BSB: Snetterton da dimenticare per Luca Scassa e Alex Polita

BSB: Snetterton da dimenticare per Luca Scassa e Alex Polita

Zero punti raccolti per i nostri due portabandiera

Commenta per primo!

Poteva esser un fine settimana positivo, ma in realtà per Luca Scassa ed Alex Polita, i nostri due portabandiera del British Superbike, il quarto appuntamento stagionale andato in scena sul tracciato “300” di Snetterton ha riservato ben poche soddisfazioni. Per quanto concerne il pilota aretino, dopo buone qualifiche (per la terza volta in quattro round tra i 10 eletti del “Q3”, nono in griglia), le due gare si sono concluse con un amaro epilogo. In Gara 1 Scassa, in bagarre per l’ottava posizione, si è ritrovato a terra al 3° giro per un contatto con Graeme Gowland. Medesima sventura nella seconda manche quando, scattato benissimo dalla sesta posizione in griglia, è incappato in una rovinosa caduta alla curva 7, poco dopo aver conquistato la quarta posizione a stretto contatto con il terzetto di testa. Per il portacolori di Padgett’s of Batley, al quarto “zero” consecutivo, resta se non altro la soddisfazione di aver ben impressionato sul piano velocistico testimoniato dal 9° crono in prova, il 6° in Gara 1 in 1’50″066 nonostante l’aver completato soltanto 2 dei 16 giri previsti. Decisamente più problematica la situazione per Alex Polita, penalizzato da una Ducati 1199 Panigale che proprio non si adatta alle specifiche regolamentari del British Superbike. Nonostante miglioramenti in materia di ciclistica, resta il propulsore e l’affiatamento con la centralina elettronica unica MoTeC M170 imposta dal regolamento MSVR 2012 il principale problema da risolere, obbligando così il “Pirata” a correre nelle retrovie e, addirittura, a non potersi schierare al via della seconda manche per un problema al cambio. “Questo weekend con l’aiuto di Giovanni Crupi di Ducati abbiamo lavorato molto sulla ciclistica migliorandola, ma non potendo intervenire sul motore siamo ancora indietro“, afferma Alex Polita. “L’elettronica unificata non si addice al potenziale della Panigale e forse solo con ancora tanto lavoro potremmo riuscire a migliorare ed arrivare nelle posizioni che contano. La prossima gara sarà tra un mese e in questa pausa io e il mio manager Bruno Punti valuteremo alternative valide per il resto del campionato.” Va detto che tutte e quattro le Ducati 1199 Panigale al via del British Superbike 2012 schierate dal Jentin Doodson Motorsport e da Moto Rapido Racing hanno mancato l’accesso alle Q2 nelle qualifiche ufficiali ad eliminazione “Roll for Pole” del sabato, senza totalizzare alcun punticino per la classifica di campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy