BSB Donington Park Gara 2: seconda doppietta per Lowes

BSB Donington Park Gara 2: seconda doppietta per Lowes

Lowes vince ancora, James Westmoreland nello Showdown

Commenta per primo!

Per seguire degnamente questa gara, ci sarebbe stato bisogno di tre occhi: il primo per seguire l’avvincente confronto per la vittoria tra Alex Lowes e Shane Byrne, il secondo per scorgere il monitor dei tempi con una serie impressionante di nuovi primati della pista, il terzo sulla calcolatrice per il duello che vale l’ultimo posto dello “Showdown” tutto in casa Buildbase BMW Motorrad tra James Westmoreland e Jon Kirkham. Dopo 20 giri sui saliscendi di Donington Park, l’atto conclusivo della “Main Season” del British Superbike 2013 ha determinato i sei piloti ammessi ai play-off dei tre restanti eventi del calendario: accanto ai già qualificati Byrne, Lowes, Brookes ed Ellison, si sono guadagnati il lasciapassare un irriconoscibile Ryuichi Kiyonari (5° in campionato, ma soltanto 11° sul traguardo in Gara 2) e, soprattutto, James Westmoreland, ad ex-aequo con Jon Kirkham, ma sesto nella generale per il maggior numero di quinti posti (!), 5 a dispetto dei 3 conseguiti finora dal proprio team-mate. Clamoroso epilogo nella corsa allo “Showdown” che inizierà tra due settimane al TT Circuit Van Drenthe di Assen dove Shane Byrne si presenterà da capoclassifica con 539 punti all’attivo (500 assegnati d’ufficio più 39 addizionali “Podium Credits”), ma con un Alex Lowes a quota 533 e, soprattutto, pilota del momento, autore della seconda-doppietta consecutiva dopo Cadwell Park come non capitava nel BSB addirittura dalla stagione 2009 a firma Leon Camier. Il portacolori Samsung Honda in questa seconda manche sul tracciato dell’East Midlands ha avuto ragione del recordman della categoria soltanto all’ultimo giro, riuscendo a rispondere prontamente ad un deciso tentativo di sorpasso alla “Esses Fogarty”. Così il talentuoso pilota di Lincoln ha concretizzato la quarta vittoria di fila, l’ideale per presentarsi allo “Showdown” a sole 6 lunghezze da “Shakey”, ma in vantaggio rispetto a Joshua Brookes (giù dal podio, 522 punti), James Ellison (fuori dalla corsa per la vittori a seguito di un errore nel tentativo di passare Lowes, 513 punti), oltre che Ryuichi Kiyonari (504) e James Westmoreland. Il duello tra Bridewell e Westmoreland Quarto sul traguardo, il poleman ex-vice-Campione del British Supersport ha così “beffato” il proprio compagno di squadra Jon Kirkham (7°), ad ex-aequo a quota 154 in classifica e con lo stesso numero di piazzamenti al 4° (3) e 5° (2) posto, ma con due “sesti posti” in più che sono serviti alla causa di “Westby”. Un bel riconoscimento per il 25enne pilota britannico autore del nuovo primato della pista nel corso della contesa, incredibilmente con lo stesso crono (spaccato al millesimi) di 1’29″677 siglato da Tommy Bridewell allo stesso giro. Magra consolazione per TB46, terzo regalando all’Halsall Racing Team il secondo podio nelle ultime tre gare, ma fuori dallo “Showdown” per il problema tecnico accusato in Gara 1 oltre che per l’assenza forzata di Brands Hatch GP complice il divorzio con il team Bathams Honda. L’ex portacolori del Supersonic Racing Team potrà in ogni caso tra Assen, Silverstone e Brands Hatch risultare “l’arbitro” della corsa che vale il titolo in un finale di stagione dove il nostro Matteo Baiocco ed il Rapido Sport Racing proseguiranno lo sviluppo della Ducati 1199 Panigale R in configurazione “BSB”, cercando di migliorare il 17° posto conquistato oggi in Gara 2. Cronaca di Gara Grazie all’1’29″815 siglato nella prima manche James Westmoreland scatta nuovamente dalla pole, ma come in Gara 1 allo spegnimento del semaforo si fa nuovamente sorprendere da James Ellison, Shane Byrne, Alex Lowes e Joshua Brookes, con quest’ordine davanti alla BMW #27 alla staccata della “Redgate”, ma già al discesone della “Hollywood” cambia tutto: Lowes e Byrne si presentano in prima e seconda posizione, Ellison è costretto a cedere anche la terza piazza a vantaggio di Brookes, il tutto mentre Westmoreland si ritrova a stretto contatto con il compagno di squadra e rivale nella corsa allo “Showdown” Jon Kirkham. Senza ulteriori stravolgimenti di classifica va in archivio il primo dei 20 giri previsti, cede una posizione nel frattempo Kirkham a favore di Bridewell, buona notizia per “Westy” anche se ha bisogno di qualche punto in più per guadagnare la top-6 in campionato. Una missione difficile, ma non impossibile per l’ex vice-Campione del British Supersport, a stretto contatto del poker di testa formato da (nell’ordine) Lowes, Byrne, Brookes ed Ellison per una gara apertissima e dal pronostico incerto. Al terzo giro Alex Lowes in 1’29″936 è il pilota più veloce in pista ed abbozza un tentativo di fuga, prontamente vanificato alla tornata seguente da un determinatissimo Brookes: 1’29″880, sotto l’1’30” anche lo stesso Lowes, Byrne, Ellison e Bridewell. Manca qualcuno? Sì, ed è James Westmoreland, l’unico sul passo dell’1’30”, ma trova prontamente un correttivo alla tornata seguente in 1’29″677, nuovo giro record del British Superbike a Donington Park. Finalmente la corsa entra nel vivo con i primi sorpassi: Ellison alla “Esses Fogarty” è davanti a Brookes, ne approfitta lo stesso Westmoreland alla successiva staccata del tornantino “Melbourne”. L’australiano ha qualche problema di troppo tanto da dover cedere anche la quinta piazza a vantaggio di Bridewell, ora sono sei i piloti in fila indiana ed in piena corsa per podio e/o vittoria. Lowes, Byrne ed  Ellison a confronto Si arriva ben presto ad 1/3 di gara e, nel corso dell’ottavo giro, tanto Westmoreland quanto Bridewell fermano i cronometri sullo stesso medesimo riferimento cronometrico di 1’29″677! Ritmo pazzesco, altrettanto le emozioni vissute: Ellison alla “Esses Fogarty” forza l’attacco su Byrne, questi alla “Melbourne” per resistere a Westmoreland finisce per spalancare la porta a Bridewell che, in un sol colpo, passa dalla quinta alla terza posizione. Nuova classifica al giro di boa della contesa con Lowes leader su Ellison, Bridewell, Byrne, Westmoreland e Brookes con il portacolori Buildbase BMW attualmente fuori dallo “Showdown” per soltanto 1 punticino a vantaggio del compagno di squadra Kirkham, settimo in solitaria. La corsa non manca di riservare sorprese e momenti che possono decidere la lotta per un posto nei play-off: decimo giro, staccata della “Fogarty”, Ellison attacca Lowes, ma finisce per dover rialzare la propria R1 e percorrere le vie di fuga. Con questa manovra il portacolori Milwaukee Yamaha perde 3″ abbondanti lasciando ora a Byrne il ruolo di primo inseguitore di Lowes, bravo a sfilare Bridewell “braccato” da Westmoreland. Con più soltanto 5 giri da completare, si aspetta soltanto l’epilogo: Lowes e Byrne sono ormai in fuga, Bridewell e Westmoreland conservano rispettivamente la terza e quarta piazza con quest’ultimo attualmente nella top-6 di campionato. Si arriva così all’ultimo giro e Byrne attacca Lowes alla “Esses Fogarty”, ma il talentuoso pilota di Lincoln prontamente risponde e si assicura così la seconda doppietta consecutiva, mentre con il quarto posto finale James Westmoreland rientra nello “Showdown” insieme ai già menzionati Byrne, Lowes, Brookes, Ellison e Kiyonari, soltanto 11° sul traguardo. MCE Insurance British Superbike Championship 2013 Donington Park Circuit, Classifica Gara 2 01- Alex Lowes – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – 20 giri in 30’07.355 02- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 0.058 03- Tommy Bridewell – Halsall Racing – Kawasaki ZX-10R – + 2.327 04- James Westmoreland – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 3.667 05- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.494 06- James Ellison – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 9.365 07- Jon Kirkham – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 15.597 08- Chris Walker – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 20.645 09- PJ Jacobsen – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 21.048 10- Jakub Smrz – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 21.350 11- Ryuichi Kiyonari – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 21.787 12- Josh Waters – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 29.080 13- Peter Hickman – Lloyds British GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 36.885 14- Dan Linfoot – Lloyds British GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 37.802 15- Michael Rutter – Bathams Honda – Honda CBR 1000RR – + 38.740 16- Howie Mainwaring – Tsingtao WKbikes Performance – Kawasaki ZX-10R – + 39.624 17- Matteo Baiocco – Rapido Sport Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 46.122 18- Lee Costello – Halsall Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’01.614 19- Martin Jessopp – Riders Motorcycles – BMW S1000RR – + 1’13.107 20- Aaron Zanotti – STEL Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’13.622

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy