BSB: primi test 2012 per Kawasaki PBM con Byrne ed Easton

BSB: primi test 2012 per Kawasaki PBM con Byrne ed Easton

Tra Aragon e Cartagena primi km per Rapid Solicitors Kawasaki

di Redazione Corsedimoto

Tra Aragon e Cartagena è iniziata la seconda avventura del Paul Bird Motorsport nel British Superbike. In precedenza al via della serie con i colori Monstermob Ducati e Stobart Honda, l’ex formazione ufficiale Kawasaki del WSB (triennio 2009-2011) si ripresenterà quest’anno nel BSB con due Ninja ZX-10R iscritte sotto le insegne “Rapid Solicitors Kawasaki” con un vero e proprio “dream team”: il bi-campione (2003 e 2008) Shane Byrne ed il vincitore di tre edizioni del Macau Grand Prix Stuart Easton. I due piloti hanno concluso in questi giorni la prima doppia-sessione di test nella penisola iberica, non senza qualche problema di troppo. Al Motorland Aragon, insieme alla “divisione” MotoGP del Paul Bird Motorsport (con una ART vi correrà James Ellison), tanto Byrne quanto Easton hanno percorso pochi giri a causa del forte vento, verificando soltanto la buona resa delle due moto preparate soltanto nelle ultime quattro settimane (arrivate in ritardo da Hong Kong, complice la partecipazione di PBM al Macau Grand Prix). Meglio è andata a Cartagena dove Rapid Solicitors Kawasaki ha affiancato il team Swan Yamaha, riuscendo a completare parte del lavoro definito dallo staff diretto da Paul Risbridger: messa a punto delle due Ninja, ma soprattutto adattare la moto alla centralina elettronica MoTeC M170 della stagione 2012. Forse “traditi” dall’assenza dei controlli elettronici, i due piloti sono stati protagonisti di tre cadute: una nella mattinata di domenica da parte di Stuart Easton, addirittura due per “Shakey”, coinvolto in un brutto highside nella seconda giornata di prove tanto da concludere anzitempo il lavoro della giornata. Cadute a parte, il team Kawasaki PBM ha lasciato Cartagena dirigendosi verso Almeria, terza sessione di test consecutiva in vista della stagione 2012 che scatterà tra poco meno di un mese sul tracciato “Indy” di Brands Hatch. Foto: britishsuperbike.com – Double Red

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy