BSB: ufficiale, John Hopkins con Crescent Suzuki

BSB: ufficiale, John Hopkins con Crescent Suzuki

Correrà nel British Superbike 2011 con Crescent

Commenta per primo!

Adesso è ufficiale: John Hopkins, ex di MotoGP e World Superbike, affronterà il British Superbike 2011 in sella ad una Suzuki GSX-R 1000 del team Crescent, squadra capeggiata da Paul Denning e Jack Valentine che ha sfiorato il titolo nella passata stagione con Tommy Hill, passato ora in Swan Yamaha. Perso l’apporto diretto di Suzuki GB, che ha preferito supportare il Relentless Suzuki by TAS, il team Crescent si è adoperato per trovare un pilota di grande valore e “impatto” per continuare a competere ai massimi livelli nel BSB.

La trattativa con John Hopkins, iniziata nel mese di dicembre, è giunta a compimento in questi giorni con la firma del pilota californiano, di ritorno in Europa dopo una stagione nell’American Superbike con una Suzuki del team M4 (4 gare di stop per l’operazione al polso destro che sembrava compromettergli la carriera), nuovamente insieme a Crescent, struttura di Paul Denning che gestisce l’avventura Suzuki in MotoGP.

Hopkins nella top class aveva concluso al 4° posto nel 2007, salvo poi passare in Kawasaki nel 2008 cogliendo soltanto un 5° posto a Estoril. Chiusa l’avventura della “Verdona” in MotoGP, Hopper ha trovato una sistemazione nel WSBK con Stiggy Honda, anche qui senza ottenere risultati di rilievo complice un brutto-doppio infortunio (Assen e Nurburgring).

Sono veramente impaziente di correre nel BSB e di lavorare nuovamente con Crescent“, spiega John Hopkins. “Ovviamente la squadra non sarà la stessa dei tempi MotoGP, ma conosco gran parte dei ragazzi e so il loro valore. Per me sarà una grande sfida, devo conoscere gran parte dei circuiti a cominciare da Cadwell Park: ho una grande passione per il Motocross, non vedo l’ora di saltare lì al Mountain!

Ho già visto diverse gare del BSB e so che il livello è molto alto, ma correndo con un top team sono nelle stesse condizioni degli altri per puntare a vincere. Nelle ultime stagioni sono stato sfortunato, ma adesso fisicamente sto bene e penso che il BSB sia la soluzione migliore per me, ho grande fiducia nella squadra e la moto è davvero competitiva, è una “full Superbike” rispetto alla GSX-R che ho guidato nel 2010.

Mi hanno detto che nessun pilota americano nella storia del BSB ha mai vinto una gara, io ci proverò: voglio ottenere il massimo da me stesso, dalla squadra e dalla moto, so che ci saranno grandi aspettative, cercherò di non deluderli“.

John Hopkins dovrebbe portare con sè lo sponsor Monster Energy, pronto a lottare per il titolo 2011 del British Superbike contro Ryuichi Kiyonari e Shane Byrne (HM Plant Honda), Joshua Brookes (Relentless Suzuki by TAS), Michael Laverty e Tommy Hill (Swan Yamaha), Stuart Easton (MSS Colchester Kawasaki), John Laverty e Ian Lowry (Buildbase BMW) e tanti altri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy