BSB Snetterton Gara 2: vince Michael Laverty, fuori tanti “big”

BSB Snetterton Gara 2: vince Michael Laverty, fuori tanti “big”

Scassa, Haga e Bridewell a terra, Hill fermato da un problema

Commenta per primo!

Una stagione avvincente come non mai. Gara 2 del British Superbike a Snetterton ha riportato alla vittoria Michael Laverty, alla sesta affermazione in carriera nella categoria, la prima da portacolori Samsung Honda (ex-HM Plant) riuscendo a dominare la contesa sfruttando le disavventure occorse ad alcuni dei pretendenti al titolo 2012 a cominciare dal campione in carica Tommy Hill, costretto alla resa per un problema tecnico alla propria Yamaha YZF R1. Con il vincitore di Gara 1 fuori dai giochi, M-Lav, fratello di Eugene, ha viaggiato indisturbato amministrando nel finale 5″ di margine accumulati nei confronti di Shane Byrne (PBM Kawasaki) e Joshua Brookes (TAS Suzuki), rispettivamente in 2° e 3° piazza all’esposizione della bandiera a scacchi con l’australiano tornato al comando della classifica della “Main Season” seppur con 1 solo punticino di margine su Hill (124 a 123), 16 su Shakey, 45 su Laverty risalito fino alla quarta posizione in campionato risultando il 7° differente vincitore nelle prime 8 gare disputate. In questa lunga lista di piloti che hanno assaporato il gusto dello champagne non manca Ian Lowry, 4° in rimonta con Padgett’s Honda, purtroppo non ancora Noriyuki Haga, scivolato in piena corsa per il podio, così come Luca Scassa, a terra nel corso del 1° giro quando si ritrovava in 4° posizione agganciato al terzetto di testa. Con l’aretino fuori dai giochi, Alex Polita addirittura non presentatosi al via, il bilancio tricolore di Snetterton è stato salvato in parte dal Supersonic Racing Team: Patric Muff ha concluso 10° dopo un’escursione nelle vie di fuga al primo giro, KO Tommy Bridewell con il podio nel mirino. Epilogo amaro per l’unica formazione italiana del British Superbike che potrà contare su un mese di sosta in vista del quinto round in agenda a fine mese di giugno in Scozia al Knockhill Circuit, con la “Main Season” che entrerà definitivamente nel vivo in ottica-Showdown. Cronaca di Gara Grazie all’1’49″343 siglato in Gara 1 Michael Laverty, ai comandi della prima Samsung Honda, scatta dalla pole con accanto in prima fila il vincitore e capoclassifica di campionato Tommy Hill, Joshua Brookes e Shane Byrne, in seconda Noriyuki Haga, Alex Lowes ed il nostro Luca Scassa, 7° e costretto a riscattare l’amaro epilogo di Gara 1, mentre Alex Polita addirittura non si schiera in griglia così come il proprio compagno di squadra (e co-proprietario del Jentin Doodson Motorsport) Tom Tunstall. Tutto è pronto a Snetterton, con soltanto 5 minuti di ritardo (ed è una notizia per il BSB!) si parte e Michael Laverty conserva la pole alla staccata della “Riches” davanti a Byrne, Hill, Brookes e Lowes, ma alla successiva curva “Montreal” Shakey arriva lungo lasciando tre posizioni anche a vantaggio del nostro Luca Scassa, partito benissimo e già in quarta piazza. Con la Padgett’s Honda #99 Scassa sempre in grado addirittura di impensierire il terzetto di testa, ma proprio nel corso del 1° giro saluta la compagnia per una caduta dalla dinamica di difficile spiegazione: alla piega della curva intitolata a Frank Williams perde l’anteriore della propria Fireblade, rischia l’highside, ma finisce inevitabilmente nelle vie di fuga. Dopo 7 curve già non abbiamo più nostri portabandiera in gara, la classifica così propone Laverty, Hill e Brookes in testa, seguono al termine del primo giro a più di 1″ Byrne, Haga, Lowes, Bridewell, Walker e Lowry mentre Patric Muff (BMW Supersonic) e James Westmoreland (Honda WFR) sono protagonisti di un’escursione fuori pista in fondo al “Bentley Straight”: riusciranno a ripartire, ma rispettivamente in 14esima e 15esima posizione. Nei primi giri prevedibilmente Michael Laverty abbozza un tentativo di fuga favorito dalla bagarre tra Hill e Brookes per la seconda posizione, poco staccati anche Byrne e Haga a confronto per il 4° posto con Nitronori che dà vita ad un bel sorpasso alla “Murrays” con la pronta-risposta da parte di Shakey due curve più tardi. Giunti al quarto giro, si registra il primo, vero colpo di scena della contesa: Tommy Hill, 2° ed in rimonta sul fuggitivo Laverty, alza il braccio per un problema tecnico. A passo d’uomo viene passato dai più diretti inseguitori, riuscirà per un paio di giri a proseguire ai margini dalla zona punti, ma ben presto sarà costretto a rientrare anzitempo in corsia box. Non un bel momento per il team Swan Yamaha, anche Noriyuki Haga, in piena corsa per il podio, sbaglia-e-paga alla “Murrays” perdendo l’anteriore della propria Yamaha YZF R1. Fuori gioco due degli attesi protagonisti, Michael Laverty viaggia indisturbato verso la prima vittoria stagionale con quasi 5″ di margine su Byrne e Brookes, alle loro spalle si evidenzia Tommy Bridewell quarto con la BMW Supersonic. Purtroppo per il #46 la corsa si concluderà amaramente poco più tardi per un rovinoso highside, mostrandosi anche visibilmente dolorante per la brutta botta rimediata. La gara, oggettivamente soporifera, non riserva più alcuna emozione: vince/domina Michael Laverty, Shane Byrne resiste a Joshua Brookes per la seconda posizione, “medaglia di legno” per Ian Lowry a precedere le Honda WFR di Graeme Gowland e Alex Lowes con, a seguire, Chris Walker e Stuart Easton. Prossimo round a fine giugno in Scozia al Knockhill Circuit. MCE Insurance British Superbike Championship 2012 Snetterton 300, Classifica Gara 2 01- Michael Laverty – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – 16 giri in 29’23.876 02- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1.336 03- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.792 04- Ian Lowry – Padgett’s Racing – Honda CBR 1000RR – + 5.359 05- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 8.974 06- Alex Lowes – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 9.223 07- Chris Walker – Pr1mo Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 12.231 08- Stuart Easton – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 13.477 09- James Westmoreland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 16.957 10- Patric Muff – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 20.539 11- Dan Linfoot – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 26.883 12- Luke Quigley – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 27.634 13- Michael Rutter – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 27.663 14- Jon Kirkham – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 28.350 15- Scott Smart – Moto Rapido Racing – Ducati 1199 Panigale – + 35.061 16- Alastair Seeley – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 36.556 17- Aaron Zanotti – A-Plant Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 52.806 18- John Laverty – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – + 54.943 19- Jenny Tinmouth – Hardinge Sorrymate.com Honda – Honda CBR 1000RR – + 1’28.047 20- Tristan Palmer – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – a 1 giro Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy