BSB Oulton Park Gara 2: Hill si ripete e vince per distacco

BSB Oulton Park Gara 2: Hill si ripete e vince per distacco

Brookes e Byrne sul podio, Haga 5° Scassa KO

Commenta per primo!

Oulton Park è terreno di caccia per Tommy Hill, che conquista la seconda vittoria di questo fine settimana nella seconda gara di questo “tripleheader” arrivando a quota tre successi su questa pista su quattro gare disputate (la prima affermazione risale al terzo round della stagione dello scorso maggio, in gara 1). Il campione in carica, pilota Swan Yamaha, è stato autore di una partenza perfetta e di lì in poi ha mostrato un passo costantemente veloce che gli ha permesso, decimo di secondo dopo decimo di secondo, di tagliare indisturbato il traguardo al termine dei 18 giri di gara. Secondo classificato Joshua Brookes il quale, in sella alla sua GSX-1000R Tyco Suzuki ha provato in ogni modo a tener testa al rivale riuscendo comunque a conquistare un solido piazzamento e due importanti podium credits in ottica “Showdown”.

Conclude sul terzo gradino del podio Shane Byrne (Rapid Solicitors Kawasaki), ancora alle prese con dei problemi in frenata ma capace negli ultimi due passaggi di avere la meglio prima su Michael Laverty, con un sorpasso all’interno della “Cascades” e poi su Noriyuki Haga grazie ad un’interpretazione tutta particolare del tornante “Shell Oils”. “Shakey” infatti è arrivato a velocità pazzesca in entrata e quando sembrava finito troppo largo ha aperto il gas riuscendo a sverniciare il giapponese ex pilota SBK in uscita di curva.

“Nitronori”, dopo una buona prova, si è dovuto accontentare della quinta piazza dietro proprio al #7 del team Samsung Honda, a causa dell’incapacità di mantenere un passo costante nella seconda parte della corsa. Sesto posto per Ian Lowry (Padgett’s Honda), davanti ad un ottimo Tommy Bridewell (Supersonic Racing BMW), autore di un ottimo recupero, ad un Alastair Seeley ancora una volta in difficoltà e ad Alex Lowes (Team WFR Honda), che non è riuscito a tirare fuori il massimo dalla pole position. Il fratello gemello di Sam (protagonista del Mondiale Supersport con il team Bogdanka PTR Honda) ha preceduto i due compagni di squadra Graeme Gowland e James Westmoreland. Da segnalare la brutta caduta di Luca Scassa (Padgett’s Honda) alla “Island Bend”, dopo un lungo al primo giro della corsa, la scivolata di Jon Kirkham (Samsung Honda) nel tratto poco più avanti che precede l’impostazione dello “Shell Oils Corner”, il ritiro per problemi tecnici per Michael Rutter (MSS Bathams Kawasaki).

La griglia di partenza di gara 3, alla luce dei migliori tempi sul giro fatti segnare nella corsa appena conclusa, vede Brookes in pole affiancato da Hill, Laverty e Haga, seconda fila invece per Byrne, Lowry, Seeley e Lowes.

Cronaca di Gara

Tommy Hill ripete l’ottimo scatto di ieri seguito da Haga, Bookes, Laverty e Byrne. Brutta caduta di Scassa al primo giro, alla “Island Bend”, dopo essere finito lungo, gara finita per il pilota aretino. Haga è davvero scatenato e prova a rimanere attaccato al compagno di squadra, ma Hill sembra fare selezione sul resto del gruppo nel corso del secondo passaggio. Brookes si fa aggressivo su Haga nel tentativo di non lasciar scappare il compagno di squadra dopo aver fatto segnare il giro più veloce della corsa e grazie ad un’ottima uscita al “Druid’s Corner” infila il giapponese all’impostazione del “Lodge Corner” prima di transitare sul traguardo per l’inizio del quinto passaggio. Dopo la caduta di ieri Michael Laverty sembra avere l’intenzione di far bene e si mette nei tubi di scarico della YZF-R1 Swan di Haga. Byrne in quinta posizione non non sembra riuscire a tenere il passo dei primi quattro e si ritrova a quasi tre secondi dal leader della corsa. Ancora più staccato Alex Lowes a comandare un terzetto composto anche da Seeley, che ha la meglio di Lowry. Problema elettrico per Michael Rutter, al settimo giro, gara finita per l’esperto pilota londinese.

Hill mantiene un vantaggio di un secondo su Brookes e Haga, con Laverty leggermente staccato che si deve avvedere dal ritorno di Shane Byrne. Caduta per Jon Kirkham (Samsung Honda), con un brutto schianto della sua CBR 1000 Honda nel tratto che conduce al tornante “Shell Oils” ad inizio della tornata numero nove. Nel passaggio seguente Brookes sembra rompere le resistenze di Haga e scappa via, non riuscendo però a rientrare su Hill che è l’unico a girare ancora sotto il muro del minuto e trentasette secondi. Byrne porta la sua ZX-10R Rapid Solicitors nei tubi di scarico di Michael Laverty provando al “Old Hall Corner” finendo largo e vedendosi quindi ripassato dal rivale. Seeley sembra fare molta fatica e si deve difendere coi denti dagli attacchi di Ian Lowry, ma il pilota più aggressivo è sicuramente Byrne che si affaccia all’interno, all’esterno, in ogni staccata del tracciato nel tentativo di indurre il #7 in errore o a provare un sorpasso che sembra non riuscire a concretizzare.

Ian Lowry conquista la sesta posizione su Seeley con Lowes che, dopo un errore, è riuscito a riprendere un buon passo di gara e si pone come ultimo pilota del trio in lotta per il sesto posto. Byrne vede Haga in difficoltà e preferisce non infastidire Laverty, lasciando all’irlandese l’aggancio alla terza posizione comunque detenuta dal giapponese nel corso del quindicesimo giro. Brutto rischio per Haga al “Old Hall” Corner, il giapponese tiene la linea ma il momento è colto da Byrne che infila all’interno della “Cascades” Laverty, avendo poi la meglio su Haga grazie ad un’uscita missile dal tornante “Shell Oils”. Laverty non perde tempo e nella tornata successiva ed infila il #41 cercando di non far scappare Byrne.

Bridewell sopravanza Seeley e si prende la settima posizione, non riuscendo però a tagliare il traguardo davanti a Lowry. Vince Tommy Hill con apparente “semplicità”, completano il podio Brookes e Byrne. Haga termina quinto  davanti dietro a Laverty ma davanti a Lowry, Bridewell, Seeley e Lowes.

MCE Insurance British Superbike Championship 2012
Oulton Park, Classifica Gara 2

01- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 18 giri in 29’07.975
02- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.383
03- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 6.141
04- Michael Laverty – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 6.262
05- Noriyuki Haga – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 6.552
06- Ian Lowry – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 11.761
07- Tommy Bridewell – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 12.442
08- Alastair Seeley – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 13.268
09- Alex Lowes – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 13.305
10- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 15.015
11- James Westmoreland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 15.342
12- Chris Walker – Pr1mo Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 21.556
13- Peter Hickman – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 24.186
14- Patric Muff – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 27.394
15- Scott Smart – Moto Rapido Racing – Ducati 1199 Panigale – + 27.535
16- Luke Quigley – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 27.777
17- Freddy Foray – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 53.262
18- David Anthony – Doodson Motorsport – Honda CBR 1000RR – + 57.192
19- Florian Marino – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – + 1’16.032
20- Tom Tunstall – Doodson Motorsport – Honda CBR 1000RR – + 1’22.584
21- Jenny Tinmouth – Hardinge Sorrymate.com Honda – Honda CBR 1000RR – + 1’29.258

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy