European Championship Superstock Albacete Gara: Barragan campione, Goi sesto

European Championship Superstock Albacete Gara: Barragan campione, Goi sesto

Podio per Martinez e Del Amor

Commenta per primo!

Dopo due anni di totale dominio da parte di Carmelo Morales, il titolo Europeo Superstock 1000 in prova unica resta in Spagna. Santiago Barragan, 23 anni di Almendralejo, conquista la vittoria ad Albacete sovvertendo i pronostici della vigilia, abile a gestire la Honda Fireblade gommata Michelin dell’Extremadura Junior Team, squadra con cui corre da due stagioni tra Superstock 1000 FIM Cup e CEV Stock Extreme (miglior pilota privato in classifica). “Santi”, trascorsi nel Motomondiale senza grande successo a cavallo dal 2006 al 2007, da un buon triennio si è reinventato pilota tra le 4 tempi tra 600 e 1000cc tanto da guadagnare le attenzioni della Kawasaki:candidato a correre da pilota ufficiale nel World Supersport (ha provato la Ninja ZX-6R ad Almeria lo scorso mese di settembre), ha varie proposte interessanti anche per la Stock 1000 internazionale.

Per il momento conquista il titolo europeo battendo tre piloti di maggior esperienza ritenuti, a ragione, i grandi favoriti della vigilia, lasciati a ben 5″ di svantaggio sul traguardo. Il primo di questa lista è Bernat Martinez, autore della pole position, secondo ripetendo la performance dello scorso anno; il pilota valenciano, al via con una propria Yamaha YZF R1 gommata Dunlop, è rimasto nel gruppetto in lotta per il piazzamento di “runner-up” con Xavier Del Amor (1198R di Ducati Barcelona SRT) e Javier Fores, quest’ultimo in evidente difficoltà nella seconda parte di gara con la BMW di Motorrad Competicion.

Il campione del CEV Stock Extreme 2010 (5 vittorie su 5 gare) è rimasto in testa fino all’ottavo giro: passato da Barragan, Fores ha perso man mano terreno aprendo le porte anche a Del Amor e Martinez, rimediando una deludente quarta posizione giù dal podio al di sotto delle aspettative personali e della squadra. Staccatissimo a 16″ c’è Adrian Bonastre (Ducati Amalgama) che completa un quintetto tutto iberico ai danni del nostro Ivan Goi, sesto e primo dei piloti “stranieri” con la stessa Aprilia RSV4 con cui ha vinto lo scorso fine settimana il titolo italiano.

Il portacolori del TRD Racing Ecodem, partito dalla seconda fila complice il forfait di Mazuecos, si è ritrovato ad inseguire dall’ottava posizione recuperando nel finale quando ha raggiunto, ma non superato, Bonastre. Prova comunque onorevole per “Il Terribile”, capace di passare Michal Filla (BMW Invelt) e Patric Muff (TKR Suzuki) con qualche rammarico per l’esito delle qualifiche che ha compromesso il rendimento in gara. La rivincita nel 2011.

Cronaca di Gara

Non parte Julian Mazuecos, pilota ufficiale Kawasaki Espana del Palmeto Racing, caduto rovinosamente nelle qualifiche e portato all’Ospedale di Albacete per tutti gli accertamenti del caso: lascia vuota la sesta posizione in griglia a favore di Ivan Goi, ora in seconda fila dall’ottava posizione. Al via Barragan ha lo spunto migliore, prende il comando su Fores, Martinez, Del Amor, Bonastre, Muff, Goi e tutto il gruppone dei piloti iscritti alla Superstock 1000.

Subito bel duello tutto in Ducati tra Del Amor e Bonastre: i due si scambiano in due distinte occasioni la quarta piazza con Del Amor ad avere la meglio sulla 1198R di Ducati Barcelona. Il pilota iberico si ricongiunge così al terzetto di connazionali già in fuga con Barragan a condurre su Fores ed il poleman Martinez. Al terzo giro nella staccata in fondo al rettilineo dei box Fores rompe gli indugi e conquista il comando, ma il poker di testa è davvero a stretto contatto con più staccati Bonastre, Muff, Filla ed il nostro Ivan Goi.

Si arriva al sesto giro con Santiago Barragan che trova un varco alla curva 7 e sorprende Fores, passa in prima posizione e da vita ad una fuga in solitaria. Il campione CEV Stock Extreme 2010 inizia ad accusare problemi, a 10 giri dalla bandiera a scacchi lascia la seconda posizione a Del Amor e da lì a poco viene passato anche da Bernat Martinez (con leggero contatto al tornantino 7) lasciando così il podio in una gara dove era il grande favorito. Alle loro spalle, staccatissimo, resta in quinta posizione Bonastre a contatto con Filla e Goi, perde terreno il leader del mondiale Endurance Patric Muff in gara con la Suzuki del team TKR abitualmente adoperata nell’IDM Superbike.

A cinque giri dalla bandiera a scacchi Del Amor accusa problemi di pneumatici e apre le porte a Martinez, che passa 2° ripetendo sostanzialmente il risultato dello scorso anno. Lontano dal poker di testa si registra il ritiro del ceko Michal Filla, che lascia così la bagarre per la quinta posizione ad Adrian Bonastre e Ivan Goi. Rush finale con Barragan in vantaggio di 5″ su Martinez, Del Amor e Fores “sulle uova” con la propria BMW: finisce così con Santiago Barragan nuovo campione Europeo succedendo nell’albo d’oro a Carmelo Morales, podio per Bernat Martinez (2° come nel 2009) e Xavier Del Amor, Ivan Goi è sesto.

UEM Road Racing European Championship Superstock 1000 2010
Albacete, Classifica Gara

01- Santiago Barragan – Extremadura Jr Team – Honda CBR 1000RR – 30’29.513
02- Bernat Martinez – Team Bernat – Yamaha YZF R1 – + 5.313
03- Xavier Del Amor – Ducati Barcelona SRT – Ducati 1198R – + 6.532
04- Javier Fores – Motorrad Competicion – BMW S1000RR – + 6.592
05- Adrian Bonastre – Amalgama Team – Ducati 1198R – + 17.936
06- Ivan Goi – Ecodem Racing – Aprilia RSV4 – + 18.701
07- Michal Filla – BMW Invelt Team – BMW S1000RR – + 26.532
08- Patric Muff – TKR Suzuki Switzerland – Suzuki GSX-R 1000 – + 32.116
09- Nicklas Cajback – SKAB Racing – Honda CBR 1000RR – + 35.036
10- Enric Ferrer – Dues Roadas Competicion – Ducati 1098R – + 38.923
11- Peter Politiek – MRTT Hoegee Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 39.047
12- Ole Plassen – Plassen Racing Team – Ducati 1098R – + 48.637
13- David Juhasz – BR Organisation – Honda CBR 1000RR – + 1’02.034
14- Tage Solberg – Solberg-Racing.com – Honda CBR 1000RR – + 1’05.639
15- Allard Kerkhoven – Putoline Oil Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 1’07.157
16- Carl Berthelsen – Team Suzuki Norway – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’12.214
17- Alfonso Ho – Mallorca New Limit – Yamaha YZF R1 – + 1’28.754

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy