BSB Cadwell Park Gara 2: doppietta di Tommy Hill

BSB Cadwell Park Gara 2: doppietta di Tommy Hill

Brookes e Laverty completano il podio di Gara 2

Commenta per primo!

Un vero e proprio dominio. Alla vittoria di Gara 1, Tommy Hill ha fatto seguire nella “sua” Cadwell Park il successo anche nella seconda manche nell’ambito dell’ottavo appuntamento stagionale del British Superbike 2012, scappando via negli ultimi giri a scapito di Joshua Brookes (TAS Suzuki) e Michael Laverty (Samsung Honda) rispettivamente 2° e 3° sul traguardo, aritmeticamente certi di rientrare tra i sei eletti dello “Showdown” dei tre conclusivi eventi del calendario che eleggeranno il campione 2012. Con il #1 ben in vista sul cupolino della propria Yamaha YZF R1, il capo-classifica di campionato si è così aggiudicato la settima vittoria stagionale, la sesta in carriera sul celebre tracciato del “Mountain” dove salì per la prima volta sul gradino più alto del podio in Gara 1 nel 2005 (Virgin Yamaha), riuscendo a ripetersi successivamente nel 2010 (con Crescent Suzuki), 2011 (due vittorie) e quest’anno con una doppietta senza discussioni, confermando la propria imbattibilità nelle ultime quattro gare disputate nel Lincolnshire. Con questo ennesimo trionfo e con l’assenza per infortunio di Shane Byrne, il campione BSB in carica si invola in cima alla classifica della “regular season” con 316 punti, ben 40 (!) di vantaggio rispetto a Joshua Brookes, ma soprattutto archivia ben 32 “Podium Credits” (punti addizionali da sommare ai 500 assegnati d’ufficio) in prospettiva Showdown contro i 23 di Byrne ed i 19 di Brookes. Sempre a proposito dei play-off di fine stagione, il quarto posto Michael Laverty rientra tra i sei eletti a concorrere per il titolo, da decidere nel prossimo round di Donington Park i due restanti posti disponibili. In vantaggio, grazie ad un ottimo 5° posto in Gara 2, c’è il “nostro” Tommy Bridewell con la BMW S1000RR del Supersonic Racing Team, compagine di Danilo Soncini all’esordio quest’anno nel British Superbike, ora a quota 142 contro i 125 di un rimontante Alex Lowes (podio in Gara 1, 4° nella seconda manche), i 119 di Ian Lowry (Padgett’s Honda), scendono suo malgrado le quotazioni di Noriyuki Haga fermo a 113 punti, costretto alla resa per la frattura alla clavicola rimediata nel corso della terza sessione di prove libere. Fuori da questo contesto risulta Luca Scassa, diciassettesimo in Gara 2 dopo aver guadagnato un punticino nella prima corsa della giornata, nella speranza di rifarsi il 9 settembre prossimo a Donington Park dove vinse lo scorso anno nel Mondiale Supersport. Cronaca di Gara Grazie al giro veloce di 1’27″986 siglato in Gara 1, Tommy Hill scatta dalla pole affiancato in prima fila da Alex Lowes e Joshua Brookes (bel balzo dall’undicesima posizione in griglia della prima manche), dalla seconda per un posto nello Showdown Tommy Bridewell (4°), dalla sesta il nostro Luca Scassa (16°). Nella sosta tra le due gare la pioggia ha fatto capolino a Cadwell Park, ma la pista si presenta completamente asciutta: tutti con le slick e allo spegnimento del semaforo con subito Tommy Hill che ribadisce la pole con la conquista dell’hole-shot alla staccata della “Coppice”, leader su Laverty, Brookes, Lowes, Buchan, Bridewell, via via tutti gli altri. Si va verso la “Clark” e, come nelle prime fasi di Gara 1, M-Lav decide di rompere gli indugi portandosi al comando, medesima manovra di Alex Lowes a scapito di Joshua Brookes per il quarto posto. Transitando (saltando) sul “Mountain” va in archivio il primo giro con Laverty leader su Hill, Lowes, Brookes, Buchan, Bridewell, Kirkham, Lowry, Harris e Westmoreland a completare la top-10, disastrosa partenza per Luca Scassa addirittura 18°. La corsa prosegue senza ulteriori scossoni, non prima del 3° giro: in pieno “Mountain” il giovanissimo Danny Buchan, 4° in Gara 1, sbaglia l’approccio e si ritrova mestamente a terra. Un protagonista in meno in gara, si spezza il gruppo con i primi 4 in fuga racchiusi in 1″, via via tutti gli altri dalla quarta posizione in giù tutti in fila indiana. Come nella prima manche, la gara ha qualche difficoltà a “carburare”: ci son pochi sorpassi (l’unico degno di menzione di Lowry su Kirkham per il 5° posto), bisogna attendere il giro di boa della contesa per registrare qualche cambiamento. Tommy Hill, replicando appieno la sua consueta strategia di gara, giusto all’ottavo giro attacca-e-passa Laverty per il comando alla “Charlie’s”; da vicino Brookes vede tutto e al giro di boa della contesa rompe gli indugi su Lowes all’Hairpin per il terzo posto, celebrando questo sorpasso vincente con il suo solito salto acrobatico al “Mountain”. Si va verso il “rush finale” e, a dispetto in Gara 2, Hill non scappa via: Laverty tiene il passo seppur distanziato di poco meno di 1″, inoltre c’è Brookes in furiosa rimonta. L’australiano del team TAS Suzuki ci metterà tuttavia un bel pò prima di passare Laverty, concretizzando il sorpasso soltanto al 15° giro al solito “Hairpin”. Troppo tardi per riagganciare Hill, grazie ad una sequenza di giri veloci finali celebra la settima vittoria stagionale, Brookes è 2°, Laverty 3° rientra matematicamente tra i sei eletti dello Showdown dove sono pienamente in corsa Alex Lowes (4°) e Tommy Bridewell (5°). Epilogo amaro per Luca Scassa che transita dinanzi alla bandiera a scacchi in 17esima posizione fuori dalla zona punti. MCE Insurance British Superbike Championship 2012 Cadwell Park, Classifica Gara 2 01- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – 18 giri in 26’32.851 02- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 2.594 03- Michael Laverty – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 2.594 04- Alex Lowes – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 2.730 05- Tommy Bridewell – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 12.591 06- James Westmoreland – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 17.425 07- Ian Lowry – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 17.771 08- Peter Hickman – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 17.850 09- Karl Harris – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 21.724 10- Michael Rutter – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 22.100 11- Chris Walker – Pr1mo Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 22.321 12- Jon Kirkham – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 22.562 13- Alastair Seeley – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 25.812 14- Stuart Easton – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 26.956 15- Barry Burrell – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 27.043 16- Patric Muff – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 40.218 17- Luca Scassa – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 40.331 18- Tristan Palmer – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 40.688 19- Scott Smart – Moto Rapido Racing – Ducati 1199 Panigale – + 40.745 20- Gary Mason – Pr1mo Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 41.636 21- Luke Quigley – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 46.034 22- Robbin Harms – Doodson Motorsport – Honda CBR 1000RR – + 1’15.393 23- Aaron Zanotti – A-Plant Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’29.271 Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy