Dakar 2019: Che squadrone, l’unione KTM farà la forza?

Dakar 2019: Che squadrone, l’unione KTM farà la forza?

Jordi Viladoms, direttore sportivo KTM , racconta la vigilia del team austriaco alla Dakar 2019: Price, Sunderland e Walkner sono i piloti da battere

di Claudio Percivalle

Sulle spalle di Jordi Viladoms cadrà quest’anno la responsabilità di guidare la nave austriaca, un’armata invincibile che ha vinto la Dakar le ultime 17 edizioni. Come corridore, la sua missione era sempre quella di scortare il suo capo, Marc Coma, ma grazie alla sua esperienza Viladoms è diventato il mentore di una squadra molto giovane con un certo Toby Price, un certo Sam Sunderland e un certo Matthias Walkner… che ha sponsorizzato, quasi letteralmente, e a cui ha insegnato i segreti del mestiere.

RELAZIONI “È normale perché abbiamo avuto una relazione molto stretta” spiega Jordi Viladoms. Toby Price ha trascorso due mesi a casa mia nel 2015 per imparare la navigazione… e non gli ha fatto male perché ha vinto la Dakar. Sam è venuto un mese e mezzo nel 2016… e ha anche fatto bene perché l’ha vinta quell’anno. Cerco di aiutarli in tutto, aprendo la mia casa e mettendo al mio servizio tutte le persone di fiducia. Il recupero della rottura del femore che Toby Price ha sofferto nella Dakar 2017 si è svolto in una fase molto importante a Barcellona: È stato operato qui ed è stato a casa mia per un po ‘con un fisioterapista e un personal trainer che ho cercato il suo recupero. Ora, il Dr. Mir ha operato la frattura del polso … Questi sono dettagli che devono essere curati”. Price purtroppo ha rotto lo scafoide a metà dicembre in allenamento, gettando nello sconforto la compagine austriaca.

“Toby alla partenza può essere già considerato un trionfo. Dobbiamo essere realistici e sappiamo chiaramente che non sarà al cento per cento ed è un vero peccato che una stupida caduta posso rovinare tutto… ma Sam e Matthias sono super forti, Laia è migliorata ma non è al cento per cento, potrebbe avere momenti difficili nel corso della gara. “ Fino a due settimane fa, Laia Sanz era più vicina a gettare la spugna che a preparare la sua trasferta peruviana a causa di una doppia infezione batterica: una mononucleosi e poi la febbre Q. Fortunatamente, il fisico della 33enne spagnola è tornato alla normalità giusto in tempo, almeno, per cercare di finire la nona Dakar consecutiva.

LA FORZA DEL GRUPPO“Meglio scommettere sulla forza del gruppo che puntare tutto su una carta, KTM ha sempre preferito essere una famiglia in cui l’unione dei suoi membri è al di sopra del desiderio individuale di vincere. La mia missione è fare in modo che il pilota abbia fiducia in me e che non esiti se gli chiedo di farsi da parte perché è la cosa migliore per le aspirazioni della squadra . Fortunatamente, i ragazzi hanno un talento bestiale e lo hanno imparato molto velocemente. Toby, Matthias, Sam… nonostante siano molto giovani hanno vinto Dakar e campionati del mondo,. Naturalmente, gestire tre galli nel pollaio non è facile. Siamo fortunati ad avere molti piloti in grado di vincere, ma se avessimo puntato tutto su una carta avremmo sbagliato… Un anno hanno vinto, ma in un altro sono caduti o non hanno finito, ecco perché è meglio puntare sulla forza del gruppo “.

Foto: KTM

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy