CIV Misano: il resoconto della giornata di venerdì

CIV Misano: il resoconto della giornata di venerdì

Commenta per primo!

In presenza di temperature che definire torride è un lusso, si è disputata oggi la prima giornata in pista per il doppio round del Campionato Italiano Velocità a Misano. Penultimo appuntamento della stagione cruciale per le sorti delle lotte per il titolo nelle varie categorie anche alla luce dei 50 punti in palio sui 75 rimanenti. Al termine delle Qualifiche 1 i più veloci sono risultati Franco Morbidelli (Yamaha Bike Service Racing Team) nella Stock 600, Michele Magnoni nella Stock 1000, Matteo Baiocco (Ducati Team Barni) in Superbike, la wild-card di provenienza Mondiale Niccolò Antonelli (FTR Honda San Carlo Junior Team) e Miroslav Popov (Mahindra Racing) rispettivamente per la Moto3 e la 125GP, Ilario Dionisi (Honda Scuderia Improve) e Ferruccio Lamborghini (Quarantaquattro Racing) per la Supersport e la Moto2. Superstock 600: Morbidelli su Sabatino e Russo, quarto Salvadori Franco Morbidelli (Yamaha Bike Service Racing Team), reduce dalla wild-card di Brno dell’europeo di categoria nella quale ha concluso con un sesto posto in gara, ha terminato il primo turno di Qualifiche 1 della Stock 600 CIV qui a Misano con il miglior tempo di 1’41.177. Il pilota di Tavullia, secondo in classifica con 39 lunghezze da recuperare su Riccardo Russo, ha preceduto un ottimo Gennaro Sabatino (Yamaha Prorace Squadra Corse), secondo e distanziato di 172 millesimi. Terzo classificato è proprio il pilota di Aversa ed alfiere del Team Italia FMI, seguito da Luca Salvadori (Team PATA by Martini Yamaha), da Stefano Casalotti (Yamaha Team Riviera), da Alessandro Nocco (Kawasaki Nocco Racing Team), vincitore della spettacolare ultima gara in ordine di tempo al Mugello, da Mattia Cassani, Luca Vitali (Team Italia FMI), dal croato Tedy Basic e da Francesco Cocco (Team PATA by Martini). Superstock 1000: tre BMW davanti a Goi Tripletta BMW nel primo turno di qualifiche della Stock 1000 qui a Misano. A comandare la classifica troviamo Michele Magnoni il quale un mese fa, da wild-card, conquistò il terzo posto nella gara valida per la Coppa FIM di categoria. Il pilota di Cagli, fuori dalla lotta per il titolo vista anche la non partecipazione ai primi due round della stagione (nell’ultimo doppio round ha ottenuto due secondi posti), ha preceduto al termine della mezzora in pista i compagni di marca Fabrizio Perotti (BMW Play Racing) ed Alessio Velini (BMW 2R Antonellini by Bargy). Quarta posizione per il leader della classifica Ivan Goi con la Ducati 1199 Panigale del Ducati Team Barni, davanti a Marco Muzio (BMW DMR Racing), ad Enrico Pasini (BMW Bike Service Racing Team) ed a Alessio Corradi (Aprilia Nuova M2). Completano il computo dei primi dieci Daniel Sanca su Yamaha, Simone Saltarelli con la seconda 1199 Panigale del Team Barni (alla quale è passato soltanto dallo scorso doppio round del Mugello), e Norino Brignola (Suzuki Falaschi Racing), impegnato recentemente nel Mondiale Superbike come pilota del Team Grillini Progea Superbike BMW. Superbike: Baiocco e Clementi in due millesimi, terzo Conforti Soltanto due millesimi di secondo hanno separato il campione in carica e capo classifica Matteo Baiocco (Ducati Team Barni) dal monopolizzatore delle due ultime gare del Mugello Ivan Clementi (BMW Asia Competition). Il pilota di Osimo l’ha spuntata sul rivale grazie al crono di 1’37.676, mentre in terza posizione staccato di 219 millesimi dal leader troviamo il compagno di squadra Luca Conforti, ancora in corsa per il titolo nonostante i 24 punti di ritardo in classifica con 75 lunghezze ancora da assegnare. Quarto posto per Gianluca Nannelli, vincitore del secondo round di Imola ma recentemente in deficit di prestazione ed in difficoltà nell’ottenere risultati importanti in sella alla 1198 del Team Grandi Corse Ducati. Dietro al pilota toscano si piazzano Fabrizio Lai (Ducati Althea Racing by Echo), al ritorno in pista dopo l’infortunio subito in una sessione di allenamento, Remo Castellarin e Lorenzo Mauri (Ducati M.Motocorsa). 125 GP/Moto3: Popov con Mahindra in 125 , Antonelli 1° in Moto3 Due wild-card provenienti dal Mondiale Moto3 che non possono essere non notate in questo doppio round di Misano. Il primo di questi è ovviamente Niccolò Antonelli (FTR Honda San Carlo Gresini Moto3), che ha terminato in prima posizione le Qualifiche 1 della 125GP-Moto3 con un tempo di 1’45.583. Il pilota romagnolo, al ritorno nel Campionato Italiano Velocità dopo il titolo ottenuto nello scorso anno nella ottavo di litro, troverà tra la sua strada un suo rivale a tempo pieno del Mondiale, ovvero Alex Rins (Suter Honda Team Estrella Galicia 0,0) che ha concluso al terzo posto le Qualifiche 1, e come secondo dei piloti Moto3 in pista. In mezzo a loro si piazza il ceco Miroslav Popov (Mahindra Racing), sostituto dell’indiano Sarath Kumar che ha fatto le valigie ed è tornato a correre in madrepatria. Quarto posto per un’altra wild-card, ovvero il britannico John McPhee,  pluri wild-card del Mondiale Moto3 con il Team KRP, seguito da Kevin Calia (Honda Elle 2 Ciatti, Moto3) e da Matteo Ferrari (Honda San Carlo Junior). Il secondo pilota 125GP in classifica è il leader Lorenzo Dalla Porta (Aprilia O.R. by 2B Corse-Zack M.), che vanta ben 35 punti di vantaggio in classifica sullo sfidante Riccardo Moretti (Mahindra Racing), il quale ha concluso la sessione con una mesta ventiduesima piazza. Supersport/Moto2: Leonov la spunta su Dionisi e Tamburini Vladimir Leonov (Yamaha Yakhnich Motorsport) ha concluso al vertice le Qualifiche 1 di questo doppio round di Misano. Il pilota russo, impegnato anche sul fronte mondiale e già protagonista nella passata stagione dell’italiano di categoria, ha fatto segnare un miglior tempo di 1’39.310, scalzando nel finale di sessione dalla prima posizione il leader e attuale campione in carica Ilario Dionisi (Honda Scuderia Improve), secondo a 381 millesimi. Il pilota moscovita potrà quindi giocare un ruolo cruciale nella battaglia per il titolo, visto che Roberto Tamburini (Honda Lorini) e Stefano Cruciani (Kawasaki Puccetti Racing), protagonista di diverse wild-card in ambito iridato, non sono distanti ed hanno concluso rispettivamente in terza e quinta posizione, con in mezzo a loro Giuliano Gregorini (Yamaha Team Rosso e Nero). Sesto posto per Marco Faccani (Honda Velmotor) davanti a Mirko Giansanti, che di Cruciani è il compagno di squadra, e Ferruccio Lamborghini  con la prima delle Moto2 (Quarantaquattro Racing), che lo ricordiamo è sceso in pista in pista nello scorso di round di Brno in Superstock 600 come sostituto di Bastien Chesaux nel Team EAB Ten Kate Junior Honda. A completare la top-ten troviamo Lorenzo Segoni (Suzuki Gian Moto Racing) ed Andrea Boscoscuro (Kawasaki MV Racing) seguiti da Gabriele Cottini (Honda Scuderia Improve) e Andrea Agnelli (Yamaha Puccetti Racing). La seconda ed ultima Moto2 in pista è quella di Christopher Gobbi, che ha chiuso in ventiduesima ed ultima posizione. Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy