Endurance FIM EWC Randy De Puniet firma con Kawasaki SRC

Endurance FIM EWC Randy De Puniet firma con Kawasaki SRC

Dopo l’esperienza al Bol d’Or 2016, Randy De Puniet ha trovato l’intesa con il Team Kawasaki SRC anche per la 24 ore di Le Mans (e sempre Bol d’Or) 2017.

di Alessio Piana, @alessiopiana130

Dalle indiscrezioni delle scorse settimane si è passati all’ufficialità. Dopo il convincente debutto al Bol d’Or 2016, Randy De Puniet ha raggiunto l’accordo con il Team Kawasaki SRC per proseguire l’avventura nel Mondiale Endurance FIM EWC. Dal 2006 al 2013 presenza fissa della MotoGP e nell’ultimo triennio impegnato nella top class da tester dei progetti Suzuki GSX-RR e KTM RC16, RDP ha trovato l’intesa con la compagine di Gilles Stafler per affiancare i già annunciati Fabien Foret e Mathieu Gines alla 24 Heures Moto Le Mans del 15-16 aprile prossimi ed al Bol d’Or del mese di settembre in sella alla Kawasaki Ninja ZX-10R #11 gommata Pirelli.

De Puniet, che nell’ultimo periodo si è dato alle corse su ghiaccio, aveva trovato l’accordo con Kawasaki SRC per la sola edizione 2016 del Bol d’Or. Salito ai comandi della Kawasaki senza pregressi test pre-evento, il pilota transalpino ci aveva messo poco a calarsi nel contesto dell’Endurance riuscendo, dal secondo stint di gara in poi, a viaggiare costantemente sotto il muro del 2’00”, portando l’equipaggio Kawasaki #11 sul secondo gradino del podio.

Un risultato che ha convinto Randy De Puniet a proseguire l’avventura nell’Endurance a partire dalla 24 ore di Le Mans (2° Round del FIM EWC 2016/2017) in quella che sarà la sua terza presenza nella specialità, considerando il 2° posto alla 8 ore di Suzuka 2014 con Yoshimura Suzuki.

Sono felice di annunciare che correrò con il Team Kawasaki SRC quest’anno a Le Mans ed al Bol d’Or“, ha fatto sapere Randy, il quale manterrà una tradizione di famiglia: suo padre Arnaud, nei primi anni ’80, salì sul podio proprio al Bol d’Or con il Team Japauto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy