BSB: poche moto ancora disponibili per la stagione 2011

BSB: poche moto ancora disponibili per la stagione 2011

Hopkins e Crescent verso l’accordo, annuncio a breve

Commenta per primo!

Ad un paio di settimane dai primi test collettivi della stagione 2011 in Spagna, restano ancora delle moto importanti “a disposizione” per i piloti del British Superbike. Posti ambiti per competere ai massimi livelli nella categoria, dopo il primo valzer del mercato piloti dello scorso mese di novembre: Ryuichi Kiyonari rimasto in HM Plant Honda con accanto il gradito ritorno di Shane Byrne, Swan Yamaha che ingaggia Tommy Hill e Michael Laverty, Joshua Brookes a sorpresa in Relentless Suzuki by TAS.

Proprio la nuova squadra ufficiale Suzuki GB del British Superbike è alla caccia del secondo pilota: perso Michael Laverty, trasferito alla Supersport Alastair Seeley (il lancio della nuova GSX-R 600 impone la conquista del titolo nazionale), restano un paio di nomi ancora in lizza per l’ultima GSX-R 1000 a cominciare da Dan Linfoot, per gli addetti ai lavori vicino alla firma.

Ancora qualche incertezza in MSS Colchester Kawasaki: sicuro Stuart Easton che correrà con la nuova Ninja ZX-10R ricorprendo anche il ruolo di tester del Paul Bird Motorsport per il mondiale, sono risalite le quotazioni di Simon Andrews che per risultati conseguiti lo scorso biennio merita una riconferma.

Ambita anche la seconda Honda del Quay Garage oggi Tyco Racing, una CBR 1000RR 2010 ex-HM Plant. Tre sono i candidati, in settimana si dovrebbe conoscere il nome del compagno di squadra di Tommy Bridewell, rivelazione del campionato 2010 con la Fireblade 2007.

Sempre a giorni è atteso l’annuncio sicuramente più atteso per il campionato, l’ingaggio di John Hopkins da parte del team Crescent Suzuki. Un nome “di peso” per proporre uno schieramento di partenza con almeno 5-6 candidati al titolo, uno dei pochi campionati dal pronostico, alla vigilia, apertissimo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy