CIV: Gomme & Service by Brunetti si prepara al 2010 vincendo a Vallelunga

CIV: Gomme & Service by Brunetti si prepara al 2010 vincendo a Vallelunga

Commenta per primo!

Il team Gomme & Service by Brunetti ha preso parte lo scorso fine settimana al “Trofeo di Natale” a Vallelunga, atto conclusivo del “Trofeo del Centauro” organizzato . Con un pensiero rivolto al 2010 la squadra di Franco Brunetti ha conquistato il successo nella “Open”, con una doppietta per le Honda di Lorenzo Alfonsi e Luca Pini, originariamente iscritto con una Bimota DB7, passato alla Fireblade dopo un guasto meccanico che ha messo KO la moto italiana.

Per Lorenzo Alfonsi una vittoria di prestigio in attesa del 2010 dove correrà, sempre con il team Brunetti, nel CIV Superstock 1000. “Sono riuscito a concludere la stagione con una vittoria e questo mi rende felicissimo, il mio feeling con la Honda è in costante miglioramento e la pole position conquistata ne è la prova. In gara nei primi giri, complice un piccolo problema all’ammortizzatore di sterzo ho controllato, ma poi sono passato all’attacco combattendo con i piloti in sella alle Superbike, fra cui proprio il mio compagno di squadra Pini.

In gara ho avuto modo di “misurare” il potenziale di alcuni fra gli avversari che incontrerò nella prossima stagione, primo fra tutti Alessandro Polita con cui abbiamo duellato fino al mio sorpasso ai Ciminia metà gara. Negli ultimi giri poi ho cercato di amministrare il vantaggio e conquistare una vittoria che per me e per la squadra rappresenta tantissimo e spero sia solo il primo passo verso, la preparazione di un 2010 da protagonista nel CIV della Superstock 1000“.

Dispiaciuto per il KO della propria Bimota DB7, Luca Pini è riuscito comunque a conquistare la seconda posizione a Vallelunga con la Honda CBR 1000RR.

Da come si era messa nelle prove, posso dire che è andata benissimo, venerdì un guasto meccanico ha messo fuori uso la nostra Bimota DB7, ho dovuto così utilizzare la Honda del mio compagno di squadra Mazzoleri, adattata per altro velocemente alle mie caratteristiche di guida.

Nonostante così poco tempo a disposizione per mettere a punto la “nuova” moto, in gara sono riuscito ad andare in testa e rimanerci per qualche giro, ma da metà gara in poi lo scarso feeling con la moto si è fatto sentire, e devo ammettere di essermi accontentato di un pur sempre ottimo secondo posto“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy