BSB Thruxton Gara 2: Shane Byrne completa la rimonta

BSB Thruxton Gara 2: Shane Byrne completa la rimonta

Vince ed è sempre più leader della classifica generale

Commenta per primo!

Dall’ultima posizione in griglia alla vittoria di Gara 2 passando per un podio nella prima manche. Shane Byrne è riuscito a perfezionare la rimonta a Thruxton dove, sotto la pioggia, ha celebrato la terza vittoria stagionale (30° in carriera) da assoluto dominatore. Costretto a partire dalla 33° e ultima posizione in Gara 1 per una caduta nelle qualifiche ufficiali, “Shakey” si è portato fino al terzo posto spiccando quel giro più veloce della contesa che gli è valso la “pole” della seconda manche; ritrovatosi davanti a tutti ai nastri di partenza, ha avuto vita facile nel conseguire un’affermazione importante ai fini campionato in un weekend iniziato nel peggiore dei modi.

Con questa vittoria Byrne conduce in classifica ora con 15 punti di margine su John Hopkins, attualmente sulla carta l’unico avversario, il più costante gara dopo gara riuscendo anche a guadagnare al fotofinish un terzo posto utile in prospettiva “Showdown” dove può vantare 9 podium credits (ben 15 invece per il pilota HM Plant Honda).

Se Ryuichi Kiyonari è dato per disperso (19°), Tommy Hill nonostante una buona rimonta non è andato oltre la 4° posizione con il vincitore di Gara 1 Michael Laverty 7° preceduto da Joshua Brookes, per la prima volta il BSB presenta sul podio Peter Hickman, ex-privato di lusso della categoria, passato quest’anno al Tyco Racing correndo con una Fireblade ex-HM Plant. Velocissimo sul bagnato, ha confermato questa qualità cogliendo il 2° posto dopo un acceso confronto con Michael Rutter, volato a terra al penultimo giro.

Fuori gioco Alex Lowes, l’unico tempi alla mano a reggere il confronto con Byrne. Partito male anche a seguito di un problema tecnico riscontrato nel giro di formazione in griglia (dove è stato portato “a spinta” da Steve Brogan), il nuovo acquisto del team MSS Colchester Kawasaki è caduto quando era in seconda posizione ed in rimonta sul fuggitivo Byrne nonostante gli oltre 6″ di svantaggio. Disdetta per il pilota di Lincoln già rimpianto in casa del Team WFR, dove non si riesce più a vincere nella classe “Evo“: Glen Richards è stato nuovamente battuto da Barry Burrell, ex-protagonista del British Superstock 1000, oggi nel BSB con la BMW S1000RR del team Hawk/Builbase che ha messo a segno una doppietta che riapre i giochi campionato aspettando Knockhill, prossimo evento in calendario in data 19 giugno.

Cronaca di Gara

Colpo di scena nel giro di formazione in griglia: Alex Lowes riscontra un problema di natura elettronica alla propria Kawasaki ZX-10R. Resta fermo in mezzo alla pista, ma in soccorso si presenta Steve Brogan che lo spinge (nel senso letterale del termine) in griglia di partenza. Un novello Giovanni Bussei che consente all’autore della pole position di schierarsi regolarmente dalla terza fila in decima posizione, ma davanti a tutti c’è Shane Byrne che ha spiccato in Gara 1 il giro più veloce davanti a Michael Rutter, John Hopkins e Michael Laverty. Con pista bagnata e 15 minuti di ritardo (la pioggia ha fatto slittare il programma anche per le categorie “di contorno”) si parte con Rutter che guadagna il comando alla prima curva, ma Shane Byrne sfrutta un suo errore alla “Church” e si riprende la leadership.

Si capisce subito che il buon “Shakey” ha qualcosa in più rispetto a Hickman, attualmente secondo a precedere Rutter e Alex Lowes che sta mettendo a segno un sorpasso dopo l’altro, l’ultimo in ordine di tempo ai danni di Michael Laverty trovando uno spiraglio alla “Campbell”. Proprio il nuovo acquisto di casa MSS Colchester Kawasaki è il pilota da seguire in questo momento, passa anche Hickman per la seconda posizione al 5° dei 15 giri in programma, ma attualmente può nulla nei confronti di Byrne che viaggia sull’1’19” su pista completamente bagnata (e pensare che nelle qualifiche si girava sull’1’15″…).

Ad 1/3 di gara Byrne conduce su Lowes che riesce ad eguagliare i suoi riferimenti cronometrici, ma paga 6″3 di svantaggio pur staccando Hickman, Rutter, Linfoot, Laverty, Hopkins e Hill che lo seguono a distanza ragguardevole. Al settimo giro proprio Lowes è sfortunato protagonista del primo colpo di scena della contesa: in uscita dall’ultima variante “Club” vola a terra, sbalzato dalla propria Kawasaki all’apertura del gas. Amareggiato e deluso, il poleman (e tuttora leader della classe “Evo”) abbandona la corsa lasciando la seconda posizione a Peter Hickman che paga 8 secondi nei confronti del fuggitivo Byrne.

Il pilota del Tyco Racing si deve preoccupare soltanto di resistere agli assalti di Michael Rutter: non una missione da poco, visto che i due si sfiorano più volte nel corso dell’undicesimo giro dove si scambiano il testimone per la seconda piazza in tre distinte occasioni. Purtroppo questo confronto si risolte al penultimo passaggio con “The Blade” protagonista di un highside alla veloce piega della “Church” con ruzzolone al seguito.

Nessuna conseguenza per il pilota Ducati (nei prossimi giorni impegnato al Tourist Trophy), Peter Hickman si assicura così la seconda posizione alle spalle dell’imprendibile Shane Byrne che taglia vittorioso il traguardo. Recupera fino alla terza posizione John Hopkins, quarto è Tommy Hill passando proprio all’ultima variante Dan Linfoot con Brookes, Laverty, Walker, Kirkham e Jessopp a completare la top ten mentre Barry Burrell si ripete vincendo la classe “Evo” con la sua Buildbase BMW.

MCE Insurance British Superbike Championship 2011
Thruxton, Classifica Gara 2

01- Shane Byrne – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – 15 giri in 20’07.763
02- Peter Hickman – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR – + 10.618
03- John Hopkins – Samsung Crescent Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 15.524
04- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 16.980
05- Dan Linfoot – Team Sorrymate.com – Honda CBR 1000RR – + 17.128
06- Joshua Brookes – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 17.983
07- Michael Laverty – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 22.967
08- Chris Walker – Pr1mo Racing – Kawasaki ZX-10R – + 26.881
09- Jon Kirkham – Samsung Crescent Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 32.415
10- Martin Jessopp – Rapid Solicitors Bathams Racing – Ducati 1098R – + 34.864
11- Loris Baz – Motorpoint Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 36.826
12- James Westmoreland – Motorpoint Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 40.589
13- John Laverty – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 42.864
14- Gary Mason – MSS Colchester Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 44.683
15- Steve Brogan – Jentin Racing – Honda CBR 1000RR – + 45.037
16- Barry Burrell – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 48.967
17- Tommy Bridewell – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR – + 49.351
18- Glen Richards – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 50.283
19- Ryuichi Kiyonari – HM Plant Honda – Honda CBR 1000RR – + 57.044
20- Simon Andrews – Buy-Force.com PR Racing – Kawasaki ZX-10R – + 57.918
21- Patric Muff – Tyco Racing – Honda CBR 1000RR – + 59.571
22- Ian Lowry – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 1’01.478
23- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 1’20.400
24- Aaron Zanotti – Quattro Plant Spike Racing – BMW S1000RR – + 1’20.737
25- Craig Fitzpatrick – Close Print Finance BLDS – Honda CBR 1000RR – + 1’20.737
26- Joshua Day – AIR Racing Two Brothers – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro
27- James Hillier – Bournemouth Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy