CIV 2018: Angelo Licciardi debutta in Moto3: “Puntiamo in alto”

CIV 2018: Angelo Licciardi debutta in Moto3: “Puntiamo in alto”

Dopo una difficile stagione nel World Supersport 300 nel 2018 Angelo Licciardi passa al CIV Moto3 con Scuola Italiana Piloti: “Cercherò di sfruttare questa opportunità”.

di Alessandro Palma

In occasione del Motor Bike Expo di Verona è stato presentato a pubblico e stampa il team Scuola Italiana Piloti. La squadra debutterà nelle competizioni partecipando all’Europeo Supersport con Walter Sulis e un altro pilota ancora da annunciare e sarà inoltre impegnata in varie categorie del CIV con Fabrizio Lai (Superbike), Sulis e Ilario Dionisi (Supersport), Marco Carusi (Supersport 300) e Angelo Licciardi (CIV Moto3).

Licciardi correrà con la nuova Moto3 sviluppata da GPI Technology, start-up che ha dato vita al progetto Scuola Italiana Piloti, e debutterà nel Campionato Italiano Velocità bopo una stagione nel Mondiale Supersport 300 iniziata bene, ma successivamente condizionata dalla frattura del piede destro rimediata ad Assen. Classe 1996 di Genk, in passato “The Animal” ha corso anche in campionati come Moriwaki 250 Junior Cup (2° e 3° nel biennio 2012/2013), PATA European Junior Cup (3° nel 2014), Europeo Superstock 600 (2015) e Mondiale Supersport (round europei della stagione 2016).

Nella piccola intervista a noi rilasciata durante il programma “Eventualmente Protagonisti” della web radio “Radio Webshow”, Licciardi ha parlato della stagione 2017 e della nuova avventura che lo attende. Ecco cosa ci ha detto.

Che bilancio fai della stagione 2017?

La gara del Motorland Aragon è andata molto bene, dato che ho ottenuto un quinto posto, e anche ad Assen sono andato forte. Purtroppo lì sono stato protagonista di una brutta caduta all’ultimo giro mentre mi giocavo la vittoria e gli esami a cui mi sono sottoposto successivamente hanno evidenziato la frattura del piede destro. Pensavo di riprendermi nel giro di poche settimane, ma l’infortunio si è rivelato più serio del previsto e alla fine ha condizionato il resto della stagione.

Cosa significa per te passare dal Mondiale al CIV? Lo vedi più come un passo indietro o come una nuova opportunità?

Per me è più una nuova opportunità: correrò con un ottimo team e il livello del CIV Moto3 è molto alto. Non correrò in un Mondiale, ma sono comunque felicissimo.

A parte Misano e Imola, dove hai corso nel Mondiale Supersport 300, conosci le piste del CIV?

Non le conosco, ma non vedo l’ora di provarle. In particolare sono contento di poter correre al Mugello, pista che mi sembra molto bella.

Hai già provato la Moto3?

Sì, ne ho provata una in occasione di un test con Ten Kate nel 2012 e mi sono trovato molto bene. Devo dire che negli anni in cui ho corso con la 600cc e con la 300cc ho sempre avuto l’obiettivo di fare il salto in Moto3. Ho dovuto aspettare un po’, ma finalmente ce l’ho fatta.

Quali sono i tuoi obiettivi per questa nuova avventura?

Per me è tutto nuovo, a cominciare dal team e dalla moto, ma l’obiettivo è comunque quello di lottare per le prime posizioni. Il team Scuola Italiana Piloti mi sembra molto professionale e cercherò di sfruttare al massimo l’opportunità da loro concessami.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy