BSB Oulton Park Gara 1: Tommy Hill vince in solitaria

BSB Oulton Park Gara 1: Tommy Hill vince in solitaria

Quarto Noriyuki Haga, ritiro per Luca Scassa

Commenta per primo!

Dopo la pole position conquistata in mattinata, il campione in carica della British Superbike Tommy Hill (Swan Yamaha) ha conquistato il successo nella gara 1 del “tripleheader” di Oulton Park, sesto round della stagione. Il pilota londinese è partito in modo perfetto dalla griglia di partenza, mantenendo un passo costante e riuscendo anche con un pizzico di fortuna a guadagnare un bel vantaggio sugli inseguitori che lo ha messo nella perfetta situazione di comando. La caduta di Michael Laverty (Samsung Honda), imitato qualche istante dopo da Ian Lowry (Padgett’s Honda), avvenuta al quarto giro alla “Britten’s” ha costretto Shane Byrne (Rapid Solicitors Kawasaki) e Joshua Brookes (Tyco Suzuki) ad una manovra disperata per evitare la CBR 1000RR dell’irlandese, che ha fatto loro perdere quei due secondi vitali per la lotta per la vittoria. I due hanno comunque continuato a battagliare per la seconda posizione e dopo un lungo “viaggio” appaiati Brookes ha infilato il rivale all’interno del “Lodge Corner”, ultimo giro, transitando in seconda posizione e conquistando due podium credits. Terzo posto quindi per Byrne, lamentatosi di incredibili problemi di grip che non gli hanno permesso di essere incisivo in staccata e costantemente veloce sul giro.

Buon quarto posto per Noriyuki Haga, secondo pilota della squadra Swan Yamaha di Shaun Muir, rimasto sempre tra i primi ma non in grado nel finale di tenere la ruota della coppia Byrne-Brookes per l’assalto al podio. Grazie a questo piazzamento ed alla debacle di Lowry, il giapponese entra prepotentemente in corsa per la top-6 (è settimo con 1 solo punto di distanza dal pilota Padgett’s). Quinto posto per James Westmoreland (Honda WFR), mentre il suo compagno di squadra Alex Lowes ha per l’ennesima volta gettato via un’occasione di andare a podio per una caduta al nono giro, alla “Britten’s”. Sesto posto per Tommy Bridewell (Supersonic Racing Team BMW) che guadagna preziosi punti per la classifica in vista di un possibile accesso allo “Showdown” (è ora quinto con 87 lunghezze).

Ritiri anche per Alastair Seeley(Tyco Suzuki, problemi ai freni), Jon Kirkham (Samsung Honda), per il nostro Luca Scassa (Padgett’s Honda) e per Keith Farmer, sostituto di Stuart Easton nel team Rapid Solicitors Kawasaki, caduto al quarto giro alla “Lodge”. La classifica vede ora Tommy Hill estendere leggermente la sua leadership, ora a +14 su Joshua Brookes, salito in seconda posizione, e +15 su Shane Byrne. Laverty è quarto a quota 122, -62 punti dal leader, seguito dai già citati Bridewell e Lowry. Lo schieramento per gara 2 di domani vede in pole Alex Lowes, seguito da Tommy Hill, Noriyuki Haga e Shane Byrne a chiudere la prima fila. Quinta casella per Joshua Brookes a precedere il compagno di squadra Alastair Seeley, Michael Laverty e Ian Lowry.

Cronaca di Gara

Scatta bene dalla pole Tommy Hill mentre Michael Laverty si infila all’interno della Old Hall su Brookes, seguono Byrne, Lowry, Haga e Seeley. Il campione in carica e leader della classifica prova a scappare ma il gruppo resta comunque compatto dietro all’autore della pole. Buona prova di Noriyuki Haga che resta in coda al sestetto di piloti che fanno la differenza sul resto del gruppo comandato da Alistair Seeley. Giro più veloce di Byrne che ha la meglio alla “Old Hall” su Brookes e sale in terza posizione, mentre Haga sale quinto ai danni di Lowry per non perdere contatto con i quattro piloti che lo precedono. Il più veloce in pista a conclusione del terzo giro è Alex Lowes, che prova a recuperare sul gruppo davanti a lui. Caduta di Michael Laverty e di Ian Lowry al quarto giro alla “Britten’s”. Il pilota Samsung porta fuori linea Byrne e Brookes, quest’ultimo che è costretto ad una piccola escursione sull’erba, ed i due perdono terreno dal leader Hill. La classifica quindi ad inizio del quinto giro vede Hill primo con un bel vantaggio su Byrne, Brookes Lowes, Haga e Seeley. Fuori anche il debuttante Keith Farmer (sostituto di Stuart Easton), alla “Lodge” ed il nostro Luca Scassa, quest’ultimo per un problema tecnico alla sua CBR 1000 RR Paddgett’s.

Hill sembra non voler lasciare margine di recupero agli avversari e fa segnare all’ottavo passaggio il suo giro più veloce di 1’36.489, solo otto millesimi più lento di quello staccato da Alex Lowes. Proprio il pilota di Lincoln è autore di una scivolata alla “Britten’s” che mette fine alla sua corsa al passaggio seguente. Ritiro per Alastair Seeley, secondo pilota del Team Tyco Suzuki, per un problema ai freni. Fine della corsa, alla tornata numero dieci, anche per Jon Kirkham (Samsung Honda).

Con Tommy Hill sicuro della leadership la battaglia è per il secondo posto e coinvolge Byrne e Brookes, con Haga che è costretto a cedere il passo e girare in solitaria in quarta posizione. L’australiano del Team Tyco Suzuki trova spazio all’interno con una gran frenata alla “Lodge” nell’ultimo giro, riuscendo nell’intento e conquistando così un’ottima seconda posizione ai danni del rivale e due podium credits. Quarto posto per Haga, davanti a Westmoreland, Bridewell, Walker, Hickman e Gowland.

MCE Insurance British Superbike Championship 2012
Oulton Park, Classifica Gara 1

01- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 16 giri in 25’57.830
02- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.508
03- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 4.595
04- Noriyuki Haga – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 10.339
05- James Westmoreland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 15.746
06- Tommy Bridewell – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 16.256
07- Chris Walker – Pr1mo Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 16.803
08- Peter Hickman – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 17.070
09- Graeme Gowland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 17.389
10- Barry Burrell – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 30.100
11- Patric Muff – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 30.412
12- Luke Quigley – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 30.558
13- Scott Smart – Moto Rapido Racing – Ducati 1199 Panigale – + 30.630
14- Michael Rutter – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 33.732
15- Mark Aitchison – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 41.854
16- Freddy Foray – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1’01.462
17- Florian Marino – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – + 1’06.758
18- Aaron Zanotti – A-Plant Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’06.864
19- Tom Tunstall – Doodson Motorsport – Honda CBR 1000RR – + 1’10.235
20- Jenny Tinmouth – Hardinge Sorrymate.com – Honda CBR 1000RR – + 1’40.799
21- Abdulaziz Binladin – Moto Rapido Racing – Ducati 1199 Panigale – a 1 giro

Valerio Piccini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy