BSB: il team HM Plant Honda insegue nei test di Cartagena

BSB: il team HM Plant Honda insegue nei test di Cartagena

Buon passo per Shane Byrne, indietro Ryuichi Kiyonari

Dai promettenti test di Calafat ad una mezza delusione a Cartagena. Il team HM Plant Honda, campione BSB in carica e pluri-decorato tra mondiale e campionato britannico, non ha impressionato nella seconda uscita stagionale dei test pre-campionato, ritrovando Shane Byrne e Ryuichi Kiyonari indietro rispetto alla concorrenza di quasi 2″. La compagine di Neil Tuxworth ha trovato subito il modo di spiegare questo notevole “gap” prestazionale. Nei tre giorni di Cartagena i due piloti hanno viaggiato ogni giorno con uno stesso treno di pneumatici, lavorando esclusivamente nella messa a punto della moto anche con prove sperimentali impossibili da effettuare in un weekend di gara o nel limitato calendario delle prove nel corso della stagione. Non bisogna dunque stupirsi di trovare Shane Byrne, decisamente veloce a Calafat, pagare 1″5 da Tommy Hill, anche se sul passo gara la situazione cambia poco: le Swan Yamaha sul ritmo dell’1’33″4/5, “Shakey” sull’1’34” basso. Il due volte campione del BSB, tornato in madrepatria dopo un difficile biennio con Ducati (team Borciani e Althea) nel mondiale, resta comunque fiducioso. “Per tutta l’ultima giornata di prove ho girato con lo stesso set di pneumatici“, ha spiegato il campione 2003 e 2008 del BSB. “Mi sento fiducioso e sereno, non ci sono stati problemi e la moto la sento già mia. Abbiamo lavorato su varie regolazioni e posso ritenermi soddisfatto perchè sappiamo dove lavorare al ritorno in UK. Con la squadra mi son trovato bene e hanno assecondato tutte le mie richieste, non c’è alcuna ragione per esser delusi da questi test di Cartagena“. Discorso diverso per Ryuichi Kiyonari. Il recordman assoluto del BSB (3 titoli, 41 vittoire) nonchè campione in carica a suo solito non impressiona nei test invernali, tradizione ormai consolidata anche nelle stagioni in cui ha imposto la propria dittatura nella categoria. “King Kiyo”, lontano dalle piste dallo scorso mese di ottobre, ci ha messo un pò per ritrovare il feeling con la Honda CBR 1000RR pagando anche dazio nei confronti del nuovo compagno di squadra, senza nessun allarmismo: lo scorso anno negli ultimi test invernali a Cadwell Park si ritrovò a 2″ da Joshua Brookes, salvo poi conquistare la pole position e la seconda posizione di Gara 1 Brands Hatch al primo appuntamento stagionale…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy