky Sport), Canale 373 di Mediaset Premium (disponibile per gli abbonati Premium Calcio&Sport).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy