CEV Superbike Valencia Gara: trionfo Scheib e caso Michelin

CEV Superbike Valencia Gara: trionfo Scheib e caso Michelin

In una corsa accorciata per problemi di gomme Maximilian Scheib conquista la vittoria nel CEV Superbike a Valencia, lo scoppio di uno pneumatico costringe Morales alla resa.

Il cileno Maximilian Scheib sorprende tutti e si aggiudica la vittoria nell’inaugurale gara del CEV Superbike 2016, ma a Valencia scoppia il “caso Michelin“. Dallo scorso anno fornitore unico di pneumatici della serie insignita da FIM Europe del riconoscimento di Campionato Europeo, il Bibendum ha vissuto una, per usare un eufemismo, giornataccia ammettendo (pubblicamente) delle problematiche che hanno stravolto valori in campo ed il regolare svolgimento del programma di attività in pista. Sin dalla mattinata la Race Direction, su invito della stessa azienda di Clermont Ferrand, aveva deciso di accorciare la distanza della corsa da 19 a 14 per “problemi di gomme“. Una decisione presa per ragioni di sicurezza, ma che non ha potuto scongiurare quanto di pericoloso (a dir poco…) occorso al pluri-Campione della categoria Carmelo Morales, fuori dai giochi a due tornate dal termine con lo pneumatico posteriore letteralmente… a terra.

Un rischio incredibile per ‘Carmelito’, esperto nel riuscire a fermarsi subito evitando conseguenze ben più gravi, marcando tuttavia un pesante ‘zero’ ai fini-campionato tutto a vantaggio di un sorprendente Maximilian Scheib, stellina del motociclismo cileno da un biennio a questa parte al via del CEV tra Moto2 e Superbike. Passato al TargoBank EasyRace SBK Team in sella ad una BMW S1000RR, Scheib si è assicurato una strepitosa vittoria ritrovandosi a stretto contatto con Morales proprio quando questi è stato costretto al ritiro. Il pilota cileno regala così un sogno a tutta la sua nazione a caccia di un motociclista di livello internazionale, non da meno Alejandro Medina, apprezzabile secondo assoluto al debutto in Superbike con la Yamaha R1 del Team Stratos vestita con i colori Leopard Racing.

Il problema allo pneumatico posteriore occorso a Carmelo Morales
Il problema allo pneumatico posteriore occorso a Carmelo Morales

Completa il podio dopo la pole del sabato ed un errore (ha sbagliato una marcia quando si ritrovava in testa passando in un sol colpo dalla 1° alla 4° posizione) Santiago Barragan, terzo al rientro nel CEV con la seconda BMW del sodalizio tra EasyRace ed il TargoBank CNS Motorsport distanziando il quattro volte Campione del Mondo Endurance Anthony Delhalle, quarto al debutto con la Suzuki GSX-R 1000 del JEG Racing di Juan-Eric Gomez. In ‘prestito’ dalla SERT (acronimo del Suzuki Endurance Racing Team) il pilota transalpino ha avuto ragione del finlandese Niko Makinen, quinto e pur sempre vincitore della graduatoria riservata ai ‘Privati’ con una delle quattro R1 del Team Leopard Stratos Yamaha.

Da segnalare in sesta posizione al rientro Adrian Bonastre (BMW S1000RR – DR7 Proelit Racing Team) seguito nell’ordine da Oscar Climent (Yamaha R1 – CRT Motorsport) e Pierre Texier (Kawasaki ZX-10R – TEX Racing) mentre il 58enne Philippe Le Gallo, seppur doppiato, ha concluso diciassettesimo con seconda Yamaha LaGlisse. Prossimo round il 29 maggio al MotorLand Aragón di Alcañiz con due gare in programma.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy